Come richiedere un certificato di residenza online

Come richiedere un certificato di residenza online

Il certificato di residenza consente di attestare l’indirizzo di residenza allo stato attuale di una persona. Hai bisogno di questo documento? Puoi richiederlo online in pochi secondi e in questo articolo ti spieghiamo come procedere, insieme a tante altre informazioni utili.

A cosa serve certificato di residenza?

Il certificato di residenza attesta l’attuale residenza anagrafica di una persona fisica. In esso sono contenute, quindi, informazioni relative alla residenza dell’intestatario del certificato e trascritte nello schedario anagrafico della popolazione residente.

La residenza anagrafica, disciplinata dall’art. 43, c. 2. del Codice Civile, corrisponde al luogo in cui un soggetto ha stabilito la propria dimora abituale. L’art. 33, c. 1, del D.P.R. n. 223/1989 stabilisce che: “L’ufficiale di anagrafe rilascia a chiunque ne faccia richiesta, fatte salve le limitazioni di legge, i certificati concernenti la residenza e lo stato di famiglia“.

Nel certificato di residenza sono contenute una serie di informazioni, quali: il nome, il cognome, il luogo e la data di nascita, l’attuale Comune e indirizzo di residenza.

Il certificato di residenza storico attesta, invece, l’indirizzo attuale di residenza di un soggetto ed il precedente Comune di residenza.

Leggi anche >> Differenza tra certificato di residenza e storico di residenza

Il certificato di residenza ha una durata di 6 mesi dalla data di rilascio (Art. 41, c. l, D.P.R. 445/2000), mentre il certificato di residenza storico è sempre valido relativamente al periodo richiesto.

Dove si richiede il certificato di residenza?

I certificati di residenza possono essere richiesti su tutto il territorio nazionale, a patto che il soggetto per cui si richiede il documento sia effettivamente residente nel Comune in cui si fa la domanda. La richiesta può essere fatta online, tramite VisureItalia.

Certificato di residenza anagraficaclose

Ti serviranno:

  • Cognome
  • Nome
  • Provincia di residenza
  • Comune di residenza

Sono rilasciati dall’Ufficio Anagrafe e, come anticipato, in base a quanto stabilito dall’art. 33, c. 1, del D.P.R. n. 223/1989, il certificato di residenza e lo storico di residenza possono essere richiesti da tutti i cittadini, fatte salve le limitazioni di legge.

Possono essere richiesti, quindi, da chiunque vi abbia interesse, purché che si conoscano i dati anagrafici del soggetto: nome, cognome, provincia e comune di residenza.

È possibile richiedere un certificato di residenza online?

Come anticipato, attraverso il sito web di VisureItalia è possibile richiedere il proprio certificato di residenza online. Una volta ricevuto il vostro ordine, saremo noi a recarci /contattare il Comune di competenza e fornire tutti i documenti necessari per la richiesta.

Non dovrete fare altro che aspettare i tempi di rilascio stabiliti dall’Ufficio Anagrafe del Comune e riceverete direttamente via email il vostro certificato. Nessuna coda agli sportelli e potrete eventualmente richiedere anche la spedizione per posta del documento in originale.

Quanto costa il rilascio del certificato di residenza?

Per il certificato di residenza serve una marca da bollo da 16,00 euro. Al costo per il rilascio del certificato di residenza si dovrà aggiungere, quindi, questa cifra, i diritti di segreteria pari a 0,52 euro e le spese per il ritiro del certificato corrispondenti a 6,00 euro.

Non viene rilasciato online un certificato di residenza in carta semplice, bensì in carta legale.

Differenza tra certificato di residenza anagrafica e certificato di residenza fiscale

Il certificato di residenza fiscale, a differenza di quello anagrafico, è rilasciato dall’Agenzia delle Entrate e certifica la residenza fiscale di una persona fisica in Italia. È utile per tutte quelle persone fisiche che percepiscono redditi da lavoro in altri Paesi.

Per entrambi i certificati, sia quello anagrafico sia quello fiscale, può essere richiesta la legalizzazione del documento rilasciata dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale competente. In questo modo sarà possibile presentare il certificato di residenza in un Paese estero, in base a quanto stabilito dalla Convenzione dell’Aja del 5 ottobre 1961. È possibile richiedere, inoltre, sempre attraverso il servizio offerto da VisureItalia, la traduzione giurata del documento selezionando la lingua del Paese di riferimento.

Leggi anche >> Come fare la traduzione giurata di documenti ufficiali?

 

Social Media & Community Manager

Ho conseguito la laurea in Economia e Gestione Aziendale e da cinque anni mi occupo di digital marketing. Sono responsabile del blog SmartFocus e gestisco i canali social di VisureItalia® curando i rapporti con la community dei lettori. Ogni giorno mi informo su nuove normative in campo fiscale, tributario o economico e mi piace condividere le mie conoscenze con i nostri lettori.

© Riproduzione riservata

Se hai trovato utile questo articolo o hai bisogno di un chiarimento, lascia un commento nel form a fine pagina o scrivici a smartfocus@visureitalia.com. Inoltre, iscriviti alla newsletter per ricevere gratuitamente aggiornamenti su attualità economica, novità fiscali e tributarie, consigli pratici su normative, leggi e tributi!
Servizi VisureItalia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *