Novità visura camerale 2019: modifiche in caso di Concordato Preventivo

Novità visura camerale 2019: modifiche in caso di Concordato Preventivo

La circolare 3721/C del Ministero dello Sviluppo Economico ha introdotto alcune novità per la visura camerale 2019. Vediamo quali sono le modifiche.

Le visure rilasciate dal registro delle imprese sono state oggetto di modifiche da parte del MiSE per quanto riguarda l’esposizione dei dati in caso di Concordato Preventivo con omologa.

Concordato Preventivo: perché modificare la visura camerale?

Le modifiche nascono dalle segnalazioni ricevute dagli uffici del registro delle imprese, poi trasmesse al MiSE, in merito alle modalità con cui venivano rappresentate nelle visure camerali le procedure di concordato preventivo dopo il decreto di omologazione di cui all’art. 180 della legge fallimentare, e fino al completamento dell’esecuzione della proposta di concordato.

Le perplessità espresse dalle imprese agli uffici del registro delle imprese nascevano dalla constatazione che nelle suddette visure la procedura di concordato preventivo risultava pendente anche dopo l’emissione del decreto di omologa. Questo avveniva nonostante quanto stabilito dall’art. 181 della legge fallimentare: “la procedura di concordato preventivo si chiude con il decreto di omologazione ai sensi dell’articolo 180“.

Di seguito vi riportiamo quanto stabilito dalla circolare 3721/C del Ministero dello Sviluppo Economico.

Come cambia la visura camerale 2019

Prima dell’intervento del MiSE con la circolare 3721/C, le informazioni relative alla procedura di concordato preventivo restavano presenti nella visura camerale sia sulla prima pagina, nella sezione Dati anagrafici, sia nel blocco relativo alle procedure concorsuali.

Leggi anche >> Come si leggono le visure camerali

Nella sezione Dati anagrafici, in particolare, veniva indicata la dicitura “Procedure in corso Concordato preventivo”. Nel blocco delle procedure concorsuali, invece, venivano riportati i dati della procedura, come le seguenti date di:

  • iscrizione procedura, ovvero la data nella quale il concordato preventivo è stato inserito per la prima volta nel sistema del registro delle imprese;
  • provvedimento, corrispondente alla data dell’ultimo provvedimento trasmesso dal tribunale;
  • omologa, quindi quando il concordato preventivo viene omologato.

Non era previsto quasi mai l’inserimento delle date di revoca della procedura e di avvenuta esecuzione. Questo perché avrebbe portato all’oscuramento nella visura ordinaria di tutte le informazioni sul concordato preventivo.

Le novità alla visura camerale 2019 introdotte dal MiSE

Le modifiche, concordate con Unioncamere e Infocamere, mirano a rendere più evidente dalla consultazione della visura camerale ordinaria che, successivamente all’omologa del concordato preventivo e fino al completamento dell’esecuzione dello stesso, l’impresa si trova nella fase di esecuzione della proposta di concordato preventivo.

La circolare 3721/C del Ministero dello Sviluppo Economico.

Tutte le visure richieste, a partire dal 5 giugno 2019, in presenza di Concordato Preventivo con data di omologa, non riportano più nella copertina e nei dati identificativi dell’impresa la dicitura “Concordato Preventivo”.

Nel blocco relativo alle procedure concorsuali, dove è riportato lo stato di omologa del concordato preventivo e la relativa data, è aggiunta, invece, una scritta fissa “concordato preventivo in fase di esecuzione”.

La visualizzazione del commissario giudiziale (e delle altre cariche analoghe) è spostata dal blocco amministratori al blocco delle altre cariche relative a procedure concorsuali.

La “scritta fissa 96” (non esistenza di procedura in corso) continua a non essere emessa fino a quando non è completata la fase di esecuzione del concordato preventivo.

L’iscrizione dell’avvenuta esecuzione del concordato preventivo determina l’eliminazione dal corpo della visura ordinaria di ogni informazione relativa al concordato preventivo, compresa la figura del commissario giudiziale. Questo avviene perché tali dati non hanno più carattere di attualità, ma saranno comunque consultabili nella visura camerale storica.

Fonte: Circolare 3721/C del MiSE

 

Social Media & Community Manager

Ho conseguito la laurea in Economia e Gestione Aziendale e da cinque anni mi occupo di digital marketing. Sono responsabile del blog SmartFocus e gestisco i canali social di VisureItalia® curando i rapporti con la community dei lettori. Ogni giorno mi informo su nuove normative in campo fiscale, tributario o economico e mi piace condividere le mie conoscenze con i nostri lettori.

© Riproduzione riservata

Se hai trovato utile questo articolo o hai bisogno di un chiarimento, lascia un commento nel form a fine pagina o scrivici a smartfocus@visureitalia.com. Inoltre, iscriviti alla newsletter per ricevere gratuitamente aggiornamenti su attualità economica, novità fiscali e tributarie, consigli pratici su normative, leggi e tributi!
Servizi VisureItalia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *