Come richiedere una copia conforme di successione

Come richiedere una copia conforme di successione

Può capitare che alcuni istituti di credito richiedano agli eredi, che vogliano effettuare operazioni sul conto corrente intestato al defunto, la copia conforme di successione. Ecco come ottenerla.

La copia conforme di successione

La copia conforme di successione

Come fare dichiarazione di successione

Facciamo un piccolo passo indietro e vediamo prima di tutto in cosa consiste la dichiarazione di successione. Si tratta di un documento che deve essere presentato entro un anno dalla data di apertura della successione. Questa coincide, generalmente, con la data del decesso del contribuente. I soggetti chiamati alla sua presentazione sono gli eredi, i chiamati all’eredità e i legatari, ma anche tutta una serie di altre persone che puoi leggere in questo articolo.

Tutte le dichiarazioni di successione aperte dal 3 ottobre 2006, salvo specifiche eccezioni, devono essere presentate solo telematicamente con il nuovo modello approvato dall’Agenzia delle Entrate con il Provvedimento n. 231243 del 27 dicembre 2016. È previsto, tuttavia, un periodo transitorio dal 23 gennaio 2017 al 31 dicembre 2018 durante il quale è ancora accettata la presentazione anche utilizzando il Modello 4 all’ufficio territoriale dell’Agenzia delle Entrate competente (ultima residenza nota della persona deceduta).

Questo stesso modello deve essere sempre utilizzato per le dichiarazioni di successione aperte prima del 3 ottobre 2006 e per le dichiarazioni integrative, sostitutive, modificative di successioni presentate con tale modello.

Non è obbligatoria la dichiarazione di successione se:

  • l’eredità è devoluta al coniuge e ai parenti in linea retta del defunto;
  • l’attivo ereditario ha un valore non superiore a 100.000 euro e non comprende beni immobili o diritti reali immobiliari.

Queste condizioni devono verificarsi contemporaneamente e devono rimanere invariate anche nei casi in cui altri beni o diritti entrino successivamente nell’attivo ereditario.

Ottenere una copia conforme di successione

In alcuni casi, come per lo svincolo di conti correnti oppure titoli, può essere necessario presentare una copia conforme di successione. Si dovrà quindi richiedere il suo rilascio recandosi in qualsiasi ufficio territoriale, anche diverso da quello di competenza. La copia conforme di successione per poter essere utilizzata necessita del pagamento dei tributi speciali e dell’ imposta di bollo.

Questa richiesta può essere ovviamente effettuata solo dall’erede. L’ufficio, a fronte dell’istanza, consegnerà i documenti richiesti in formato cartaceo.

© Riproduzione riservata

Se hai trovato utile questo articolo o hai bisogno di un chiarimento, lascia un commento nel form a fine pagina o scrivici a smartfocus@visureitalia.com. Inoltre, iscriviti alla newsletter per ricevere gratuitamente aggiornamenti su attualità economica, novità fiscali e tributarie, consigli pratici su normative, leggi e tributi!

Servizi VisureItalia
 

Social Media & Community Manager

Ho conseguito la laurea in Economia e Gestione Aziendale e da cinque anni mi occupo di digital marketing. Sono responsabile del blog SmartFocus e gestisco i canali social di VisureItalia® curando i rapporti con la community dei lettori. Ogni giorno mi informo su nuove normative in campo fiscale, tributario o economico e mi piace condividere le mie conoscenze con i nostri lettori.

© Riproduzione riservata

Se hai trovato utile questo articolo o hai bisogno di un chiarimento, lascia un commento nel form a fine pagina o scrivici a smartfocus@visureitalia.com. Inoltre, iscriviti alla newsletter per ricevere gratuitamente aggiornamenti su attualità economica, novità fiscali e tributarie, consigli pratici su normative, leggi e tributi!
Servizi VisureItalia

29 commenti per "Come richiedere una copia conforme di successione"

  • Eliseo Alberto Negro Cusa ha detto:

    Buongiorno premetto che sono stato nominato dagli eredi procuratore legale per chiudere le pratiche di successione. Una di questi eredi ha rinunciato volevo sapere se sono obbligato a fornirgli copia della rettifica di successione oppure può andarla lei a richiedere presso gli uffici dove è depositata.
    Grazie

    • Redazione ha detto:

      Buongiorno Eliseo Alberto, considerato che lei è stato nominato procuratore legale da tutti gli eredi, al momento della presentazione della rettifica di successione avrebbe dovuto richiedere la copia della stessa per ognuno degli eredi compreso quello che ha rinunciato. Cordiali saluti.

  • Paola ha detto:

    Buonasera, per chiudere un conto corrente intestato a mio padre che è morto due settimane fa’ ,la banca ci ha detto che dobbiamo fare la successione, e portare a loro non la copia ma l’originale. Visto che siamo 3 fratelli,alla fine quante copie mi dovro’ far stampare che siano comunque conformi all’originale?

  • Marco ha detto:

    Buonasera, mio fratello ha detto al mio notaio di aver presentato la dichiarazione di successione, a seguito della morte di mio padre. Dal momento che è impossibile contattarlo,come posso sapere se ha effettivamente presentato la dichiarazione?

    • Redazione ha detto:

      Buongiorno Marco, attraverso il servizio rintraccio successioni può verificare l’esistenza di una dichiarazione di successione registrata in Agenzia delle Entrate. Il servizio deve essere richiesto compilando il form con i dati del defunto (cognome, nome e codice fiscale del de cuius). Restiamo a sua disposizione per chiarimenti ed informazioni.

  • Carlo ha detto:

    Buongiorno,
    sono creditore di una somma (accertata con sentenza) nei confronti un defunto, il quale era vedovo e senza figli. Non ha lasciato testamento.
    Il suo procuratore generale che non era parente né erede ha però chiuso i c/c bancari intestati al de cuius e riscosso la somma, mentre i chiamati all’eredità dichiarano di non essere interessati all’eredità (senza avervi rinunziato).
    Ora, Vi chiedo:
    – la banca può aver fatto chiudere i c/c senza che sia stato presentata una dichiarazione di successione,
    – può l’agenzia delle entrate comunicare a me che sono creditore (non erede) se è stata presentata dichiarazione di successione e darne una copia?

    Grazie anticipatamente

    • Redazione ha detto:

      Buonasera carlo, la dichiarazione di successione è un atto unilaterale che viene presentato dagli eredi in Agenzia delle Entrate. Lei, in qualità di soggetto creditore, non può richiederne la copia in quanto non ha la qualifica di erede. La banca, presumibilmente, ha chiuso i rapporti bancari su indicazione del procuratore. Allo stato attuale, visto che il suo interesse è naturalmente recuperare il suo credito, può richiedere al procuratore il pagamento di quanto dovuto dal debitore de cuius facendo ricorso alle somme prelevate dai conti correnti intestati al de cuius. In alternativa, possiamo proporle il servizio di servizio di rintraccio successioni che fornisce tutti i dati di una successione, se depositata in Agenzia delle Entrate.

  • Valerio ha detto:

    Buonasera,
    per poter vendere un appartamento ereditato da mia nonna nel 1994 mi è stato chiesto di vedere il contenuto della successione.
    Come posso richiederlo ?
    Grazie
    Valerio

    • Redazione ha detto:

      Buonasera Valerio, se la successione è stata regolarmente registrata in Agenzia delle Entrate, è sufficiente effettuare una visura ipocatastale con i dati di sua nonna. La visura estrae l’elenco di tutti gli atti notarili, compresa la successione se registrata, trascritti in Conservatoria e comprende anche lo sviluppo della singola formalità in modo da visionare il contenuto della successione

  • Angela ha detto:

    Salve, mia nonna è deceduta il 1 giugno 2019 lasciando in eredità 2 immobili ed un terreno ai suoi 6 figli.
    Prima della scadenza del termine utile di un anno, i fratelli/sorelle di mia madre ( che preciso è malata di Alzheimer) hanno chiesto una copia dei suoi documenti con una firma che noi figli non abbiamo mai consegnato.
    Ad oggi ci è stato comunicato dai fratelli di mia madre che la pratica di successione è stata fatta comunque ma mia madre ed un suo fratello non hanno ricevuto copia.
    Non avendo gli estremi di questo documento, come faccio a richiedere copia all’agenzia delle entrate?

    • Redazione ha detto:

      Buonasera Angela, se la dichiarazione di successione è stata presentata e registrata in Agenzia delle Entrate, si può effettuare una ispezione in Conservatoria con i dati di sua nonna o di sua madre. Nell’elenco delle formalità, sarà presente anche la successione e si potrà verificare il contenuto. Può richiedere la visura ipocatastale persona fisica per disporre di tutti questi dati.

  • Maria Patrizia ha detto:

    Buonasera, scusate errore nella e-mail, riformulo la richiesta:
    posso richiedere la copia della successione telematica essendo in regione diversa da quella dove è stata presentata la successione?
    Ringrazio anticipatamente
    MPG

    • Redazione ha detto:

      Buonasera Maria, è possibile richiedere la copia di una successione ma la Agenzia delle Entrate non è detto che la invierà telematicamente. Le suggeriamo di inviare una PEC all’Ufficio Provinciale della Agenzia delle Entrate dove è stata registrata la successione e richiedere se è prevista, tra le modalità di trasmissione, anche quella telematica. Purtroppo ogni ufficio provinciale in Italia adotta una procedura differente.

  • Lino ha detto:

    Scusate per la domanda, mia sorella (nubile e senza proprietà) è deceduta il 25/09/2019. Il Ministero della Giustizia dove lavorava ha chiamato noi unici fratelli (rimasti) facendoci compilare e firmare vari moduli per il TFS spettante. L’ INPS preposto alla liquidazione ci ha chiesto copia di successione dell’ Agenzia delle Entrate di cui il TFS spettante non supera le 78.000,00€. Chiedo cortesemente se è giusto ciò che chiedono o meno?
    Rimango cortesemente in attesa di una vostra risposta in merito.
    Grazie

    • Redazione ha detto:

      Gentile Lino, sul sito web dell’INPS viene indicata la documentazione richiesta agli aventi diritto del Trattamento di Fine Servizio (TFS) in caso di decesso dell’iscritto.
      È necessario presentare una dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà, ai sensi del DPR n. 445/2000, sottoscritta da uno degli aventi diritto, nella quale devono essere elencati nominativi, codici fiscali e codici IBAN dei beneficiari/eredi, specificando che non esistono altri aventi diritto oltre quelli indicati. In caso di successione testamentaria, invece, è richiesta una copia del testamento, la quale deve essere fatta pervenire alla sede INPS competente al pagamento della prestazione. Nel portale INPS viene specificato, inoltre, che nella Sede procedente potrebbe essere richiesta una eventuale ed ulteriore documentazione.

  • franca ha detto:

    Salve a tutti,
    ho fatto la successione online della casa dei miei genitori a giorni dovrei fare il rogito è sufficiente la successione ricevuta online o mi dovrei recarmi all’Ufficio Registri con una copia farmi mettere un timbro e naturalmente marche da bollo? Ho parlato con un assistente del notaio non mi ha dato risposta perché ancora non l’hanno presa in carica secondo voi la successione online completa di numero protocollo può bastare per andare al rogito? Cordialmente. F.R.

    • Redazione ha detto:

      Gentile Franca,
      ha verificato se è stata eseguita la voltura in Catasto e la trascrizione in Conservatoria? Può accertarlo eseguendo una visura ipocatastale per immobile.
      Nel caso risultino già trascritte e volturate, potrà proporre la successione ricevuta online.
      Cordiali saluti.

  • Silvia ha detto:

    Gentili signori, in seguito al decesso di mio marito, il mio commercialista, un mese e mezzo fa, ha presentato domanda di successione all’Agenzie delle Entrate inviando la dichiarazione dei cespiti mandatami dalla banca di mio marito. La banca, però, per sbloccare il conto di mio marito, ha richiesto l’attestazione della suddetta successione. Secondo voi è normale che dopo un mese e mezzo tale attestazione ancora non sia disponibile? Grazie!

    • Redazione ha detto:

      Gentile Silvia,
      il Commercialista dovrebbe aver ricevuto al momento dell’invio della dichiarazione di successione la copia conforme della stessa. Le consigliamo quindi di rivolgersi al Commercialista per ottenere tale documento da consegnare alla banca.
      Cordiali saluti.

  • Domenico De Simone ha detto:

    quando morì mia nonna nel 1989 fu fatto da mia zia l’atto di successione. Ora noi eredi, per vendere la casa, abbiamo bisogno di una copia dell’atto in questione. Presso quale sede dell’agenzia delle entrate possiamo trovarlo a Roma, visto che ci sono vari uffici preposti al problema?

  • Gaetano de Marte ha detto:

    Salve, io dovrei richiedere una copia conforme di successione, avvenuta nel 2012 a Salerno. All’agenzia delle entrate a Roma, mi é stato detto che, devo andare per forza nel comune dove è stata fatta perché in quel periodo erano cartacee e non telematiche. É vero questo? Grazie. Gaetano de Marte.

    • Redazione ha detto:

      Buongiorno Gaetano,
      la dichiarazione di successione depositata nel 2012 è certamente in formato cartaceo. Deve richiederne copia presso l’Ufficio Provinciale della Agenzia delle Entrate nel quale è stata depositata.

  • mirella raus ha detto:

    Lo scorso venerdì è morta mia madre e non sono potuta andare al suo funerale poichè vivo all’estero e non mi è stato possibile. Mio fratello mi ha chiesto di scendere comunque per andare all’agenzia delle entrate e per chiudere il cc bancario dove veniva accreditata la reversibilità di mio padre. Non so se è possibile rinunciare alla povera eredità di mia madre che non possedeva niente, come posso fare e in che tempi? Mi potreste consigliare per favore … vi ringrazio

    • Redazione ha detto:

      Buongiorno Mirella, ci dispiace per la sua perdita. Se è sua intenzione rinunciare all’eredità di sua madre può farlo.
      Deve rinunciarvi espressamente mediante dichiarazione ricevuta da un notaio su tutto il territorio italiano o dal Cancelliere del Tribunale del circondario in cui si è aperta la successione (ultimo domicilio del defunto). La rinuncia all’eredità non può essere sottoposta ad una condizione o ad un termine, né può essere limitata solo ad una parte dell’eredità.
      La rinunciare all’eredità deve essere presentata entro tre mesi dal decesso se si è nel possesso dei beni o entro dieci anni se non si e’ nel possesso dei beni e non ha effetto se non è osservata la forma prescritta (art. 519 c.c.). È opportuno effettuare la rinuncia prima della presentazione della denuncia di successione o comunque prima di dividere l’eredità. Cordiali saluti.

  • Mario Gervasi ha detto:

    Siete stati molto suadenti e chiari nella esposizione dei fatti. Grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *