Planimetria catastale: fonte di diritti nelle compravendite

Planimetria catastale: fonte di diritti nelle compravendite

Una sentenza della Corte di Cassazione precisa il ruolo della planimetria catastale negli atti di compravendita, che non è solo descrittivo.

planimetria catastale

Con la sentenza n° 21352 dello scorso 9 ottobre, la Cassazione ha confermato l’orientamento secondo il quale l’oggetto del contratto può essere stabilito anche per relationem purché minuziosamente individuato. E chiarisce che la planimetria catastale allegata all’atto di compravendita è fonte di diritti e obblighi per le parti.

Leggi anche -> 3 planimetrie catastali che puoi richiedere online

Nell’atto manca il numero di stanze: il caso

A circa 10 anni dall’acquisto di un immobile, in occasione di alcuni lavori di ristrutturazione, l’acquirente si accorge che nella planimetria catastale allegata all’atto mancava un vano. Decide così di citare in giudizio i precedenti proprietari.

Nella sentenza in questione, giunta in Cassazione, la Corte ha confermando la precedente sentenza della Corte di Appello e condannato la parte venditrice dell’immobile. Motivo della condanna: aver venduto l’immobile privo di una stanza all’atto notarile e senza allegare all’atto notarile una planimetria catastale aggiornata dell’immobile.

Andando diritto al punto della questione in esame, la Cassazione ha rilevato che non era possibile determinare per relationem l’oggetto del contratto includendo nell’atto di acquisto anche il vano rivendicato dalla ricorrente. Il motivo è che tale vano non figurava nella planimetria allegata al rogito notarile in quanto tale documentazione conteneva dati non aggiornati.

Gli ermellini hanno inoltre osservato che nella compravendita immobiliare, deve essere esclusa la possibilità di far ricorso alla regola ermeneutica (articolo 1362 comma 2 del Codice Civile) che consente di tener conto, nella ricerca delle intenzione dei contraenti, del comportamento osservato dopo la conclusione del contratto.

Planimetria catastale e compravendita immobiliare

Lungi dall’essere un mero documento d’accompagnamento, la planimetria catastale diventa centrale negli atti di compravendita in quanto “fonte di diritti e obblighi per entrambe le parti contraenti.

Così, la Corte stabilisce che se all’atto di compravendita immobiliare viene allegata una planimetria non aggiornata, bisogna tenere conto degli elementi contenuta da quest’ultima per determinarne l’oggetto.

Leggi anche -> Documenti vendita casa: quali sono e come ottenerli online

 

Legal Service Specialist in VisureItalia®

Legal Service Specialist – Ho acquisito una formazione tecnica in architettura di interni e nell’architettura del paesaggio. Da venti anni svolgo la professione di visurista per ispezioni ipotecarie e catastali presso la Conservatoria dei Registri Immobiliari ed il Catasto per conto di studi notarili, enti di riscossione e istituti di credito. In VisureItalia® ricopro il ruolo di Legal Services Specialist e coordino le attività del team di visuristi operativi in tutti gli Uffici di Pubblicità Immobiliare in Italia. Su SmartFocus condivido le mie conoscenze per facilitare l’accesso alle banche dati pubbliche e ai Pubblici Registri in particolare.

© Riproduzione riservata

Se hai trovato utile questo articolo o hai bisogno di un chiarimento, lascia un commento nel form a fine pagina o scrivici a smartfocus@visureitalia.com. Inoltre, iscriviti alla newsletter per ricevere gratuitamente aggiornamenti su attualità economica, novità fiscali e tributarie, consigli pratici su normative, leggi e tributi!
Servizi VisureItalia

0 commenti per "Planimetria catastale: fonte di diritti nelle compravendite"

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *