Chi sono gli esperti visuristi? La parola a Paolo Baita

Chi sono gli esperti visuristi? La parola a Paolo Baita

La figura professionale del visurista si è evoluta nel tempo e questo anche grazie alle attività svolte dall’AVI per promuovere la professione dei visuristi. Oggi abbiamo il piacere di ospitare nel nostro blog proprio il vice presidente dell’Associazione Professionale Esperti Visuristi ItalianiPaolo Baita.

Visuristi paolo Baita

Cosa fanno gli esperti visuristi? Sono professionisti incaricati a eseguire ispezioni, visure ipotecarie e visure catastali presso i competenti Uffici di Pubblicità Immobiliare (ex Conservatoria) dell’Agenzia delle Entrate e i Servizi Catastali (ex Catasto). Lo scopo è quello di ottenere dati certi e precisi su un soggetto o un immobile. Hanno accesso diretto presso i sopracitati Uffici e in questo modo possono maturare competenze ed esperienze.

visuristi svolgono una fondamentale attività di supporto per notai, avvocati e amministratori di condominio, ecc… Per esempio, l’attività del visurista per il notaio si incentra nella visura ipotecaria ventennale e nelle trascrizioni e iscrizioni ipotecarie.

Per approfondire, leggi anche Visura ipotecaria ventennale. Il ruolo del visurista per il notaio

Le relazioni rilasciate dal visurista diventano infatti un strumento di analisi per la stipulazione di contratti, atti notarili, certificazioni notarili ex art.567 ex legge 302/98, dichiarazioni di successione, atti di tribunali, nonché per il recupero del credito, mutui e affidamenti.

Diventare esperti visuristi : intervista a Paolo Baita

L’AVIAssociazione Visuristi Italiani, opera a tutela e garanzia della professionalità dell’esperto visurista. Nel 2013, è stata riconosciuta come associazione professionale non regolamentate. Nel sito web del Ministero dello Sviluppo Economico è inserita tra le associazioni abilitate al rilascio di un Attestato di Qualità riservato ai propri iscritti. Fino a poco tempo fa, era possibile diventare visurista solo facendo pratica presso uno studio. Da poco ha preso corpo un percorso accademico di alta formazione universitaria, utile a insegnare questa professione.

La sezione interviste del nostro blog si arricchisce con un interessante chiacchierata insieme Paolo Baita, vice presidente dell’Associazione Professionale Esperti Visuristi Italiani. Un approfondimento sulla professione del visurista e sulle attività svolte attualmente dall’AVI per promuovere la figura professionale dei visuristi.

La figura professionale del visurista non è molto conosciuta anche agli operatori del settore immobiliare. Può definire meglio le attività ed in quali casi è utile rivolgersi ad un visurista?

L’esperto visurista immobiliare esercita l’attività di ricerca che permette di determinare se un soggetto, persona fisica o giuridica, è intestatario di beni immobili e se sugli stessi vi sia la presenza di gravami quali ipoteche volontarie, legali, ipoteche giudiziarie ecc.. In questo modo viene verificato se l’immobile è libero da situazioni pregiudizievoli che possono limitare la disponibilità dello stesso.

E’ utile, nonché necessario, rivolgersi ad un esperto visurista nei casi in cui si deve “movimentare” l’immobile per acquisto, donazione, successione oppure nel caso in cui si vanti un credito.

Quali azioni ha intrapreso in questi anni l’AVI per il riconoscimento della professione di visurista e per la sua promozione e diffusione?

Grazie alla legge n. 4 del 14 gennaio 2013 (legge che ha riconosciuto le professioni non ordinistiche) l’AVI ha adeguato il proprio statuto. È stata iscritta nell’elenco del Ministero dello Sviluppo Economico quale Associazione non ordinistica che può rilasciare agli associati l’attestazione dei requisiti di competenza. Per mantenere gli standard qualitativi richiesti dalla legge n. 4, gli  associati AVI devono aderire obbligatoriamente a corsi di aggiornamento organizzati dall’Associazione stessa. Per la promozione e diffusione della figura dell’esperto visurista, AVI partecipa a convegni e seminari di varie associazioni e ha stretto rapporti di intercambio con ordini e collegi professionali. AVI è inoltre presente su alcune maggiori riviste del settore e su quotidiani quali IL SOLE 24 ORE. L’Associazione viene inoltre costantemente proposta sui social network.

La riforma del Catasto è attualmente in discussione ma molte associazioni e molti ordini professionali hanno espresso forti perplessità. Qual è la posizione dell’AVI in materia?

Nel merito della questione della riforma del catasto, l’AVI ha più volte ribadito la necessità che il dato catastale, contrariamente a quanto oggi succede, certifichi la condizione “sana” dell’immobile. Condizione ottenibile esclusivamente effettuando le ispezioni ipotecarie ultraventennali.

L’AVI, pertanto, condivide le perplessità espresse, per altre motivazioni, da alcuni ordini professionali.

Il registro dell’anagrafe condominiale è un obbligo per gli amministratori di condominio. Quale può essere il contributo dei visuristi?

Premesso che nonostante il comune pensare il catasto è probatorio solo dal punto di vista fiscale e non giuridico ed inoltre l’intestazione della visura catastale non indica, molto spesso, l’esatta corrispondenza con il reale proprietario dell’unità immobiliare, l’anagrafica condominiale è opportuno che sia verificata con visura ipotecaria per ottenere il dato certo di proprietà. Questo eviterà spiacevoli sorprese alle delibere dell’assemblea condominiale. In tal senso l’esperto visurista è il professionista in grado di assistere l’amministratore.

La crisi del settore immobiliare è stata caratterizzata in questi anni da una forte riduzione delle compravendite e, di conseguenza, degli atti notarili. Come hanno riorganizzato la loro attività professionale i visuristi?

La figura dell’esperto visurista, fino ad alcuni anni fa, era in gran parte limitata al supporto degli studi notarili. Oggi i visuristi mettono a disposizione la propria professione per legali, amministratori di condominio, ausiliari dei  Giudici, banche, società di recupero crediti, consulenti tecnici d’ufficio, imprese, commercialisti, ragionieri, centri fiscali di assistenza sindacale, patronati e privati cittadini.

 Ritiene che la professione del visurista possa costituire uno sbocco professionale per i giovani? L’AVI ha predisposto un percorso di formazione?

Ritengo di sì, tant’è che l’AVI è in procinto di avviare una convenzione con l’università Mercatorum per un corso di alta formazione sulla professione dell’esperto visurista.

 

Social Media & Community Manager

Ho conseguito la laurea in Economia e Gestione Aziendale e da cinque anni mi occupo di digital marketing. Sono responsabile del blog SmartFocus e gestisco i canali social di VisureItalia® curando i rapporti con la community dei lettori. Ogni giorno mi informo su nuove normative in campo fiscale, tributario o economico e mi piace condividere le mie conoscenze con i nostri lettori.

© Riproduzione riservata

Se hai trovato utile questo articolo o hai bisogno di un chiarimento, lascia un commento nel form a fine pagina o scrivici a smartfocus@visureitalia.com. Inoltre, iscriviti alla newsletter per ricevere gratuitamente aggiornamenti su attualità economica, novità fiscali e tributarie, consigli pratici su normative, leggi e tributi!
Servizi VisureItalia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *