Tempi di incasso per un assegno circolare

Tempi di incasso per un assegno circolare

L’assegno circolare è un titolo di credito che viene emesso da un istituto di credito e corrisponde, praticamente, al denaro contante. La banca emittente, infatti, si obbliga al pagamento a vista a favore del beneficiario. La somma di denaro viene prelevata direttamente dal proprio conto corrente nella data di emissione dell’assegno. Quali sono i tempi di incasso degli assegni circolari? Una volta emesso il titolo, entro quanti giorni lavorativi devono essere accreditati dalla data di emissione?

L’assegno circolare è un titolo di credito, definito comunemente “a vista“. La dicitura “pagabile a vista” deve essere sempre presente negli assegni circolari. In assenza, l’assegno sarebbe nullo. Questo significa che il beneficiario può presentare il titolo presso la banca emittente e richiedere la immediata conversione in denaro contante. Infatti, la banca emittente ha preventivamente verificato e certificato la disponibilità dell’importo nel conto corrente del soggetto che deve emettere l’assegno. La copertura è quindi garantita dalla banca emittente che si obbliga al pagamento, ma entro quali tempi?

Tempi di incasso di un assegno circolare

Le tempistiche di incasso dell’assegno circolare non sono le medesime dell’assegno bancario.

Tempi di valuta bancaria

Con l’espressione “valuta bancaria” si fa riferimento al tempo intercorrente tra l’addebito di un assegno e la data di effettivo accredito sul conto corrente del beneficiario. La data di valuta influisce sul calcolo degli interessi attivi, decorrenti dal giorno in cui l’importo sarà accreditato sul conto corrente del beneficiario. I tempi di valuta sono necessari per le verifiche che la banca deve svolgere ai fini della copertura, dell’antiriciclaggio e per il contrasto al finanziamento delle organizzazione terroristiche. Tra i due assegni, bancario e circolare, sussiste una importante differenza proprio riferita alla valuta bancaria:

  • assegno bancario: 3 giorni lavorativi
  • assegno circolare: 1 giorno lavorativo

L’unica eccezione è relativa agli assegni versati nello stesso istituto di credito della banca emittente. In questo caso la valuta bancaria di accredito corrisponde alla data di emissione.

Tempi di disponibilità

Una volta trascorsi i tempi di valuta, bisognerà ancora attendere per la effettiva disponibilità delle somme. La verifica della disponibilità è fondamentale. Infatti, prima di procedere ad un prelievo o ad un pagamento, occorre sempre accertarsi che le somme siano concretamente disponibili. Questo anche onde evitare eventuali addebiti per commissioni bancarie di massimo scoperto. Le banche hanno un tempo massimo per la messa in disponibilità degli importi:

  • assegno bancario: 5 giorni lavorativi
  • assegno circolare: 4 giorni lavorativi

Tempi di validità

Entro quanto tempo deve essere pagato un assegno circolare? I tempi di incasso variano a seconda del luogo di emissione dell’assegno. Precisiamo che il beneficiario ha il dovere di incassare un assegno entro:

  • 8 giorni per gli assegni su piazza (il luogo di emissione coincide con il luogo di incasso)
  • 15 giorni per gli assegni fuori piazza (il luogo di emissione è differente rispetto al luogo di incasso)
  • 30 giorni, termine di decadenza per il regresso alla girata

Trascorsi tali termini, l’assegno circolare non è invalidato o nullo. Gli assegni circolari si prescrivono, infatti, in 3 anni dalla data di emissione. Entro tale termine, la banca emittente è sempre obbligata al pagamento dell’assegno. Qualora il beneficiario non presenti il titolo all’incasso entro 3 anni dalla data di emissione, l’assegno verrà acquisito tra i titoli cosiddetti “dormienti“. Solo il soggetto che l’ha emesso potrà richiederne l’accredito fino al termine definitivo di prescrizione di 10 anni.

 

Sono un avvocato del Foro di Cagliari, specializzato in materia di diritto civile e, in particolare, in diritto di famiglia e minori, recupero del credito e risarcimento del danno. Da oltre 15 anni metto a disposizione dei Clienti le mie competenze specialistiche e attraverso SmartFocus voglio aiutare persone e le imprese a capire i problemi connessi con il recupero di un credito nei confronti di un debitore.

© Riproduzione riservata

Se hai trovato utile questo articolo o hai bisogno di un chiarimento, lascia un commento nel form a fine pagina o scrivici a smartfocus@visureitalia.com. Inoltre, iscriviti alla newsletter per ricevere gratuitamente aggiornamenti su attualità economica, novità fiscali e tributarie, consigli pratici su normative, leggi e tributi!
Servizi VisureItalia

31 commenti per "Tempi di incasso per un assegno circolare"

  • Vinci ha detto:

    Buongiorno ho versato un assegno di una banca estera francese dopo quanto tempo mi viene accreditato grazie

    • Redazione ha detto:

      Buongiorno, le tempistiche potrebbero variare da banca a banca. Per una informazione precisa è consigliabile rivolgersi presso la propria banca. Cordiali saluti.

  • Peppe ha detto:

    Buongiorno, la scorsa settimana abbiamo effettuato una compravendita di un immobile, il cliente il giorno della stipula ci ha fornito degli assegni circolari.
    L’indomani abbiamo versato gli assegni e con molto stupore uno degli assegni versati per un importo di circa 100.000€ è risultato impagato, molto probabilmente per un vizio di forma in quanto riguardando la copia dell’assegno ci siamo accorti che mancava la firma del funzionario di banca. Ora ci tocca aspettare che rientri la copia conforme dell’assegno non pagato e rifarne emettere uno nuovo….Per legge ci spetta un’indennizzo? non vale la regola del 10% dell’importo dell’assegno di insoluto come gli assegni normali?
    Grazie

    • Redazione ha detto:

      Gentile Peppe, l’art. 3 della Legge n. 386/1990 fa riferimento ai soli assegni bancari. Le suggeriamo di chiedere maggiori informazioni presso l’istituto di credito. Cordiali saluti.

  • Sara ha detto:

    Salve ho un assegno bancario circolare non trasferibile superiore le 3000 versato nrl mio libretto postale il 23 dicembre quando trovo la disponibilità?

    • Redazione ha detto:

      Gentile Sara, le tempistiche di accredito dell’importo dipendono dall’istituto di credito. Le suggeriamo di rivolgersi alle Poste per ottenere informazioni più dettagliate in merito al suo quesito. Cordiali saluti.

  • Gennaro de Simone ha detto:

    Ho un assegno che scade il 31 dicembre e nn riesco a coprirlo del tutto posso versare la somma mancante in due giorni…. O vado in protesto?

    • Redazione ha detto:

      Gentile Gennaro, potrebbe procedere con un pagamento tardivo. Le suggeriamo di richiedere informazioni presso l’istituto di credito. Cordiali saluti.

  • silvia ha detto:

    avendo un assegno circolare e volendolo versare sul conto corrente al bancomat, quanto tempo ho per farlo? su alcuni siti ho letto 4 giorni, su altri 8, 15 giorni, su altri ancora 3 o 10 anni, e sono davvero molto confusa. Tra quanto tempo scadrà e non potrò più incassarlo?

    • Redazione ha detto:

      Buongiorno Silvia, a differenza dei tempi di incasso che dipendono dall’istituto di credito in questione, non dovrebbero esserci dei limiti per procedere con il versamento di un assegno presso gli sportelli ATM oppure in banca. Le suggeriamo, comunque, di richiedere maggiori informazioni presso la Sua banca di riferimento. Cordiali saluti.

  • valerio fraternali ha detto:

    Salve, ho emesso un assegno circolare di 5000€ per una proposta di acquisto di casa. Dopo averlo ricevuto indietro dall’agenzia per il rifiuto della stessa, risulta al momento disperso. Nel malaugurato caso che non si trovi, cosa posso fare? In mio possesso ho ricevuta e fotocopia. Grazie

    • Redazione ha detto:

      Buongiorno Valerio, in caso di smarrimento, sottrazione o distruzione di un assegno circolare è necessario denunciare l’accaduto al trattario o all’istituto emittente. Il possessore potrà poi ottenerne il pagamento attraverso la richiesta di ammortamento al Presidente del Tribunale del luogo in cui l’assegno è pagabile (o sede del domicilio del richiedente) in modo da renderlo inefficace verso terzi. Questa procedura non è valida, però, in caso di un assegno emesso con clausola “non trasferibile”, in quanto in questo caso il beneficiario potrà ottenere un duplicato denunciando lo smarrimento, la sottrazione o la distruzione al trattario o all’istituto emittente dell’assegno. Cordiali saluti.

  • Giovanni Galantuomo ha detto:

    Salve ho fatto un errore ho depositato i soldi di un assegno su un altro conto se no chiedono IBAN che il giorno dopo però adempito a portare i soldi sull’assegno che avevo fatto un giorno di ritardo cosa mi comporta dell’assegno?

    • Redazione ha detto:

      Buongiorno Giovanni, il suo quesito non è chiaro. Potrebbe specificare meglio? Saremmo lieti di poterla aiutare. Grazie.

  • STEFANO ha detto:

    BUONASERA HO RICEVUTO UN ASSEGNO CIRCOLARE IL 20 C0N VALUTA SUL MIO CONTO IL 23 QUANDO LO VEDO REALMENTE SUL MIO CONTO

    • Redazione ha detto:

      Buongiorno Stefano, le tempistiche di accredito definitivo dell’importo dipendono dall’istituto di credito, che, ad esempio, potrebbe versare la somma sul suo conto anche dopo 7 giorni. Le suggeriamo di rivolgersi alla sua Banca per ottenere informazioni più dettagliate in merito al suo quesito. Cordiali saluti.

  • Teresa ha detto:

    Salve.Si può incassare un assegno circolare intestato ad un defunto.l’assegno è una caparra confirmatoria di una proposta di vendita di un immobile. Grazie

    • Redazione ha detto:

      Buongiorno Teresa, è probabile che l’istituto di credito richieda per la riscossione dell’assegno la dimostrazione dello status di erede. Le sapranno fornire maggiori informazioni in filiale. Cordiali saluti.

  • D.I. ha detto:

    Se incasso un assegno circolare allo sportello dopo i 30 gg. me lo scambiano oppure a cosa accade?

    • Redazione ha detto:

      Buongiorno, i 30 giorni fanno riferimento al termine temporale entro cui il beneficiario, nel caso la banca emittente rifiuti il pagamento, può esercitare azione di regresso nei confronti di colui che ha richiesto l’emissione dell’assegno. L’assegno può essere, quindi, comunque incassato ma con minori tutele. Cordiali saluti.

  • Francesco Tramontano ha detto:

    Ho ricevuto un assegno circolare il giorno 16 giugno e caricato in banca lo stesso giorno mi esce valuta 18 giugno quando tempo ci vuole per vederlo disponibile?
    Considerando che il 16 era mercoledì
    Grazie

    • Redazione ha detto:

      Gentile Francesco, una volta trascorsi i tempi di valuta bisognerà ancora attendere per la effettiva disponibilità delle somme e per l’assegno circolare il tempo massimo per la messa in disponibilità degli importi è di 4 giorni lavorativi. Presumibilmente la cifra sarà disponibile entro il 24 giugno. Cordiali saluti.

  • Gianni ha detto:

    Potete per favore spiegere meglio la differenza tra periodo di validità e prescrizione? Nello specifico, trascorsi i 15 giorni in riferimento ad un assegno fuori piazza, cosa può fare il beneficiario per incassare il titolo?

    • Redazione ha detto:

      Gentile Gianni, trascorso tale termine, l’assegno rimane incassabile ma con minori tutele. Per maggiori informazioni, le suggeriamo di rivolgersi presso la banca emittente. Cordiali saluti.

  • Andrea ha detto:

    Domanda,quindi la sentenza nª 5889 del 12.03.2018 e’ l’ultima ed e’ ancora in vigore no?Non e’ stata abrogada o modificata giusto? Cioe’ il termine max per incassare un assegno circolare non trasferibile sono 3 anni e’ giusto?

    • Redazione ha detto:

      Gentile Andrea, il termine di tre anni dall’emissione riguarda la prescrizione dell’azione contro l’emittente (art. 84 del R.D. n. 1736/1933). Cordiali saluti.

  • Faletto ha detto:

    Se verso un assegno circolare di vendita casa posso disporre subito della cifra visto che è denaro contante?

    • Redazione ha detto:

      Gentile Faletto, la disponibilità non è immediata. Una volta trascorsi i tempi di valuta, bisognerà attendere qualche giorno per la effettiva disponibilità delle somme. Le suggeriamo di chiedere conferma sulle tempistiche presso la banca. Cordiali saluti.

  • Agostino ha detto:

    Se mi presento alla banca emittente dell’assegno circolare e non sono correntista e non me lo pagano subito, io lo posso fare protestare immediatamente dal notaio, per mancanza di fondi. O mi sbaglio?

    • Redazione ha detto:

      Gentile Agostino, può riscuotere l’assegno in contanti, nei limiti delle norme di antiriciclaggio, in qualsiasi sportello della banca che lo ha emesso, oppure può accreditare l’importo su un conto corrente a lei intestato. L’assegno è sempre coperto, ma la somma indicata nell’assegno – in base alla suo ammontare – potrebbe essere non immediatamente disponibile. La banca la informerà sulle tempistiche di attesa. Cordiali saluti.

  • Fernando Ingrosso ha detto:

    Ringrazio, quindi l’ass circ fuori piazza scade dopo 15 gg. Un caro saluto. Ingrosso di AL

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.