Qual è il costo del passaggio di proprietà di un’auto

Qual è il costo del passaggio di proprietà di un’auto

Avete trovato l’auto che fa per voi e siete pronti per acquistarla. Dai controlli eseguiti con una visura PRA per targa non sono emersi fermi amministrativi, ipoteche o altri vincoli sul veicolo. Tutto perfetto, ma quanto si paga per il passaggio di proprietà? Ci sono modi per risparmiare?

Costo passaggio di proprietà auto

Come fare il passaggio di proprietà di una autoviecolo?

Quando si acquista un veicolo usato, la pratica del passaggio di proprietà deve essere presentata allo Sportello Telematico dell’Automobilista (STA) del PRA entro sessanta giorni dall’autentica di firma del venditore apposta sull’atto di compravendita dell’autoveicolo.

Se la firma del venditore viene autenticata allo STA oppure alla Motorizzazione Civile, è obbligatorio effettuare contestualmente anche la registrazione del passaggio di proprietà. In questo modo si garantisce la certezza giuridica dell’aggiornamento dell’archivio del PRA con i dati del nuovo proprietario del veicolo.

Leggi anche >> Documento unico di circolazione: il sostituto del certificato di proprietà

Quanto costa il passaggio di proprietà di un’automobile

Per capire qual è il costo del passaggio di proprietà di un’auto è necessario distinguere se si deve effettuare il passaggio di proprietà di veicoli per i quali si dispone del Certificato di Proprietà, con uno o al massimo dieci acquirenti, oppure se si rientra tra questi casi:

  • più di dieci acquirenti
  • non si dispone del certificato di proprietà (CdP) del veicolo, ma solo del foglio complementare
  • annotazione dell’usufrutto
  • registrazione del passaggio di proprietà con connessa variazione d’uso o delle caratteristiche tecniche del veicolo
  • registrazione del passaggio di proprietà a tutela del venditore
  • possesso da parte dell’interessato di un titolo autorizzativo o dell’iscrizione in appositi albi, compreso il caso di noleggio senza conducente; oppure in caso di veicolo con necessità di collaudo o di rilascio di certificato di autorizzazione
  • presentazione richieste relative a veicoli di cui, allo stato attuale, non è ancora stato possibile abbinare i codici tecnici ACI e DTT
  • presentazione richieste relative a variazioni/fusioni societarie
  • registrazione del passaggio di proprietà per acquisto da proprietario non intestatario (art. 2688 c.c.).

Leggi anche >> Passaggio di proprietà auto: come risparmiare?

Costo passaggio di proprietà auto con Certificato di Proprietà

Quando si acquista un’auto, solitamente, si dispone del Certificato di Proprietà. Infatti, il suo retro viene spesso usato come dichiarazione di vendita.

In questo caso, il costo per il passaggio di proprietà di un’auto, in base a quanto stabilito dalla legge, è composto da:

  • Imposta Provinciale di Trascrizione. È un importo variabile che dipende dal tipo di veicolo e dalla provincia di residenza del venditore.
  • Emolumenti ACI, pari a 27,00 euro.
  • Imposta di bollo per registrazione al PRA. In questo caso l’importo varia se si utilizza come nota di presentazione il CdP cartaceo o il CDPD oppure se si utilizza il mod. NP-3B. Nel primo caso l’imposta è di 32,00 euro, oppure di 48,00 euro.
  • Diritti DT (Motorizzazione Civile), corrispondenti a 10,20 euro più i costi per i versamenti postali.
  • Imposta di bollo per aggiornamento Carta di Circolazione, pari a 16,00 euro più i costi per i versamenti postali.

Leggi anche >> Calcolo costo del passaggio di proprietà

Costo passaggio di proprietà auto negli altri casi

In tutti gli altri casi precedentemente elencati, invece, rispetto al caso di un passaggio di proprietà auto con CdP o CDPD, le somme dovute per il passaggio di proprietà sono pari a:

  • Imposta Provinciale di Trascrizione, sempre variabile a seconda del tipo di veicolo e della provincia di residenza
  • Emolumenti ACI, pari a 27,00 euro
  • Imposta di bollo per registrazione al PRA, corrispondente a 32,00 euro in caso di utilizzo del CdP come nota di presentazione o 48,00 euro se si utilizza il mod.NP3C come nota di presentazione.

Fonte: ACI

© Riproduzione riservata

Se hai trovato utile questo articolo o hai bisogno di un chiarimento, lascia un commento nel form a fine pagina o scrivici a smartfocus@visureitalia.com. Inoltre, iscriviti alla newsletter per ricevere gratuitamente aggiornamenti su attualità economica, novità fiscali e tributarie, consigli pratici su normative, leggi e tributi!

Servizi VisureItalia
 

Social Media & Community Manager

Ho conseguito la laurea in Economia e Gestione Aziendale e da cinque anni mi occupo di digital marketing. Sono responsabile del blog SmartFocus e gestisco i canali social di VisureItalia® curando i rapporti con la community dei lettori. Ogni giorno mi informo su nuove normative in campo fiscale, tributario o economico e mi piace condividere le mie conoscenze con i nostri lettori.

© Riproduzione riservata

Se hai trovato utile questo articolo o hai bisogno di un chiarimento, lascia un commento nel form a fine pagina o scrivici a smartfocus@visureitalia.com. Inoltre, iscriviti alla newsletter per ricevere gratuitamente aggiornamenti su attualità economica, novità fiscali e tributarie, consigli pratici su normative, leggi e tributi!
Servizi VisureItalia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *