Pignoramento beni mobili: cosa succede se la casa è di terzi?

Pignoramento beni mobili: cosa succede se la casa è di terzi?

La normativa di riferimento del pignoramento mobiliare è contenuta nel Codice di procedura civile, e precisamente negli articoli da 513 a 517. Se l’ufficiale giudiziario intende pignorare i beni mobili nella casa del debitore, ma questa è di proprietà dei genitori o dei parenti del debitore, il pignoramento è ineseguibile? Vediamolo insieme.

  1. Quali sono i beni mobili pignorabili?
  2. Il pignoramento beni mobili è ineseguibile se l’immobile è di terzi?
  3. E se sono stati pignorati beni di proprietà di terzi?

Quali sono i beni mobili pignorabili?

I beni mobili pignorabili sono tutte quelle cose che l’ufficiale giudiziario ritiene di più facile e pronta liquidazione, come il denaro e gli oggetti preziosi (art. 517 c.p.c.).

Tuttavia, vi sono delle cose mobili che devono essere considerate assolutamente impignorabili e relativamente impignorabili e sono disciplinate agli artt. 514 e 515 c.p.c..

Leggi anche >> Pignoramento di beni mobiliari: quali sono esclusi?

Il pignoramento beni mobili è ineseguibile se l’immobile è di terzi?

Se il pignoramento beni mobili avviene presso la residenza del debitore, ma l’immobile appartiene di fatto a terzi come i genitori o dei parenti, il pignoramento non può essere considerato ineseguibile.

L’art. 513 c.p.c. stabilisce che l’ufficiale giudiziario può ricercare le cose da pignorare nella casa del debitore e negli altri luoghi a lui appartenenti. Il luogo in cui vengono cercate le cose da pignorare corrisponde alla casa in cui il debitore dimora abitualmente, anche se questa non è di sua proprietà.

La legge presume, quindi, che i beni mobili presenti all’interno dell’abitazione del debitore appartengono allo stesso. Inoltre, l’art. 2740 del c.c. prevede che il debitore risponda dell’adempimento delle obbligazioni con tutti i suoi beni presenti e futuri. Per questo motivo, dunque, il pignoramento può avere ad oggetto solo beni di cui il debitore è titolare, i quali, sulla base di quanto appena esposto, possono essere anche presso un immobile di terzi.

L’attività svolta dall’ufficiale giudiziario in sede di pignoramento è semplicemente esecutiva ed esula da valutazioni giuridiche circa la proprietà dei beni da pignorare. L’ufficiale potrà, però, dare atto nel verbale di pignoramento che nell’immobile del debitore sono stati rinvenuti beni di proprietà di terzi, allegando documento che lo certifica e procedendo contestualmente a pignoramento dei beni.

E se sono stati pignorati beni di proprietà di terzi?

Cosa succede quindi se i beni pignorati nell’immobile del debitore risultano effettivamente di proprietà di terzi? Ai legittimi proprietari dei beni pignorati non resta che fare ricorso avvalendosi dell’opposizione di terzo all’esecuzione.

Leggi anche >> Pignoramento di beni mobili non di proprietà: come dimostrarlo

 

Content & Community Manager

Ho conseguito la laurea in Economia e Gestione Aziendale e da sei anni mi occupo di digital marketing. Sono responsabile del blog SmartFocus e gestisco i canali social di VisureItalia® curando i rapporti con la community dei lettori. Ogni giorno mi informo su nuove normative in campo fiscale, tributario o economico e mi piace condividere le mie conoscenze con i nostri lettori.

© Riproduzione riservata

Se hai trovato utile questo articolo o hai bisogno di un chiarimento, lascia un commento nel form a fine pagina o scrivici a smartfocus@visureitalia.com. Inoltre, iscriviti alla newsletter per ricevere gratuitamente aggiornamenti su attualità economica, novità fiscali e tributarie, consigli pratici su normative, leggi e tributi!
Servizi VisureItalia

34 commenti per "Pignoramento beni mobili: cosa succede se la casa è di terzi?"

  • Tania ha detto:

    Buongiorno mio fratello ha un debito con una finanziaria… lui è partito X il Messico e nn paga… cosa può fare il recupero crediti? Può avvalersi su fratello e genitori? Grazie

    • Redazione ha detto:

      Buongiorno Tania, se suo fratello è maggiorenne e nessuno dei parenti è garante di tale finanziamento, risponderà dei suoi debiti soltanto lui. Cordiali saluti.

  • Vincenzo ha detto:

    Salve sono separato dal 2018 il tribunale ha deciso che anche se non lavoro e non ho reddito dovevo corrispondere un assegno a mio figlio di 25 anni pari a euro 150 fino a dicembre del 2022 vivevo a casa con i miei genitori facendo dei lavoretti saltuari per poter guadagnare qualcosa per vivere. Ovviamente non ho mai potuto versare niente a mio figlio , il problema adesso e che ho ereditato una quota dell’immobile dove vivo e ho la residenza può la mia ex moglie attaccare questa quota , e se eventualmente posso oppormi grazie

    • Redazione ha detto:

      Buongiorno Vincenzo, le suggeriamo di confrontarsi con un legale affinché valuti se vi posso essere le condizioni per una eventuale azione da parte della sua ex moglie. Cordiali saluti.

  • Daniele ha detto:

    Sto comprando una casa x i miei genitori e x mia sorella che ha una disabilità con legge 104 in modo da garantirgli un tetto x il futuro. In passato abbiamo avuto pignoramento della prima casa circa 15 anni fa’. Adesso sto acquistando la casa per loro dando in usufrutto solamente a mia sorella ed miei genitori come ospiti.Premetto che richiedo la residenza presso la casa in acquisto e di conseguenza entro nello stato di famiglia dei miei genitori. Posso andare incontro a dei pignoramenti in futuro visto che hanno ancora delle insolvenza .. anche se sono passatou piudi 15 anni?

    • Redazione ha detto:

      Buongiorno Daniele, essendo una questione delicata, le suggeriamo di confrontarsi con un legale. Cordiali saluti.

  • Mario M. ha detto:

    Buo giorno sono Mario. La mia compagna convivente da anni ha un pignoramento mobiliare. Ora è andata via cambiando residenza in casa d’affitto. Non è più nello stato di famiglia. Può l’ufficiale giudiziario venire a pignorare a casa mia di mia proprietà. Anche se lei viene a trovarmi?

    • Redazione ha detto:

      Buongiorno Mario, se la Sua compagna non dimora abitualmente presso l’immobile di Sua proprietà, non dovrebbe esserci questo rischio. Tuttavia, le suggeriamo di confrontarsi con un legale per averne conferma. Cordiali saluti.

  • Corrado ha detto:

    Buongiorno io o un debito con agenzia delle entrate di 60000€ per il fallimento di una tabaccheria e senza soldi sono dovuto tornare a casa dei miei genitori dove ora o residenza possono rivalersi sui miei genitori ???

    • Redazione ha detto:

      Gentile Corrado, si potrebbe verificare un pignoramento mobiliare. Le suggeriamo di confrontarsi con un legale per avere un quadro chiaro della situazione. Cordiali saluti.

  • Cecilia ha detto:

    L’associazione professionale di cui fa parte mio marito ha grossi debiti con Agenzia delle entrate. L’associazione non ha i soldi per pagare e quindi i debiti ricadono in solido sui soci. Essendo il debito altissimo, c’è il rischio che pignorino anche i mobili della casa di mia proprietà dove mio marito vive? Siamo in separazione dei beni. Lui possiede un box auto, una cantina in comproprietà con me. Ha la pensione del suo ente previdenziale e un conto corrente cointestato con me. La mia paura è che ci possano pignorare i mobili di antiquariato che ho in casa, che sono dei miei genitori, anche se io non posso dimostrarlo.

    • Redazione ha detto:

      Gentile Cecilia, le suggeriamo di rivolgersi ad un legale, affinché possa valutare nel concreto i rischi e chiarire ogni suo dubbio. Cordiali saluti.

  • Iris Aguilera ha detto:

    Buongiorno, io e mio marito siamo debitori di quasi 10.000euro(AFFITTO CASA) .Proprio quando ha iniziato la pandemia e la possibilità di pagare era IMPOSSIBILE. Solo abbiamo la possibilità di pagare a rate, visto che soltanto uno lavora. Purtroppo il creditore vuole tutto il soldi e non ha accettato la rateizzazione . Viviamo in casa di mio figlio. 1°possono pignorare la casa? 2°cosa possono pignorare? 3° c’è qualcosa che se possa fare visto che la situazione è finita così per via della pandemia, ma soprattutto perche uno vuole pagare e non trova un’altra soluzione perche veramente se trova in difficoltà. Grazie. Cordiali saluti.

    • Redazione ha detto:

      Buongiorno Iris, siamo spiacenti per questa situazione di difficoltà in cui vi trovate. Il nostro consiglio è quello di rivolgervi ad un legale per avere un quadro chiaro sulla situazione. Cordiali saluti.

  • ernesto ha detto:

    Buon giorno
    Miamoglie da me separata consensualmente con assegno di mantenimento di 400 euro , dalla sentenza e’assegnataria della casa in affitto abitata e dei beni ivi contenuti.
    Ha un debito con una finanziaria. Se i mobili fossero pignorati da terzi creditori , ma ancora presenti nei locali ,la finanziaria porebbe pignorarli di nuovo e sottoporli a vendita all’incanto ?
    Grazie

    • Redazione ha detto:

      Gentile Ernesto, in una situazione come quella da lei esposta è possibile che, in base a quanto previsto dagli artt. 523 e 524 del Codice di procedura civile, avvenga una unione tra i pignoramenti. Cordiali saluti.

  • Costanza ha detto:

    Salve faccio residenza nella casa di proprietà del mio compagno .possono pignorare i mobili anche se sono di sua proprietà ?

    • Redazione ha detto:

      Buonasera Costanza, l’ufficiale giudiziario, munito del titolo esecutivo e del precetto, può ricercare le cose da pignorare nella casa del debitore, anche se questa non è di sua proprietà. Inoltre, come stabilito dall’art. 2740 del Codice Civile, il debitore risponde dell’adempimento delle obbligazioni con tutti i suoi beni presenti e futuri e ciò significa che il pignoramento può avere ad oggetto solo beni di cui il debitore è proprietario, i quali possono essere anche presso un immobile di terzi. Sarà necessario dimostrare che gli immobili presenti nell’immobile non sono di sua proprietà. Cordiali saluti.

  • Domenico ha detto:

    Buongiorno ho ricevuto nella casa di proprietà di mia moglie presso la quale ho la residenza da 10 giorni un decreto ingiuntivo relativo ad una affittanza non pagata nel 2017 per circa €6000 la mia situazione personale è assolutamente nulla poiché ho una pensione minima e non possiedo alcun bene né Immobile nel mobile Folletto in un suo articolo che il pignoramento di Cosimo bene Non puoi essere fatto se l’abitazione del debitore ancorché coniuge in separazione di beni non è di sua proprietà ho anche detto però che l’ufficiale giudiziario può fermare che in questa casa vi sono dei beni mobili di mia proprietà o di mio godimento Vorrei sapere se trovandomi di fronte ad un ufficiale giudiziario a cui aprirei la porta Certamente Posso semplicemente dirgli che l’appartamento non è mio provandolo con una scrittura ufficiale e che abitandoci da 10 giorni non ho alcun oggetto mobile di mia proprietà potrei impedirmi di mettere il sequestro beni che non sono miei ma di mia moglie come quadri o piccoli articoli di bigiotteria? Qual è l’articolo di legge che impedisce l’effettuazione del sequestro Grazie e attendo una risposta

    • Redazione ha detto:

      Gentile Domenico, è preferibile chiedere una consulenza con un legale in modo tale che analizzi nel dettaglio il Suo caso e le fornisca tutte le informazione per poter eventualmente affrontare una situazione come quella da lei descritta. Cordiali saluti.

  • Renato ha detto:

    Buonasera ho bisogno di aiuto,
    Sono amministratore di una società dove posseggo il 50% delle quote (SNC) dopo una lunga causa e la chiusura dell’attività ( non della partita iva) a causa della caduta del tetto x non manutenzione da parte loro,la proprietà mi fa un atto di precetto per dei canoni di affitto che non ho potuto versare.
    Adesso viviamo in affitto intestato a mia moglie ( separazione dei beni) in una causa della Onlus Casa degli i docenti 60mq con 4 figli. Ho la residenza presso l’immobile, mi hanno pignorati il conto corrente ed è facile che arrivi l’ufficiale giudiziario. Se levò la residenza e tendo il domicilio solo postale e mi dichiaro senza fissa dimora ( essendo oggi un marittimo) possono continuare a notificarmi atto di precetto futuri e pignoramenti futuri? La macchina intestata a mia moglie che usa per portare i ragazzi a scuola possono pignorata?grazie saluti

    • Redazione ha detto:

      Buongiorno Renato, si tratta di una situazione personale specifica, per cui è preferibile chiedere una consulenza con un legale. Cordiali saluti.

  • ILARIA UNGARO ha detto:

    Buongiorno con un debito di 15000 euro non pagato possono pignorare la prima casa che ne vale 15000?

    • Redazione ha detto:

      Gentile Ilaria, non ci sono limiti di importo per il pignoramento di un debito privato. Le suggeriamo di rivolgersi ad un legale. Cordiali saluti.

  • Luca ha detto:

    Buongiorno, piccola domanda.
    Mio padre è deceduto ad agosto e, io con mia sorella nel termine di 3 mesi abbiamo fatto inventario più rinuncia all’eredità per i debiti gravanti su mio padre , e nell’inventario sono stati iscritti tutti i beni mobili all’interno della casa .
    La casa è di proprietà di mia madre e anche lei è debitrice per mancato pagamento del mutuo e, a breve dovrebbe scattare il pignoramento immobiliare.
    Vorrei sapere se , essendo la casa di proprietà di mia madre , i beni mobili all’interno verrebbero considerati ugualmente di sua proprietà anche se sono inventariati nel compendio ereditario di mio padre .

    • Redazione ha detto:

      Buongiorno Luca, la situazione è complessa in quanto occorre valutare se i suoi genitori erano in comunione dei beni e se il bene di sua madre è stato acquistato durante il matrimonio oppure è stato ereditato. Cordiali saluti.

  • Alessandro ha detto:

    buingiorno ho un precetto da una finanziaria per 10 mila euro.
    vivo a casa dei miei genitori .non ho un lavoro ne altro sostentamento.
    possono migliorare i mobili o altro dai miei genitori?
    inoltre de non mi presento alla sentenza cosa succede

    • Redazione ha detto:

      Buongiorno Alessandro, l’art. 2740 del c.c. stabilisce che “Il debitore risponde dell’adempimento delle obbligazioni con tutti i suoi beni presenti e futuri”.
      Per questo motivo il pignoramento può avere ad oggetto solo beni di cui il debitore è proprietario, che tuttavia possono trovarsi anche presso terzi. Cordiali saluti.

  • Giuseppe Barbera ha detto:

    buon giorno, sono Giuseppe pensionato con la minima (515,18€) al mese. Sono debitore di una finanziaria l’importo richiestomi e di 40.000 €. Vovo con mia moglie in regnime di separazione dei beni possono che e propietaria , cosa possono pignorare?

    grazie per l’attenzione buona giornata

    • Redazione ha detto:

      Buongiorno Giuseppe, il debitore, come stabilito dall’art. 2740 del c.c., è responsabile delle proprie obbligazioni con tutti i suoi beni presenti e futuri. Il pignoramento può avere ad oggetto solo beni di cui il debitore è proprietario, che tuttavia possono trovarsi anche presso terzi. In base a quanto da lei esposto sembrerebbe che la Sua pensione non sia pignorabile, in quanto inferiore al minimo vitale.
      Occorrerebbe valutare invece l’eventuale pignoramento del conto corrente se disponibile. A tal proposito le consigliamo la lettura dell’articolo “Pignoramento del conto corrente bancario: quali limiti?“. Cordiali saluti.

  • Andrea albano ha detto:

    Se la proprietaria di un negozio deve dei soldi ai fornitori può avvenire il pignoramento dei beni mobili dell appartamento in cui abita avente però solo l’usufrutto?

    • Redazione ha detto:

      Gentile Andrea, qual è la forma dell’attività svolta da questa persona? Si tratta di un libero professionista, una ditta individuale o di una società? Cordiali saluti.

  • Martina ha detto:

    Buongiorno, posso pignorare beni mobili del debitore che, però, non ha la residenza, ma solo il domicilio, presso l’abitazione della propria madre?

    Ringrazio in anticipo per la gentile risposta.

    • Redazione ha detto:

      Buongiorno Martina, se il domicilio corrisponde al luogo in cui il debitore dimora abitualmente, potrebbero esserci una rilevanza ai fini di un eventuale pignoramento di beni mobili. L’art. 517 c.p.c. stabilisce, infatti, che l’ufficiale giudiziario, munito del titolo esecutivo e del precetto, può ricercare le cose da pignorare nella casa del debitore. Quest’ultima corrisponde al luogo in cui dimora abitualmente. Cordiali saluti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *