Voltura catastale per successione: come si fa e quanto costa

Voltura catastale per successione: come si fa e quanto costa

La domanda di voltura deve essere inoltrata all’Agenzia delle Entrate ogni qualvolta vi sia una modifica nel titolare di un diritto reale su un bene immobile. Questo cambiamento può avvenire, per esempio, dopo una compravendita di una casa, un trasferimento di un usufrutto o una successione ereditaria. In questo articolo analizzeremo nello specifico il caso della voltura catastale per successione.

Voltura catastale per successione: istruzioni per l’uso

La voltura catastale è obbligatoria in caso di successione se il de cuius era titolare di un determinato diritto reale su un bene immobile. In questa situazione è, infatti, necessario aggiornare le intestazioni catastali, in modo da consentire all’Amministrazione finanziaria di adeguare le relative situazioni patrimoniali.

Devono presentare la domanda di voltura coloro che sono tenuti a registrare gli atti con cui si trasferiscono diritti reali su beni immobili. Questo significa che a seguito di una successione saranno obbligati ad effettuare questa comunicazione gli eredi, i loro tutori o curatori, gli amministratori dell’eredità o gli esecutori testamentari.

In caso di più eredi, e quindi più persone obbligate alla presentazione, è sufficiente inoltrare una sola domanda di voltura.

Voltura catastale e accettazione tacita dell’eredità

Si ha un’accettazione tacita quando il chiamato all’eredità assume un comportamento che non avrebbe diritto ad avere se non nella qualità di erede (art. 476 c.c.). La voltura catastale per successione rientra, quindi, tra gli atti che esprimono, pur in assenza di una dichiarazione esplicita, l’inequivocabile volontà di accettare l’eredità?

La questione è stata affrontata dalla Corte di Cassazione con diverse sentenze (Cass. sent. n. 5319/2006, Cass. sent. n. 10796/2009, Cass. sent. n. 8980/2017, Cass. sent. n. 32770/2018, ecc.). L’orientamento prevalente è che l’indagine relativa alla esistenza o meno di un comportamento qualificabile come accettazione tacita deve essere condotta dal giudice di merito caso per caso. Ci sono stati, infatti, dei casi in cui l’accettazione tacita di eredità venisse validamente desunta dalla voltura catastale dei beni immobili
appartenuti al de cuius e altri in cui non fosse sufficiente per dare piena prova della proprietà immobiliare.

Per approfondire >> La voltura catastale comporta l’accettazione tacita dell’eredità?

Come fare voltura catastale per successione

Nelle successioni ereditarie, come anticipato, spetta a chi ha registrato la dichiarazione di successione comunicare anche la richiesta di voltura.

Voltura catastaleclose

Ti serviranno:

  • Ufficio Catasto
  • Catasto
  • Comune
  • Foglio
  • Particella o Mappale

Questa deve essere presentata antro 30 giorni dalla dichiarazione di successione seguendo una delle seguenti modalità:

● richiedendo il servizio voltura catastale per successione online. Nessuna fila allo sportello e, quindi, nessuna perdita di tempo. La richiesta verrà inoltrata online e provvederemo alla presentazione della domanda di voltura presso l’Agenzia delle Entrate Territorio, servizi catastali, della provincia dove è ubicato l’immobile oppure dove è stata registrata la denuncia di successione.

● utilizzando il software Voltura 1.1 e presentando poi allo sportello dell’ufficio il supporto informatico con il modello digitale della domanda e la relativa stampa con data e firma.

● attraverso i modelli cartacei (per i fabbricati e/o per i terreni) disponibili anche presso gli uffici provinciali – Territorio.

Quanto tempo ci vuole per una voltura catastale? Una volta presentata la domanda di voltura catastale saranno necessari in media 15 giorni lavorativi per ottenere riscontro dell’avvenuta registrazione.

Quanto costa una voltura catastale

La domanda di voltura catastale prevede il versamento di 55,00 € di tributo speciale catastale e di 16,00 € di imposta di bollo per ogni 4 pagine della domanda. Il tributo speciale è dovuto per ogni singola domanda di voltura, limitatamente agli immobili siti in un unico comune e relativamente al solo Catasto Terreni o Catasto Fabbricati.

Al costo della voltura catastale si aggiungono gli eventuali compensi se il servizio è stato richiesto online e le possibili sanzioni amministrative in caso di voltura catastale tardiva.

La Circolare n° 2/2014 dell’Agenzia delle Entrate ha stabilito che, dal 1 gennaio 2014, le domande di voltura dipendenti da atti che scontano l’imposta di registro proporzionale nella misura del 9%, 2% o del 12% non devono versare i tributi speciali e l’imposta di bollo.

È possibile presentare una voltura catastale per successione ritardo

La voltura catastale per successione deve essere presentata entro 30 giorni dalla registrazione del certificato di successione. Quest’ultimo deve essere, infatti, trascritto nei registri immobiliari entro 60 giorni dalla presentazione della dichiarazione di successione.

Se la voltura non viene inoltrata entro tale termine, oppure la presentazione avviene in ritardo, ai costi indicati in precedenza si deve aggiungere anche il pagamento di una sanzione per “mancata presentazione della voltura catastale entro i termini”.

L’allegato 1 della Circolare n. 2/2002 dell’Agenzia delle Entrate ha infatti stabilito che la mancata o tardiva presentazione delle volture catastali è sanzionabile con multe dai 15,00 € ai 61,00 €, più gli interessi di mora al tasso legale pro-tempore vigente.

In caso di regolarizzazione spontanea della voltura omessa è possibile usufruire dell’istituto del ravvedimento operoso versando la sanzione in forma ridotta. La sanzione decade dopo il 31 dicembre del quinto anno successivo a quello in cui è avvenuta la violazione.

Come correggere gli errori presenti in voltura

Può capitare di riscontrare degli errori nella voltura catastale. Questi possono essere dovuti all’errata immissione dei dati da parte dell’Agenzia del Territorio oppure l’errata predisposizione della voltura.

Quando gli errori sono imputabili all’inesatta compilazione delle domande di voltura catastale, la correzione deve essere eseguita attraverso una nuova domanda di voltura a rettifica, con la corresponsione dei relativi tributi.

Fonte: AGENZIA DELLE ENTRATE

 

Legal Service Specialist in VisureItalia®

Legal Service Specialist – Ho acquisito una formazione tecnica in architettura di interni e nell’architettura del paesaggio. Da venti anni svolgo la professione di visurista per ispezioni ipotecarie e catastali presso la Conservatoria dei Registri Immobiliari ed il Catasto per conto di studi notarili, enti di riscossione e istituti di credito. In VisureItalia® ricopro il ruolo di Legal Services Specialist e coordino le attività del team di visuristi operativi in tutti gli Uffici di Pubblicità Immobiliare in Italia. Su SmartFocus condivido le mie conoscenze per facilitare l’accesso alle banche dati pubbliche e ai Pubblici Registri in particolare.

© Riproduzione riservata

Se hai trovato utile questo articolo o hai bisogno di un chiarimento, lascia un commento nel form a fine pagina o scrivici a smartfocus@visureitalia.com. Inoltre, iscriviti alla newsletter per ricevere gratuitamente aggiornamenti su attualità economica, novità fiscali e tributarie, consigli pratici su normative, leggi e tributi!
Servizi VisureItalia

0 commenti per "Voltura catastale per successione: come si fa e quanto costa"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *