Come fare una proposta di acquisto di una casa?

Come fare una proposta di acquisto di una casa?

Con la proposta di acquisto si manifesta al venditore il proprio interesse per il suo immobile e si propone il prezzo che si intende pagare. Se il venditore accetta, allora si passa al preliminare e infine al rogito, cioè all’atto finale della vendita. In questo articolo sulla proposta di acquisto casa spieghiamo in breve gli aspetti principali da conoscere su questo argomento.

INDICE:

  1. Cos’è la proposta di acquisto?
  2. Quanto si dà alla proposta di acquisto della casa?
  3. Che documenti servono per fare la proposta di acquisto?
  4. Come richiedere i documenti catastali online?
  5. Cosa bisogna scrivere nel modulo della proposta?
  6. Cosa succede dopo l’accettazione della proposta d’acquisto?

Cos’è la proposta di acquisto?

Come specificato dal Consiglio Nazionale del Notariato, bisogna distinguere la proposta d’acquisto dal preliminare. La prima, infatti, è la dichiarazione dell’acquirente di voler acquistare un determinato bene a un certo prezzo. Di solito si tratta di un modulo prestampato fornito dall’agenzia immobiliare, ed è accompagnata dal versamento di una somma di denaro a titolo di caparra.

Dopo averla firmata, la proposta contiene degli impegni già vincolanti per l’acquirente ma, nel frattempo, il venditore rimane libero di valutare anche altre offerte. Proprio per questa motivazione, infatti, molti preferiscono stipulare sempre un contratto preliminare perché la proposta d’acquisto vincola soltanto la parte che l’ha firmata. In seguito all’accettazione da parte del venditore, poi, la proposta di acquisto si converte in automatico in un contratto preliminare.

Quanto si dà alla proposta di acquisto della casa?

Così come abbiamo visto, quando si decide di avanzare un’offerta per acquistare una casa, bisogna formulare una proposta accompagnata da una caparra. L’assegno, non trasferibile ed intestato al proprietario dell’immobile, di solito ammonta ad alcune migliaia di euro. Non esiste una regola precisa ma, in linea di massima, la percentuale della caparra confirmatoria è del 10% circa del prezzo indicato sulla proposta.

Che documenti servono per fare la proposta di acquisto?

Ancor prima di firmare la proposta di acquisto, è importante visionare diversi documenti relativi alla casa scelta:

  • rogito del venditore e atto di provenienza della casa,
  • planimetria e visura catastale per verificare se sono stati eseguiti lavori non presenti in origine. In tal caso, se l’immobile non è conforme allo stato originario o a norme edilizie, il venditore dovrà regolarizzare la situazione,
  • visura ipotecaria dell’immobile, in modo tale da verificare se su questo gravano degli oneri. Anche in una simile circostanza il venditore dovrà provvedere alla relativa cancellazione,
  • documentazione che certifica la conformità degli impianti secondo la normativa di riferimento,
  • documenti sugli eventuali contratti di affitto/comodato,
  • resoconto delle spese condominiali pregresse,
  • ultimo verbale di assemblea per verificare la presenza di eventuali delibere relative a spese straordinarie.

Come richiedere i documenti catastali online?

Ottenere i documenti utili per fare la proposta di acquisto della casa che ti interessa è molto semplice: basta richiederli online su VisureItalia per riceverli direttamente alla tua e-mail!

Planimetria catastale onlineclose

Ti serviranno:

  • Ufficio Catasto
  • Comune
  • Foglio
  • Particella o Mappale
  • Subalterno

Visura catastale immobileclose

Ti serviranno:

  • Ufficio Catasto
  • Catasto
  • Comune
  • Foglio
  • Particella o Mappale
  • Subalterno

Visura ipotecaria persona fisicaclose

Ti serviranno:

  • Conservatoria
  • Cognome
  • Nome
  • Codice Fiscale

La planimetria catastale è la rappresentazione grafica in scala 1:200 di una singola unità immobiliare al Catasto Fabbricati. Indica la disposizione interna dei vani, della loro destinazione d’uso e degli accessi all’unità immobiliare.

La visura catastale immobile riporta i dati del proprietario, la natura e quota dei diritti reali e i dati catastali dell’immobile.

Infine, la visura ipotecaria immobile evidenzia tutte le formalità o atti notarili (compravendita, donazione, successione, ipoteca, pignoramento) trascritti in Conservatoria RR.II. riferite ad una unità immobiliare.

Cosa bisogna scrivere nel modulo della proposta?

Se la vendita è gestita da un’agenzia immobiliare, è proprio quest’ultima a fornire il modulo da compilare per formulare la propria proposta. Questo documento, nello specifico, contiene dei dati fondamentali, come i seguenti:

  • dati di proprietario, potenziale acquirente e agenzia immobiliare,
  • informazioni relative all’immobile, come dati catastali, agibilità, conformità alle norme edilizie,
  • indicazione della data ultima per stipulare il contratto definitivo,
  • termine di irrevocabilità della proposta,
  • compenso dovuto all’agenzia immobiliare,
  • prezzo proposto.

Cosa succede dopo l’accettazione della proposta d’acquisto?

Il venditore può accettare la proposta entro le tempistiche previste (7 o 15 giorni), comunicando tramite l’agente immobiliare la decisione definitiva in via formale. Nel momento in cui la proposta è accettata e il proponente prende visione dell’accettazione, l’assegno di garanzia lasciato in deposito diventa una caparra confirmatoria.

A seguito dell’accettazione, bisogna registrare la proposta presso l’Agenzia Delle Entrate. In alternativa, si può saltare questo passaggio se entro 20 giorni dell’accettazione della proposta si sottoscrive il preliminare di compravendita. L’agente, inoltre, procede alla registrazione previa consegna di almeno due copie firmate e della relativa somma per il pagamento degli oneri.

Leggi anche >> Proposta di acquisto vincolata al mutuo: cos’è e come avviene?

 

Legal Service Specialist in VisureItalia®

Legal Service Specialist – Ho acquisito una formazione tecnica in architettura di interni e nell’architettura del paesaggio. Da venti anni svolgo la professione di visurista per ispezioni ipotecarie e catastali presso la Conservatoria dei Registri Immobiliari ed il Catasto per conto di studi notarili, enti di riscossione e istituti di credito. In VisureItalia® ricopro il ruolo di Legal Services Specialist e coordino le attività del team di visuristi operativi in tutti gli Uffici di Pubblicità Immobiliare in Italia. Su SmartFocus condivido le mie conoscenze per facilitare l’accesso alle banche dati pubbliche e ai Pubblici Registri in particolare.

© Riproduzione riservata

Se hai trovato utile questo articolo o hai bisogno di un chiarimento, lascia un commento nel form a fine pagina o scrivici a smartfocus@visureitalia.com. Inoltre, iscriviti alla newsletter per ricevere gratuitamente aggiornamenti su attualità economica, novità fiscali e tributarie, consigli pratici su normative, leggi e tributi!
Servizi VisureItalia

2 commenti per "Come fare una proposta di acquisto di una casa?"

  • Sara ha detto:

    Ho fatto una proposta d’acquisto, ma dopo qualche giorno il venditore ha deciso di non vendere più (ovviamente non aveva accettato la mia offerta). Ho quindi comunicato alla persona che aveva fatto un’offerta a me per il mio immobile (che io non avevo ancora accettato) di necessitare di tempi più lunghi per trovare un’altra casa. Il potenziale acquirente ha quindi ritirato la sua proposta dicendo di non poter allungare i tempi. Ho diritto a un indennizzo dal momento che il cambio idea del venditore mi ha fatto saltare l’affare con l’acquirente? Grazie

    • Redazione ha detto:

      Gentile Sara, dal momento che non è stata accettata nessuna proposta di acquisto, riteniamo non ci siano le condizioni per richiedere nessun indennizzo. Cordiali saluti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *