Cos’è l’unità immobiliare? Definizione ed esempio

Cos’è l’unità immobiliare? Definizione ed esempio

Anche se spesso si pensa che l’unità immobiliare sia un sinonimo di appartamento, in realtà quest’ultima può individuare altri tipi di costruzione. Vediamo quali sono nel nostro ultimo articolo!

  1. Cosa si intende per unità immobiliare?
  2. Esempi di unità immobiliare
  3. Come sapere il numero di unità immobiliari che compongono l’edificio?
  4. Oneri e diritti dei proprietari di unità immobiliari

Cosa si intende per unità immobiliare?

Secondo il d.p.r. n. 1142/49 nell’art. 40, la singola unità immobiliare urbana è un insieme di fabbricati, un fabbricato o una sua porzione che appartenga ad uno stesso proprietario e che, in base all’uso locale, rappresenti un cespite indipendente. Questo termine indica, nello specifico, un elemento che costituisce per una persona una fonte di reddito.

L’unità immobiliare non è sinonimo di appartamento, perché può essere anche un box auto, una cantina e ogni fabbricato che costituisca un’autonoma fonte di reddito.

Il successivo art. 41, inoltre, specifica che ogni unità immobiliare urbana accertata deve essere intestata alla ditta che ne è in possesso. Nel dettaglio, la ditta è formata dai proprietari o possessori e da coloro che hanno diritti reali di godimento sull’unità immobiliare. Esse devono essere designate singolarmente, specificando per ciascuna le quote di partecipazione o il diritto spettante. Si stabilisce quindi il principio secondo cui non può esistere un immobile non intestato a qualcuno.

Sempre il d.p.r. n. 1142/49 specifica che l’unità immobiliare deve essere individuata in Catasto con l’indicazione della via/località, del numero civico, della scala, del piano con riferimento alla mappa. I successivi articoli del decreto, infine, chiariscono che, per ogni unità, bisogna determinarne la consistenza catastale per le imposizioni tributarie.

Esempi di unità immobiliare

L’unità immobiliare urbana può essere: una porzione di fabbricato (appartamento), un intero fabbricato (box auto) o un insieme di fabbricati (ufficio pubblico) con stessa intestazione catastale e autonomia reddituale.

Non si considerano, di conseguenza, unità immobiliari urbane le porzioni che non sono autonome che non dispongono di un ingresso diretto dalle parti comuni, servizi privati ecc. Una camera di un appartamento, ad esempio, non può essere una unità immobiliare urbana, perché non ha ingresso autonomo e servizi esclusivi.

Come sapere il numero di unità immobiliari che compongono l’edificio?

Per identificare quante e quali unità sono presenti in un determinato fabbricato, puoi richiedere una visura Elenco Immobili online su VisureItalia:

Elenco immobiliclose

Ti serviranno:

  • Catasto
  • Ufficio Catasto
  • Comune
  • Foglio
  • Particella o Mappale

La visura catastale Elenco immobili fornisce l’elenco di tutte le unità immobiliari (abitazioni, uffici, locali commerciali, cantine, garage) presenti all’interno di un fabbricato. Grazie a questo documento, pertanto, si possono individuare quante e quali unità ci sono in un fabbricato, qualora si conoscano gli identificativi catastali.

L’elaborato riporta:

Oneri e diritti dei proprietari di unità immobiliari

Gli oneri in capo ai proprietari di unità immobiliari sono di carattere tributario. Possedere o detenere un’unità immobiliare comporta l’obbligo di pagare le imposte fondiarie, come l’IMU ad esclusione dei casi di esenzione previsti dalla legge. Si tratta di una tassa che, tra l’altro, riguarda i proprietari e mai gli inquilini.

In secondo luogo bisogna prendere in considerazione la TARI, ossia la tassa sui rifiuti. In questo caso gli interessati sono il proprietario e, se l’immobile è dato in locazione, il conduttore.

La proprietà di un’unità di un immobile comporta anche la necessità di rispettare le norme che regolano la sicurezza e l’ordine pubblico. Dovranno essere osservate, inoltre, le norme urbanistiche e quelle locali circa il modo d’uso delle abitazioni e il rispetto degli orari.

Se l’unità in oggetto è indipendente, il proprietario non ha altri obblighi. Se, invece, si trova in condominio, ad esso spetterebbe anche l’onere di contribuire alla gestione delle cose comuni. Ciò vuol dire che, salvo il caso di esonero concordato con tutti gli altri partecipanti al condominio, ogni titolare di un’unità dovrà partecipare alle spese necessarie alla gestione delle parti condivise.

Potrebbe interessarti anche >> Come si possono verificare i dati catastali di un immobile?

 

Legal Service Specialist in VisureItalia®

Legal Service Specialist – Ho acquisito una formazione tecnica in architettura di interni e nell’architettura del paesaggio. Da venti anni svolgo la professione di visurista per ispezioni ipotecarie e catastali presso la Conservatoria dei Registri Immobiliari ed il Catasto per conto di studi notarili, enti di riscossione e istituti di credito. In VisureItalia® ricopro il ruolo di Legal Services Specialist e coordino le attività del team di visuristi operativi in tutti gli Uffici di Pubblicità Immobiliare in Italia. Su SmartFocus condivido le mie conoscenze per facilitare l’accesso alle banche dati pubbliche e ai Pubblici Registri in particolare.

© Riproduzione riservata

Se hai trovato utile questo articolo o hai bisogno di un chiarimento, lascia un commento nel form a fine pagina o scrivici a smartfocus@visureitalia.com. Inoltre, iscriviti alla newsletter per ricevere gratuitamente aggiornamenti su attualità economica, novità fiscali e tributarie, consigli pratici su normative, leggi e tributi!
Servizi VisureItalia

6 commenti per "Cos’è l’unità immobiliare? Definizione ed esempio"

  • Dalila Judith d'onofrio ha detto:

    Si l’unità immobiliare è provvisto da un codice catastale che impone che impone il pagamento Il pagamento dell’irpef della quota regionale della Comunale Tutte aumentati in quanto considerate Seconde a casa,a disposizione Disposizione. Che detto appartamento Ha ingresso autonomo E non rientra tra l’appartamento che si trova al piano superiore e che viene considerato il di ritto di uso di vedovanza perChiamare che ci abita alla morte del padre.. Per noi figli questo appartamento viene considerato seconda abitazione e così per nostra madre che paga l’importo del asseconda abitazione. Ora hai fini della ristrutturazione con il cento dieci % essendo uniti essendo due unità Immobiliari provvisto di rendita catastale autonomoume e con ingresso autonomo E’possibile in usufruire delle Usufruire della detrazione del 100 dieci% anche se le Utenze gas luce e acqua hanno Distesi contatori che vengono definiti L’imbuto bonario tra i 2 Abitazioni autonome. Ringrazio per la Rispose Che mi vorrà dare. Gli appartamenti hanno 4 proietta proprietari e le conquiste e non divise
    In un Altra struttura abitativa esistono crea appartamenti autonomi e 2 piccoli, OK, hanno l’acqua in comune che viene suddivise tra i vari appartamenti la luce in comune che viene suddiviso con un appartamento mentre l’acqua calda è il riscaldamento E autonoautonomo.
    Sono Edifici sono costruite nella stessa terreno Appartenenti a 4 proprietariim quote non divise. In un appartamento In uno degli ha l’intero i uso come Vedovanza.
    Se mi vorrà chiarire tutti questi aspetti che devono essere risolti entro il 26 novembre e saremmo molto grati In quanto siamo 4 comproprietari Con quote uguali tra i figli e maggiore per la madre.
    Ringraziando per il suo Ascolto aspetto Sua risposta.

    Intanto la ringrazio e le porgo cortesi saluti

    intero

    • Redazione ha detto:

      Buongiorno Dalila, si tratta tratta di una situazione particolare che deve essere analizzata con l’ingegnere che vi segue per in questi lavori. Cordiali saluti.

  • Cippitelli liliane ha detto:

    Il geom ha fatto une docfa ha suppriment il mio sub 4 per sub 9 ma il sub 9 e gia intestato al un altro propriétario

    Non so se e possibile
    Grazie

    • Redazione ha detto:

      Buongiorno Liliane, siamo spiacenti ma il suo quesito non ci è chiaro. Potrebbe spiegarci meglio di cosa avrebbe bisogno? Saremmo lieti di aiutarla. Cordiali saluti.

  • Nicoletta Erica Stagi ha detto:

    Buonasera, mi è stato detto che per la successione dell’unica proprietà immobiliare dove viveva mia madre deceduta il 24 settembre u.s., valutata 120.000 mi verrebbe a costare 3.800 e rotti euro. Come può essere?

    • Redazione ha detto:

      Buongiorno Nicoletta, le suggeriamo di confrontarsi con un altro professionista (commercialista o CAF) per verificare che gli importi da versare siano effettivamente corretti. Cordiali saluti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *