Recesso dal contratto di locazione senza preavviso per gravi motivi: è possibile?

Recesso dal contratto di locazione senza preavviso per gravi motivi: è possibile?

Nei contratti di locazione è presente una clausola sulla durata dell’affitto, che è vincolante sia per l’inquilino che per il proprietario della casa. Ciò significa infatti che nessuno dei due può sciogliersi prima della scadenza dello stesso. In via eccezionale, tuttavia, è consentito il recesso dal contratto di locazione senza preavviso per gravi motivi. Vediamo in quali casi.

INDICE:

  1. Quando si può recedere da un contratto di locazione?
  2. Si può richiedere il recesso dal contratto di locazione senza preavviso per gravi motivi?
  3. Quali sono i gravi motivi che consentono il recesso senza preavviso dal contratto di locazione?
  4. Come scrivere una lettera di disdetta dal contratto di locazione?

Quando si può recedere da un contratto di locazione?

Come anticipato in apertura, in alcune circostanze è possibile la disdetta anticipata dell’affitto solo per l’inquilino. Il proprietario di casa, invece, è tenuto a rispettare sempre le scadenze contrattuali, tranne nel caso del primo rinnovo che deve confermare se non ricorre uno dei motivi indicati dalla legge. L’inquilino può recedere in anticipo dal contratto soltanto se:

  • il contratto di locazione prevede una clausola che definisce le ipotesi di recesso anticipato per l’inquilino,
  • si prendono degli accordi successivi tra il locatore e il conduttore,
  • si verificano gravi motivi.

Mentre i primi due casi richiedono l’accordo tra locatore e conduttore, il recesso per gravi motivi spetta anche se non è inserito in contratto. Si tratta infatti di un recesso legale previsto dalla legge e obbligatorio a prescindere dalla volontà delle parti.

Si può richiedere il recesso dal contratto di locazione senza preavviso per gravi motivi?

La legge consente al conduttore di recedere dall’affitto quando ricorrono gravi motivi. Costui però deve comunque fornire un preavviso di almeno 6 mesi, da comunicare con lettera raccomandata A/R o con PEC se il locatore è un professionista o una società.

Il preavviso, quindi, salvo diverso accordo, va comunque fornito. Con l’espressione “salvo diverso accordo” si fa riferimento al fatto che se il locatore dovesse rinunciare al preavviso, potrebbe autorizzare il conduttore a lasciare prima l’appartamento senza pagare le mensilità dovute durante il preavviso. Se però tale accordo non dovesse esistere, l’affittuario dovrà versare i canoni per l’intero periodo del preavviso, anche se ha lasciato prima l’immobile.

Inoltre, la mera riconsegna delle chiavi dell’appartamento da parte del locatore non implica una rinuncia al preavviso. Di conseguenza, se anche con il consenso del padrone di casa l’inquilino ha lasciato l’appartamento, potrebbe comunque essere tenuto a corrispondere i canoni dovuti nelle mensilità di preavviso.

Quali sono i gravi motivi che consentono il recesso senza preavviso dal contratto di locazione?

Per poter giustificare una disdetta per giusta causa, i gravi motivi devono essere estranei alla volontà del conduttore, imprevedibili sopravvenuti dopo la firma del contratto. In linea generale, un grave motivo si riferisce ad un evento che rende gravosa la presenza del conduttore nell’immobile.

Esempi di disdetta per gravi motivi

  • Trasferimento del posto di lavoro in un luogo troppo lontano,
  • Trasferimento in un’altra città per motivi familiari,
  • Licenziamento dal posto di lavoro,
  • Crescita del nucleo familiare,
  • Difetti strutturali dell’immobile che il proprietario non risolve.

È bene chiarire che l’acquisto dell’abitazione principale, poiché dipendente da una scelta personale del conduttore, non è parte dei gravi motivi di recesso.

Come scrivere una lettera di disdetta dal contratto di locazione?

In caso di risoluzione anticipata del contratto di locazione è opportuno scrivere la lettera di recesso da notificare tramite raccomandata con avviso di ricevimento o PEC. In particolare, si dovrà:

  • verificare a quale indirizzo inviare la lettera. Infatti alcuni contratti possono prevedere che il recesso sia comunicato ad uno specifico indirizzo non per forza coincidente con la residenza,
  • indicar gli estremi esatti del contratto dal quale si vuole recedere,
  • firmare la lettera e datarla,
  • non riportare le motivazioni, salvo nell’ipotesi in cui si receda per giusta causa. In tal caso, è necessario indicare con precisione il comportamento scorretto che ha portato alla decisione finale.

Potrebbe interessarti anche >> Pignoramento canoni di locazione: limiti normativi e fac simile

 

Legal Service Specialist in VisureItalia®

Legal Service Specialist – Ho acquisito una formazione tecnica in architettura di interni e nell’architettura del paesaggio. Da venti anni svolgo la professione di visurista per ispezioni ipotecarie e catastali presso la Conservatoria dei Registri Immobiliari ed il Catasto per conto di studi notarili, enti di riscossione e istituti di credito. In VisureItalia® ricopro il ruolo di Legal Services Specialist e coordino le attività del team di visuristi operativi in tutti gli Uffici di Pubblicità Immobiliare in Italia. Su SmartFocus condivido le mie conoscenze per facilitare l’accesso alle banche dati pubbliche e ai Pubblici Registri in particolare.

© Riproduzione riservata

Se hai trovato utile questo articolo o hai bisogno di un chiarimento, lascia un commento nel form a fine pagina o scrivici a smartfocus@visureitalia.com. Inoltre, iscriviti alla newsletter per ricevere gratuitamente aggiornamenti su attualità economica, novità fiscali e tributarie, consigli pratici su normative, leggi e tributi!
Servizi VisureItalia

100 commenti per "Recesso dal contratto di locazione senza preavviso per gravi motivi: è possibile?"

  • Angelo ha detto:

    Buonasera,io ho fatto un contratto di affitto breve di 5 mesi per motivi di lavoro adesso però per motivi di lavoro sono costretto a rientrare nella regione in cui lavoro un mese prima (premetto sono un militare ) e tra l’altro il mio lavoro qui mi permetteva economicamente di poter sostenere le spese d’affitto,cosa che rientrando non potrei sostenere.
    Nel mio contratto nella voce recesso del conduttore c’è scritto che posso recedere per gravi motivi tramite lettera raccomandata almeno un mese prima,quindi mi chiedevo se la mia casistica rientra nella casistica dei gravi motivi.
    Grazie in anticipo

    • Redazione ha detto:

      Gentile Angelo, i gravi motivi comprendono fatti che non dipendono dalla volontà dell’inquilino, ma sono imprevedibili e sopraggiunti successivamente alla stipula della locazione. Se il cambio di città è determinato dal trasferimento forzato della sede lavorativa, dovrebbero sussistere i requisiti per recedere dal contratto senza rispettare le tempistiche di preavviso. In ogni caso, trattandosi di una situazione particolare, le suggeriamo di chiedere la consulenza di un legale che possa consigliarle come agire per tutelare i suoi interessi. Cordiali saluti.

  • Vanessa ha detto:

    salve .
    Il 01.12.2023 io e mio ragazzo abbiamo preso una casa in affitto che all’apparenza sembrava abitabile. Il secondo giorno, tutto lo scarico e’ uscito dentro casa e con i giorni a seguire siamo stati allagati. Abitiamo in questa casa da circa 7giorni. Oltre a ciò’, i cavi elettrici erano sommersi nell’acqua. Ora noi il contratto l’abbiamo 4 piu’ 4 e abbiamo gia’ avvertito l’agenzia svariate volte e loro non hanno preso atto di niente. Ora siccome le condizioni sono invivibile e siamo anche in pericolo date le condizioni dell’elettricità’, vogliamo chiudere il contratto e andarcene senza pero’ perdere i soldi. Cosa si può’ fare in questo caso?

    • Redazione ha detto:

      Buongiorno Vanessa, sulla base di quanto da lei esposto sembrerebbe che il locatore sia inadempiente ad una delle obbligazioni su di lui gravanti, ovvero la consegna al conduttore della cosa locata in buono stato di manutenzione (art. 1575 c.c.). In presenza di tale inadempimento, il conduttore ha il diritto di agire per la risoluzione (1453 c.c.). Cordiali saluti.

  • Riccardo Gentili ha detto:

    Buonasera, ho avuto un allagamento del piano terra della mia casa in affitto ( bilocale su due piani) che ora mi costringe ad andarmene. Mancano ancora 4 mesi alla fine del mio contratto ( 3+2) stipulato in data 1-3-2021 e con scadenza 1-3-2024. Ora sono costretto ad andare via e prendere una casa con un affitto mensile di 650 euro invece di 480 … La domanda è ” I 170 euro di differenza mensile fino a marzo 2024 sono compito mio o della ex proprietaria?

    • Redazione ha detto:

      Buongiorno Riccardo, le suggeriamo di verificare attentamente il contenuto del contratto di locazione in relazione al recesso per gravi motivi e, se non dovesse trovare un accordo in via bonaria con il proprietario, di confrontarsi con un legale. Cordiali saluti.

  • Alex ha detto:

    Buongiorno Redazione/
    un parere importante: Ho effettuato un contratto di Locazione Transitoria per uso abitativo per un anno ,deposito due canoni più quello corrente, dovendomi trasferire in Toscana per un lavoro contratto per un anno. Purtroppo l’azienda ha sciolto il contratto di lavoro dopo 3 mesi ed io mi trovo senza lavoro e ritornato a casa in Calabria. . Quanti mesi di preavviso devo corrispondere per recesso anticipato causa gravi motivi. In realtà senza lavoro mi rimane difficile sostenere le spese del canone, anche se nel contratto si legge” Il Conduttore non potrà recedere dal contratto nel corso del primo anno di locazione, pena il pagamento dell’intera annualità ” Trovo incongruenza tra quanto si dichiara in un passo del contratto che dice ” il contratto di locazione avrà la durata di anni uno a partire da fino a ” Grazie e cordiali saluti Alex

    • Redazione ha detto:

      Buongiorno Alex, salvo diverso accordo, il preavviso di sei mesi va comunque fornito. Le suggeriamo di confrontarsi con il proprietario dell’appartamento per trovare una soluzione alternativa. Nel caso non riuscisse a raggiungere un accordo con costui, sarà necessario rivolgersi ad un legale che possa indicarle come procedere. Cordiali saluti.

  • Chiara ha detto:

    Buongiorno,le chiedo se in un contratto a studenti universitari il locatore può disdire il rinnovo automatico. Quali sono i motivi e le modalità previsti dalla legge?
    Io da proprietario vorrei stipulare un contratto transitorio perche probabilmente tra un anno mi trasferirò nella casa che ora voglio affittare ma con un contratto a studenti sembra che il rinnovo sia obbligato. Come posso tutelarmi? Grazie

    • Redazione ha detto:

      Buongiorno Chiara, il rinnovo non dovrebbe essere obbligatorio. Le suggeriamo di verificare quanto è stato indicato nel contratto stipulato. Cordiali saluti.

  • MANLIO ha detto:

    BUONGIORNO , contratto mercato libero 4+4 con preavviso di 6 mesi per risoluzione anticipata per gravi motivi. Il conduttore mi ha mandato la raccomandata a/r ad agosto , poi a settembre e’ deceduto e gli eredi mi hanno avvertito che il preavviso in questo caso non e’ valido e chiedono la restituzione intera del deposito. cosa posso fare ?

    • Redazione ha detto:

      Buongiorno Manlio, in base al costante orientamento della Cassazione sembrerebbe che gli eredi non conviventi non debbano fornire preavviso in quanto non subentrano nella posizione contrattuale del de cuis. Le suggeriamo di confrontarsi con un legale per approfondire la situazione. Cordiali saluti.

  • Veronica ha detto:

    Salve abbiamo preso una casa in Affito, dopo che siamo entrati in casa abbiamo scoperto che in casa si fumava. Anche se abbiamo lavato tutto l’odore è rimasto lostesso. Abbiamo anche un altro problema che i muri da fuori emanano un odore di acido e quindi la finestra non si può tenere aperta. Il contrato e di 4+4 senza cedolare secca e si può dare disdetta dopo 6 mesi con preavviso di 3 mesi. Fra poco deve nascere anche un bambino, come possiamo fare per dare la disdetta senza aspettare 6 mesi? Grazie

    • Redazione ha detto:

      Buongiorno Veronica, non riteniamo sia possibile in quanto il preavviso, salvo diverso accordo, va comunque fornito. Per ulteriori informazioni le suggeriamo di confrontarsi con un legale. Cordiali saluti.

  • Valerio ha detto:

    Io e la mia compagna abbiamo un contratto di locazione con disdetta di almeno 6 mesi.
    Siamo stati costretti a dare disdetta di soltanto 2 mesi in quanto ci è nata una bambina che ora ha 11 mesi e non riusciamo più a stare all interno in quanto x motivi familiari torneremo ad abitare nella vecchia abitazione di Mia proprietà che dista più di 100km dall attuale appartamento in cui siamo.
    Volevo sapere se i motivi, quindi crescita nucleo familiare e motivi familiari, possono essere considerati utili per far sì che la disdetta possa anche non essere data e se il proprietario è tenuto a trattenere la caparra di 3 mensilità a titolo di risarcimento per il mancato rispetto del preavviso.
    Grazie

    • Redazione ha detto:

      Buongiorno Valerio, dubitiamo sia possibile in quanto il preavviso, salvo diverso accordo, va comunque fornito. Per ulteriori informazioni le suggeriamo di confrontarsi con un legale. Cordiali saluti.

  • Francesca ha detto:

    Buongiorno,

    Ho 24 anni e sono una studentessa, ho un contratto 4+4 per una stanza. Oltre ai problemi strutturali, come per esempio la finestra del bagno che non si chiudono, il solaio e il pianerottolo pericolante, ho anche un problema con il proprietario che entra senza chiedere in casa, poiché possiede le chiavi e mi ha addirittura detto di non chiudere a chiave la porta della mia camera.

    Da contratto ho un preavviso di 3 mesi, ma vorrei andar via prima poiché questa situazione non mi fa sentire al sicuro, sarebbe possibile?

    • Redazione ha detto:

      Buongiorno Francesca, dipende se i problemi strutturali sono sopravvenuti dopo la firma del contratto ma, in ogni caso, il preavviso va comunque fornito. Le suggeriamo di confrontarsi con il proprietario dell’appartamento per trovare una soluzione alternativa. Nel caso non riuscisse a raggiungere un accordo con costui, sarà necessario rivolgersi ad un legale che possa indicarle come procedere. Cordiali saluti.

  • Cataldo Palladino ha detto:

    Salve
    Se la clausola rescissoria inserita in un contratto di locazione ad uso abitativo 4+4,
    E scritta in questo modo (il locatore consente al conduttore di recedere dal contratto in qualsiasi momento con raccomandata da inviarsi 3 mesi prima che il recesso dovrà avere esecuzione).
    E cmq un recesso vincolato da gravi motivi?

  • Annalisa Giacalone ha detto:

    Buongiorno ho preso casa in affitto di cui ho firmato un contratto per un anno doveva essere formale perché avevo chiesto per 4 al massimo 6 mesi, nel contratto c’è scritto un anno con disdetta tre mesi prima per il preavviso ho riscontrato problemi di muffa umidità che mi ha recato problemi allergici l ho fatto presente fin da subito all’agenzia perché non avendo una copia del contratto non avevo come inviare una raccomandata così ho scritto vari messaggi su WhatsApp i problemi e i disagi che ho avuto, lo stesso mi invita a lasciare la casa a cercarne una
    , ma purtroppo non si trovavano, ho chiesto anche a loro visto che hanno un’agenzia immobiliare ma con esito negativo . Nello stesso immobile abita un inquilina con lo stesso problema a lei dopo tanti solleciti hanno sistemano le pareti per togliere la muffa a me mi rinviano di una settimana dicendomi che l imbianchino era impegnato trascorsa la settimana, mi chiama l imbianchino per mettermi a conoscenza che per problemi di preventivo il proprietario non da il consenso per sistemare il mio appartamento così resto con la muffa invio foto reclamo ma niente scrivo sempre tramite whatsapp che lascio casa perché continuo a stare male con la muffai risponde quello dell’agenzia
    sempre tramite WhatsApp, una foto del contratto dove manca una parte premetto che io ho firmato il 30 gennaio lui l ha registrato il 13 giugno a mia insaputa perché sollecitavo e reclamavo un intervento per una soluzione visto che non potevo andare in mezzo a una strada. Così avendo il nome del proprietario ho inviato una raccomandata datata il 21 luglio e chiedo di lasciare casa subito o al massimo agosto per giusta causa e la restituzione della rata di cauzione premetto che da febbraio che abito lì a marzo si è manifestato la muffa ho chiesto il suo intervento ma loro ad oggi non hanno fatto niente anzi hanno fatto un sopralluogo con un imbianchino che ha costato che la casa non è abitabile per la troppa umidità e che poteva togliere solo la mufa che non garantiva la scomparsa definitiva che non c’è una soluzione definitiva. cosa posso fare dove devo denunciare tutto ciò a chi di competenza perché ho provato a parlarci per telefono ma mi hanno risposto male . grazie cordiali saluti.

    • Redazione ha detto:

      Buongiorno Annalisa, la situazione è complessa pertanto le suggeriamo di chiedere il supporto di un legale. Cordiali saluti.

  • Manuela Coccogrillo ha detto:

    Buongiorno, mia figlia vive in un monolocale a Modena con un deposito bici. Vorrebbe rilasciarlo per due ragioni:
    La prima è che dalla finestra del bagno entrano gli odori dei wc degli altri appartamenti.
    La seconda ragione è che il deposito biciclette dello stabile non ha una copertura quindi le biciclette vengono ricoperte giornalmente dagli escrementi dei numerosi nidi di uccelli sul tetto. Inoltre davanti alla finestra del bagno è situata una doccia: il legno si è rigonfiato e i ferri arrugginiti per l’acqua che inevitabilmente finisce sulla stessa.
    In particolare le condizioni igieniche precarie sono da considerarsi validi motivi per lasciare l’appartamento?

    • Redazione ha detto:

      Buongiorno Manuela, potrebbero rientrarvi ma è necessario comunque il preavviso di sei mesi. Le suggeriamo di confrontarsi con un legale per avere maggiori informazioni riguardo al suo caso specifico. Cordiali saluti.

  • Fabio ha detto:

    Buongiorno,

    sono al quinto anno di affitto (4+4).
    L’appartamento d’estate è spesso invaso da scarafaggi, problema esistente da sempre che non mi è stato riferito quando ho affittato l’appartamento.
    Stufo della situazione peggiorata quest’anno ho lasciato immediatamente l’appartamento.
    Ho dato disdetta anche perché il proprietario si limita a dirmi:”usa un po’ di spray”.
    Volevo capire vista la situazione per me ormai insostenibile se sono obbligato a dare comunque 6 mesi di preavviso.

    Grazie e buona giornata

    • Redazione ha detto:

      Buongiorno Fabio, il preavviso è sempre dovuto anche qualora ricorrano gravi motivi. Per ulteriori informazioni le suggeriamo di confrontarsi con un legale. Cordiali saluti.

  • Daniele ha detto:

    Buona sera,ho un contratto di locazione uso transitorio prima stipulato per 3 mesi e poi rinnovato per un anno con scadenza settembre 2023. Alla stipula del contratto l’agenzia immobiliare delegato del proprietario dell’immobile mi ha chiesto il contatto di lavoro per ricevere l’affitto ma io in buona fede ho firmato il contratto di locazione sotto la sua spiegazione. Oggi Vengo a scoprire che sul contratto come causale ce scritto (assistenza a familiare bisognoso)in questo caso mi rendo conto di aver firmato un falso.Questo fatto può rientrare in un motivo grave per andare via senza preavviso prima della scadenza? Poi ancora avendo un contratto indeterminato poteva farmi un contratto transitorio con ulteriore proroga? Grazie mille in anticipo per un aiuto.

    • Redazione ha detto:

      Gentile Daniele, trattandosi di una casistica particolare nella quale si è reso conto di aver firmato un documento falso, è necessario richiedere la consulenza di un legale che possa analizzare nel dettaglio la sua situazione e indicarle come procedere per tutelare i suoi interessi. Cordiali saluti.

  • Camilla ha detto:

    Buongiorno, a seguito innumerevoli esposti, numerose visite di polizia e carabinieri, richieste di aiuto per vicini incivili ( danni ai veicoli, ogni sorta di oggetto lanciato dai terrazzi, rumori notturni con uso di trapani, e molto altro tutto documentato con foto e comunicazioni all’ amministratore, al proprietario che non sono mai intervenuti, polizia, carabinieri prefetto sindaco ) ho dato disdetta per gravi motivi con sei mesi di preavviso, pagandone 4 dal 5 sono riuscita ad andare via. Mi si richiede il pagamento del 5 mese abbonandomi il 6. Devo pagarlo? grazie mille

    • Redazione ha detto:

      Buongiorno Camilla, le suggeriamo di verificare cosa prevede il contratto di locazione firmato in merito al recesso anticipato per gravi motivi. Se non dovesse raggiungere un accordo con il proprietario, inoltre, sarà necessario richiedere la consulenza di un legale che possa analizzare nel dettaglio la situazione e indicarle come procedere per tutelare i suoi interessi. Cordiali saluti.

  • Vincenza ha detto:

    Buona sera ho bisogno di un chiarimento mia figlia sta in affitto, la stanza è stata allagata ed il comune non vuole che si torni in quella casa,il suo contratto scade a giugno può richuedere il ritorno della cauzione, grazie

    • Redazione ha detto:

      Gentile Vincenza, potrebbe richiedere il recesso dal contratto di locazione per gravi motivi. In ogni caso il preavviso, salvo diverso accordo, va comunque fornito. Cordiali saluti.

  • Pina ha detto:

    Buonasera
    Mia figlia ha locato il suo appartamento per un periodo di 12 mesi a partire dal 29-11-22, l’inquilino ha comunicato che a causa di un nuovo lavoro in altra città, già il prossimo maggio dovrà lasciare l’appartamento senza rispettare i 3 mesi di preavviso previsti nel contratto, per quanto sopra chiedo cortesemente il seguente chiarimento:
    La motivazione per cui lascia l’appartamento potrebbe rientrare nella fattispecie “gravi motivi” pertanto si devono esigere i 3 mesi di affitto del mancato preavviso?
    Il deposito cauzionale (caparra) deve essere restituito all’inquilino o può essere trattenuto come risarcimento del danno subito a causa della risoluzione anticipata?
    In attesa di riscontro ringrazio anticipatamente
    Pina

    • Redazione ha detto:

      Gentile Pina, i gravi motivi comprendono fatti che non dipendono dalla volontà dell’inquilino, ma sono imprevedibili e sopraggiunti successivamente alla stipula della locazione. Se il cambio di città non è determinato dal trasferimento forzato della sede lavorativa oppure da un licenziamento, non dovrebbero sussistere i requisiti per recedere dal contratto senza rispettare le tempistiche di preavviso. In ogni caso, trattandosi di una situazione particolare, le suggeriamo di chiedere la consulenza di un legale che possa consigliarvi come agire per tutelare i vostri interessi. Cordiali saluti.

  • rosanna ha detto:

    Buongiorno, sono in affitto con contratto transitorio di un anno e mio malgrado devo lasciare l’appartamento per sopravvenuto grave lutto in famiglia, che aggrava fortemente la mia personale condizione. Questo può essere legittimante incluso tra i gravi motivi per recedere anticipatamente dal contratto? ho comunicato le mie intenzioni rispettando il preavviso specificato.

    • Redazione ha detto:

      Buongiorno Rosanna, potrebbe rientrarci, dipende da quanto pattuito nel contratto. Cordiali saluti.

  • Daniel ha detto:

    Salve, ho un contratto di affitto 4+4 con preavviso di almeno 6 mesi di preavviso in caso di disdetta anticipata. Siamo io e mia moglie, ma tra qualche mese ci nasceranno 2 gemelli e la casa trattasi di un bilocale e quindi una sola camera. Posso disdire senza pagare i canoni e ricevere indietro i tre mesi di caparra?

    • Redazione ha detto:

      Buongiorno Daniel, dubitiamo sia possibile. Per ulteriori informazioni le suggeriamo di confrontarsi con un legale. Cordiali saluti.

  • Alberto ha detto:

    Buongiorno, ho preso casa in affitto nel 2020 con contratto 3+2. Ho altri due anni di contratto ma l’immobile è caratterizzato da una serie di problemi che il proprietario non intende risolvere nell’immediato forse perché sa che tra due anni il contratto scade. I problemi in questione sono: infissi vecchi che lasciano passare di tutto, doccia malfunzionante, vasca da bagno inutilizzabile perché il fondo nel corso degli anni si è scollato e quindi non rimane saldata con rischio di utilizzarla e spaccarla. Vi chiedo se questo rientra tra i casi che prevedono la rescissione anticipata del contratto legata a motivi strutturali e qualora lo fosse quali sono i miei obblighi verso il proprietario?
    Grazie

    • Redazione ha detto:

      Buongiorno Alberto, potrebbe rientrarvi ma è necessario comunque il preavviso di sei mesi. Le suggeriamo di confrontarsi con un legale per avere maggiori informazioni riguardo al suo caso specifico! Cordiali saluti.

  • Alena ha detto:

    Buongiorno.La mia mamma era in afitto da diversi anni ma per problemi di salute dovuto tornare al suo paese per fare interventi.Ha scritto una lettera al proprietario che lascia appartamento prima della scadenza dell contratto.Il proprietario venuto a casa sua e ha firmato il foglio per ricevuta.Il proprietario era d’accordo che in appartamento rimane suo ex compagno che pagherà le spese fino alla scadenza dell contratto e invece non ha pagato e abita lì senza contratto e non paga le spese.Adesso in atto lo sfratto e tutte le denunce sono state fatte a nome di mia mamma anche i debiti.Che cosa possiamo fare in questo caso?Grazie

  • Emilia bendini ha detto:

    Buongiorno vorrei sapere visto che c’è mia madre che ha bisogno di assistenza e non può più stare sola, posso disdire contratto senza dare i 6 mesi di preavviso. Grazie

    • Redazione ha detto:

      Buongiorno Emilia, il preavviso, salvo diverso accordo, va comunque fornito. Le suggeriamo di verificare quanto previsto dal suo contratto. Cordiali saluti.

  • Giorgia ha detto:

    Ciao, sono in affitto da novembre 2021 e da contratto ho tre anni più due. Al mio fidanzato i suoi genitori hanno lasciato un appartamento, quindi vorrei trasferirmi da lui (così da non pagare più l’affitto).
    Leggendo il contratto è specificato che posso andarmene con preavviso di 6 mesi solo per gravi motivi.
    Il trasferimento in un altro comune (a circa 15km di distanza) e il fatto che non dovrò più pagare affitto possono ritenersi tali?
    Perchè dovrei continuare a pagare l’affitto potendo scegliere di stare da lui e non pagarlo, evitandomi un’uscita di denaro al mese?
    Esiste un’alternativa che mi possa tutelare?
    Grazie

    • Redazione ha detto:

      Gentile Giorgia, sulla base di quanto ci scrive, dubitiamo fortemente che nel suo caso sia possibile recedere anticipatamente dal contratto per gravi motivi. Le suggeriamo, pertanto, di confrontarsi con il proprietario dell’appartamento per trovare una soluzione alternativa. Nel caso non riuscisse a raggiungere un accordo con costui, sarà necessario rivolgersi ad un legale che possa indicarle come procedere. Cordiali saluti.

  • Christian ha detto:

    Salve, nel corso di quest’anno la mia azienda mi trasferirà in un’altra città. Purtroppo non so dove e precisamente neanche quando. Potrebbe essere ottobre così come potrebbe essere dicembre. Per contratto dovrei rispettare 6 mesi di preavviso per lasciare la casa. Può rientrare tra i gravi motivi anche questo evento?

    • Redazione ha detto:

      Buongiorno Christian, potrebbe rientrarvi ma dipende se tale evento è estraneo alla sua volontà, imprevedibile e sopravvenuto dopo la firma del contratto. In ogni caso, il preavviso, salvo diverso accordo, va comunque fornito. Cordiali saluti.

  • Vincenzo ha detto:

    Buonasera,
    Ho un contratto di locazione uso transitorio, volevo sapere siccome devo trasferirmi da Torino a Milano per lavoro, (ho lasciato il lavoro a Torino per uno stipendio più alto a Milano) si può recedere dal contratto per giusta casa senza preavviso di 3 mesi? Inoltre il proprietario mi chiede 1 mensilità come penale cioè Aprile, io lascerò la casa il 15 marzo quindi ha tutto il tempo per trovare qualcuno e affittare la casa dal mese di Aprile. Mi chiedevo, sono dovuto a pagare la mensilità di aprile come scarso preavviso ??? Sinceramente mi da fastidio pagare questa mensilità visto che lui avrà nel frattempo affittato la casa. Grazie anticipatamente per la risposta

    • Redazione ha detto:

      Buongiorno Vincenzo, il preavviso, salvo diverso accordo, va comunque fornito. Cordiali saluti.

  • Renato ha detto:

    Salve, il mio inquilino paga l’affitto in modo irregolare. per l’anno 2022 mancano ancora tre mensilità. È un motivo per rescindere il contratto di locazione?

    • Redazione ha detto:

      Gentile Renato, l’art. 5 della legge n. 392/1978 prevede che il mancato pagamento del canone, decorsi 20 giorni dalla scadenza, può essere motivo di risoluzione del contratto. Le suggeriamo, pertanto, di rivolgersi ad un legale che possa consigliarle come procedere. Cordiali saluti.

  • Andrea ha detto:

    Buon giorno, sono un Locatore ho affittato delle camere ad alcuni ragazzi e ragazze però in questo ultimo periodo una inquilina , sta assumendo un atteggiamento pericoloso verso altri , dato che vorrei mandarla via chiedo gentilmente come e possibile effettuare tale manovra devo fare io una lettera devo chiedere parere ad un avvocato…?

    • Redazione ha detto:

      Buongiorno Andrea, in una situazione come quella descritta è consigliabile chiedere la consulenza di un legale. Cordiali saluti.

  • Maria ha detto:

    Salve,
    sono proprietaria di una casa data in locazione per 1 anno, dopo 5 mesi l’inquilino comunica di voler consegnare le chiavi e recedere dal contratto per muffa. Mi dice di non essere interessato al risanamento ed i lavori che offro di fare.
    Non ricevo nessuna comunicazione con raccomandata
    Cosa mi consiglia?

    • Redazione ha detto:

      Buongiorno Maria, le suggeriamo di verificare quanto prevede il contratto di locazione in caso di recesso da parte del conduttore ed eventualmente rivolgersi ad un legale. Cordiali saluti.

  • Giuseppe ha detto:

    Buona sera avrei bisogno di porvi un quesito, sono in affitto dal 01/12/2013 con durata 4 con rinnovo automatico ed opzione cedolare secca, ora per poraggiunti motivi gravi di salute un componente della famiglia per poter andare in bagno deve utilizzare il deambulatore ed essendo il bagno piccolo non può passarci perchè stretto, vi chiedo è possibile fare il recesso del contratto immediatamente dando solo 2 mesi di preavviso? e poi per la cessazione visto che è con cedolare secca devo pagare qualcosa all’agenzie delle entrate? sono tenuto a fare qualche comuncazione.Grazie anticipatamente Cordiali saluti.

    • Redazione ha detto:

      Buongiorno Giuseppe, da quanto esposto sembrerebbe che ricorrano le condizioni per il recesso anticipato. Tuttavia il preavviso di sei mesi, a meno che il contratto non preveda diversamente, dovrà essere comunque fornito. Cordiali saluti.

  • Paolo Arangino ha detto:

    Buongiorno. Ho un contratto d’ affitto quattro più quattro. Gli otto anni scadono il 29 gennaio. Giusto ieri il proprietario mi ha mandato un messaggio per dirmi di voler aumentare il canone. È corretto procedere cosi?

    • Redazione ha detto:

      Buongiorno Paolo, le suggeriamo di verificare quanto è previsto nel contratto di locazione stipulato in merito all’aggiornamento del canone. Cordiali saluti.

  • Veronica ha detto:

    Buonasera, sono da 2 anni in affitto in questa casa che ha un problema grande di umidità. Inizialmente non ci davo molto peso ma ora inizia ad essere insostenibile in quanto si è attaccata a mobili acquistati da me, vestiti ,scarpe ecc… Oltre a quella che respiriamo ogni giorno.il padrone di casa l’unica cosa che ha potuto fare è stata quella di pitturare i muri con una pittura antimuffa, ma non ha decisamente risolto il problema. La mia domanda è: posso lasciare l’immobile, senza dare il preavviso di sei mesi dal momento che è presente questo problema? Grazie per la risposta.

    • Redazione ha detto:

      Buongiorno Veronica, sarebbe opportuno sottoporre la situazione all’attenzione di un legale per verificare se questa sia tale da rendere invivibile l’immobile e, quindi, rappresentare una giusta causa per il recesso anticipato. Cordiali saluti.

  • Giancarlo Berto ha detto:

    buongiorno mi e stato fatto risoluzione del contratto di affitto commerciale dopo 86 giorni dalla registrazione senza alcun motivo.ne sono venuto a conoscenza soltanto adesso perche non sono riuscito a vendere la mia attivita. tutto questo dopo 3 anni che occupo il locale dal 2019. cosa posso fare al locatario e che conseguenze corre il locatario ?grazie .

    • Redazione ha detto:

      Buongiorno Giancarlo, in questo caso è necessario richiedere la consulenza di un legale per fare chiarezza sulla sua situazione. Cordiali saluti.

  • Bruno Reginato ha detto:

    Buon giorno, sono proprietaria di un appartamento affittato con contratto 4+4. Sta per scadere i primi 4 anni e ricevo lamentele di comportamenti (anche in aree comuni) di schizzi, urla e linguaggio improprio dovuti all’ abuso di alcol. Posso non rinnovare x i prossimi 4 anni. Non ho dato loro 6 mesi di preavviso. Grazie

    • Redazione ha detto:

      Buongiorno Bruno, la possibilità di recesso da parte del locatore è vincolare al verificarsi di determinate condizioni. Le suggeriamo di verificare il contenuto del contratto di locazione e di confrontarsi con un legale. Cordiali saluti.

  • Giuseppa morelli ha detto:

    Io nn posso più pagare affitto, perciò devo lasciare l’appartamento prima del contratto, nn avendo più stipendio, ma una pensione minima a cosa vado incontro.?

    • Redazione ha detto:

      Gentile Giuseppa, dipende da quanto è previsto dal contratto. Il proprietario dell’immobile potrebbe esigere il pagamento dei canoni dovuti nelle mensilità di preavviso. Cordiali saluti.

  • James salas ha detto:

    Buongiorno, posso mandare preavviso di 2 mesi se scritto sul contratto che posso posso fare disdetta contratto via mandare raccomandata a/r, sensa respitare il sei mesi di preavviso? Grazie in anticipo per aiuto.

    • Redazione ha detto:

      Buongiorno James, dubitiamo sia possibile per lei rescindere dal contratto con anticipo senza rispettare i tempi di preavviso stabiliti. Le suggeriamo di confrontarsi con il proprietario dell’immobile per concordare insieme un’altra soluzione. Cordiali saluti.

  • Victoria ha detto:

    Buonasera io ho avuto un corto circuito in casa ed è andata a fuoco mezza casa, da un mese che non è agibile… il contratto si è appena rinnovato dei 3+2 e io vorrei rescindere da questo contratto perché non mi trovo più al sicuro in questa casa oltre il fatto dell inagibilità attuale… devo comunque dare disdetta di 6 mesi pagando?

    • Redazione ha detto:

      Buongiorno Victoria, dato che si è verificato un fatto che non dipende dalla sua volontà, imprevedibile e sopraggiunto successivamente alla stipula della locazione e che rende gravosa la prosecuzione di quest’ultima, potrebbero sussistere le condizioni per recedere dal contratto per gravi motivi. Solitamente il preavviso, salvo diverso accordo, va comunque fornito anche in caso di gravi motivi. Per comprendere se sia possibile recedere anticipatamente senza la perdita della caparra e senza preavviso è necessario leggere con attenzione il contatto firmato. Trattandosi di una situazione particolare, le suggeriamo di chiedere la consulenza di un legale. Cordiali saluti.

  • Maria Marino ha detto:

    Buongiorno, nei sei mesi di preavviso posso lasciare l’appartmento al terzo mese? E nel caso devo pagare gli altri tre mesi?

    • Redazione ha detto:

      Buongiorno Maria, i sei mesi di preavviso dovranno essere comunque corrisposti, salvo diverso accordo tra le parti. Cordiali saluti.

  • Dino Gonella ha detto:

    Di comune accordo verbale con il proprietario per motivi di salute avrei lasciato immobile appena avrebbe trovato da affittare così e stato ma la cauzione non me la restituita al legittimo

    • Redazione ha detto:

      Buongiorno Dino, le suggeriamo di verificare quanto è stato pattuito nel contratto di locazione in merito alle condizioni di restituzione della cauzione. Cordiali saluti.

  • Martina ha detto:

    Se sul contratto di locazione transitorio di 1 anno, vi è il preavviso di 2 mesi, i 2 mesi successivi alla data di emissione della raccomandata, sono da pagare corretto? Non ci sono motivi gravi specificati nella richiesta della raccomandata. Grazie

    • Redazione ha detto:

      Gentile Martina, le confermiamo che anche gli ultimi due mesi trascorsi nell’appartamento andranno pagati. Le suggeriamo comunque di verificare nello specifico quanto risulta nel vostro contratto di locazione. Cordiali saluti.

  • Claudia ha detto:

    Salve,entro 30 giorni, si può recedere da un contratto di affitto, regolarmente registrato con inizio della locazione dal primo del mese successivo dalla data di registrazione?

    • Redazione ha detto:

      Buongiorno Claudia, dipende da quanto è stata concordato nel contratto di locazione firmato. Le suggeriamo pertanto di leggere il Suo contenuto. Cordiali saluti.

  • Pasqualino De Marinis ha detto:

    Mi hanno affittato un appartamento contratto 3*2 ma si sono dimenticati di avvisarmi che il vicino che abita sopra di me ha seri problemi psicologici attestati anche dalla ASL e urla di giorno e di notte
    Posso dare disdetta senza preavviso ???

    • Redazione ha detto:

      Buongiorno Pasqualino, solitamente il preavviso, salvo diverso accordo, va comunque fornito anche in caso di gravi motivi. Per comprendere se sia possibile recedere anticipatamente senza la perdita della caparra e senza preavviso è necessario leggere con attenzione il contatto firmato. Trattandosi di una situazione particolare, le suggeriamo di chiedere la consulenza di un legale. Cordiali saluti.

  • Andreana Cadinu ha detto:

    Buona sera,un mio amico è stato costretto a lasciare l’appartamento a causa del proprietario in quanto non dà libero accesso all’acqua calda(avendo termostato in casa propria) facendo pagare una somma decisa da lui sul consumo.La casa più che casa è una cantina senza neanche impianto di riscaldamento.Come si deve comportare? Grazie

    • Redazione ha detto:

      Buongiorno Andreana, dipende da quanto è stata pattuito dal contratto di locazione. Vi suggeriamo di leggere il Suo contenuto. Cordiali saluti.

  • Marco S. ha detto:

    Salve,
    A seguito di acquisto di una proprietà , ho dato preavviso di 3 mesi come da contratto di locazione per un’appartamento provvisorio. attualmente sto pagando il primo dei 3 mesi di affitto senza risiedere nell’appartamento è un giorno passandoci ho trovato la proprietaria dentro che è entrata senza permesso a pulire e a far aggiustare elementi a sua discrezione da mettere a posto. Ho diritto a rescindere il contratto visto che non mi ha chiesto il permesso e ha anche fatto entrare un tecnico a mia insaputa?
    Grazie

    • Redazione ha detto:

      Buongiorno Marco, il comportamento della proprietaria non è stato sicuramente corretto, e potrebbe configurarsi come violazione della proprietà. Le suggeriamo di verificare quanto previsto nel contrattato stipulato in merito alle viste che può fare il proprietario. Cordiali saluti.

  • carmela ha detto:

    Ho affittato una stanza in condivisione per mia figlia che studia a Milano e a cui ho dovuto fare da garante.l’agenzia ci ha detto che era in buone condizioni ma è una casa tutta da ristrutturare in condizioni pessime. Mia figlia ci sta purtroppo abitando solo da 5 giorni dove tra cimici e water intasato è successo di tutto. La casa è fatiscente e la proprietaria ci ha comunicato che pagheremo i danni per incuria. Posso recedere dal contratto? Purtroppo l’agenzia ci ha fatto firmare il contratto contratto prima di visionarlo e ho dovuto pagarle anche il compenso più Iva.
    Posso senza preavviso di 3mesi riavere tutta la cauzione, il compenso dell’agenzia, l’annullo del contratto senza penalità e i danni fisici e psicologici che mia figlia sta subendo? Grazie per la risposta

    • Redazione ha detto:

      Buongiorno Carmela, per comprendere se sia possibile recedere anticipatamente senza la perdita della caparra e senza preavviso è necessario leggere con attenzione il contatto firmato. Trattandosi di una situazione particolare, le suggeriamo di chiedere la consulenza di un legale. Cordiali saluti.

  • Mattia ha detto:

    Buongiorno, gravi motivi possono essere considerati anche i mancati pagamenti del condominio e di alcune utenze?

    • Redazione ha detto:

      Buongiorno Mattia, in questo caso potrebbero esserci le condizioni per uno sfratto per morosità. Le suggeriamo di confrontarsi come un legale. Cordiali saluti.

  • Maria ha detto:

    Buongiorno,avrei bisogno di sapere se per gravi motivi si possono intendere anche il non rispettare il quieto vivere e avere da ridire con altri inquilini

    • Redazione ha detto:

      Buongiorno Maria, se si tratta fatti che non dipendono dalla sua volontà, imprevedibili, che sono sopraggiunti successivamente alla stipula della locazione e che rendono gravosa la prosecuzione di quest’ultima, allora potrebbero esserci le condizioni per recedere dal contratto per gravi motivi. Cordiali saluti.

  • Daniela ha detto:

    Salve rienta tra i gravi motivi per recedere dal contratto senza preavviso il fatto che uno è impossibilitato a pagare l’affitto? Grazie

    • Redazione ha detto:

      Buongiorno Daniela, si considerano gravi i motivi del recesso che sono estranei alla volontà del conduttore, imprevedibili e sopravvenuti dopo la firma del contratto. Le suggeriamo, pertanto, di verificare quanto prevede il suo contratto di locazione in merito a tale casistica. Cordiali saluti.

  • Angelo ha detto:

    Buongiorno, per gravi motivi può intendersi il ricovero in struttura RSA per raggiunti limiti di età e salute? Grazie

    • Redazione ha detto:

      Buongiorno Angelo, potrebbe rientrarvi se si considera un evento estraneo alla volontà del conduttore, imprevedibile e sopravvenuto. Cordiali saluti.

  • Sabina ha detto:

    Causa licenziamento dovrò lasciare appartamento che ho affittato.sul contratto è indicato un preavviso di 3 mesi. Sono obbligata a rispettarlo ? Grazie

    • Redazione ha detto:

      Buongiorno Sabina, le suggeriamo di leggere con attenzione quanto prevede il suo contratto di affitto in caso di recesso per gravi motivi come, appunto, il licenziamento dal posto di lavoro. Cordiali saluti.

  • Carla Lattuille ha detto:

    Buonasera, sono in difficoltà in quanto proprietaria di un locale commerciale affittato. Il conduttore ha lasciato il locale in quanto non le hanno dato licenza di aprire. Non ha dato preavviso ed io dovrei restituire il deposito cauzionale che purtroppo in questo momento non riesco a dare. La legge cosa dice in questo caso? Mi ha detto che andrà x vie legali. Grazie anticipatamente nel caso voglia rispondermi.

    • Redazione ha detto:

      Buongiorno Carla, le suggeriamo di consultare attentamente quanto avete pattuito nel contratto di locazione in merito al recesso anticipato del conduttore senza preavviso. La regola generale, comunque, è che alla scadenza del contratto di affitto, il locatore deve restituire la cauzione all’inquilino a condizione che quest’ultimo abbia restituito l’immobile nelle condizioni in cui lo ha ricevuto e abbia corrisposto tutte le spese di condominio a lui addebitate. Cordiali saluti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *