Come si calcola il codice fiscale e a cosa serve

Come si calcola il codice fiscale e a cosa serve

Il codice fiscale consente di identificare ai fini fiscali e amministrativi persone fisiche e persone giuridiche. È un’espressione alfanumerica nel primo caso, mentre solo numerica nel secondo. Scopriamo le sue funzioni e come di calcola.

Come calcolare il Codice fiscale

Come calcolare il Codice fiscale

Soggetti, struttura e finalità

Per le persone fisiche, il codice fiscale è costituito da 16 caratteri alfanumerici. Vengono combinati elementi del nome e cognome, sesso, data e luogo di nascita:

  • le prime 3 lettere e le seconde 3 rappresentano rispettivamente le consonanti del cognome e del nome;
  • i due numeri successivi corrispondono alle ultime due cifre dell’anno di nascita;
  • il nono carattere indica la lettera del mese di nascita secondo una specifica tabella di conversione (gennaio A, febbraio B, marzo C, aprile D, maggio E, giugno H,
    luglio L, agosto M, settembre P, ottobre R, novembre S, dicembre T);
  • i successivi due numeri sono il giorno di nascita, per i soggetti di sesso femminile è aumentato di 40 unità;
  • dal dodicesimo al quindicesimo è indicato il luogo di nascita (codice del Comune o dello Stato estero);
  • l’ultima lettera ha funzione di controllo.

È attribuito dai Comuni a pochi giorni dalla nascita con la prima iscrizione nei registri d’anagrafe della popolazione residente. I codici fiscali calcolati con strumenti online non hanno alcun valore e dal loro utilizzo possono derivare dei problemi per i cittadini. Occorre tenere presente anche dei possibili casi di omocodia. Si tratta di una coincidenza tra i dati anagrafici di due o più persone, tali da generare uno stesso codice fiscale.

Per i soggetti diversi dalle persone fisiche, il codice fiscale è composto da 11 caratteri numerici, di cui i primi 7 corrispondono a un numero progressivo che individua il contribuente, i successivi 3 identificano l’Ufficio, mentre l’ultimo è una cifra di controllo. I soggetti diversi dalle persone fisiche non obbligati alla dichiarazione di inizio attività Iva e che non esercitano un’attività rilevante ai fini dell’Iva (enti, associazioni, fondazioni, condomini, parrocchie, ecc.) sono obbligati a indicare il codice fiscale. Per tutti i soggetti contribuenti non persone fisiche dotati di partita Iva (trust, stabili organizzazioni, società, associazioni con partita Iva, fondazioni) la stessa normalmente ha anche funzione di codice fiscale.

Come si calcola il codice fiscale: la verifica online

Il codice fiscale è quindi un elemento identificativo di ogni contribuente. L’Agenzia delle Entrate permette di verificare l’esistenza e la corrispondenza tra un codice fiscale e i dati anagrafici (o la denominazione) di un soggetto, confrontando i dati inseriti dall’utente con quelli registrati in Anagrafe Tributaria.

Un altro servizio utile è il certificato di attribuzione codice fiscale. E’ un documento indispensabile nel caso in cui sia necessario presentare un certificato ufficiale attestante la validazione presso la Anagrafe Tributaria di un codice fiscale rispetto ad una persona fisica avente residenza in Italia. Può essere richiesto sia dalle aziende che dalle persone fisiche e viene rilasciato non ad uso bollo dall’Agenzia delle Entrate. L’attribuzione del codice fiscale può essere richiesta anche per i cittadini stranieri purché aventi residenza anagrafica in Italia e dotati di un documenti di identità valido.

Può essere richiesto anche per le persone giuridiche prive di partita IVA. A titolo esemplificativo ma non esaustivo rientrano in questa fattispecie le associazioni, le fondazioni, gli studi associati, i consorzi, le cooperative, gli enti non commerciali, le onlus. Il certificato viene rilasciato per le finalità previste nel caso di presentazione di documenti ufficiali attestanti la validazione in Anagrafe Tributaria di un codice fiscale rispetto ad una persona giuridica avente sede legale in Italia.

Il certificato di attribuzione codice fiscale persona giuridica contiene i seguenti dati dell’azienda:

  • codice fiscale
  • denominazione
  • natura giuridica
  • tipo di attività
  • indirizzo sede legale
  • codice ATECO
  • dati del titolare o legale rappresentante (cognome e nome, codice fiscale)

Per ricevere il certificato online, è indispensabile inviare copia del documento di identità del legale rappresentante della persona giuridica.

 

Social Media & Community Manager

Ho conseguito la laurea in Economia e Gestione Aziendale e da cinque anni mi occupo di digital marketing. Sono responsabile del blog SmartFocus e gestisco i canali social di VisureItalia® curando i rapporti con la community dei lettori. Ogni giorno mi informo su nuove normative in campo fiscale, tributario o economico e mi piace condividere le mie conoscenze con i nostri lettori.

© Riproduzione riservata

Se hai trovato utile questo articolo o hai bisogno di un chiarimento, lascia un commento nel form a fine pagina o scrivici a smartfocus@visureitalia.com. Inoltre, iscriviti alla newsletter per ricevere gratuitamente aggiornamenti su attualità economica, novità fiscali e tributarie, consigli pratici su normative, leggi e tributi!
Servizi VisureItalia

0 commenti per "Come si calcola il codice fiscale e a cosa serve"

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *