Categoria catastale D1: cosa significa?

Categoria catastale D1: cosa significa?

Sapere a quale categoria catastale appartiene un fabbricato in cui si tiene una determinata attività è importante per calcolare la rendita catastale e quante tasse di devono pagare in riferimento all’immobile stesso. Non sai se il tuo immobile rientra nella categoria catastale D1? Ecco come puoi verificare i requisiti che occorrono per farne parte.

INDICE:

  1. A cosa corrisponde il gruppo catastale D?
  2. Cosa vuol dire D1?
  3. Come scoprire la categoria catastale di un immobile?
  4. Come avviene il pagamento delle tasse per la categoria catastale D1?

A cosa corrisponde il gruppo catastale D?

La categoria catastale D comprende le categorie speciali a fine produttivo o terziario:

  • D/1 – Opifici
    Opifici, cabine elettriche e autosilos con impianti di sollevamento delle auto
  • D/2 – Alberghi e pensioni
    Hotel, locande, case di riposo per anziani, pensioni e villaggi turistici
  • D/3 – Teatri, cinema, sale per spettacoli
    Anche arene, discoteche e parchi giochi
  • D/4 – Case di cura ed ospedali
    Case di cura ed ospedali con fine di lucro
  • D/5 – Istituti di credito, cambio ed assicurazione
    Istituti di credito, cambio ed assicurazione
  • D/6 – Fabbricati e locali per esercizi sportivi
    Fabbricati e locali per esercizi sportivi con fine di lucro
  • D/7 – Fabbricati costruiti o adattati per speciali esigenze che non possono avere destinazione diversa senza radicali trasformazioni
  • D/8 – Fabbricati costruiti o adattati per speciali esigenze di un’attività commerciale che non possono avere destinazione diversa senza radicali trasformazioni
  • D/9 – Edifici galleggianti o sospesi assicurati al suolo
    Edifici galleggianti o sospesi assicurati a punti fissi del suolo, ponti privati soggetti a pedaggio n. 514
  • D/10 – Fabbricati per funzioni produttive connesse alle attività agricole
    Fabbricati per funzioni produttive connesse alle attività agricole

Cosa vuol dire D1?

La categoria catastale D1 comprende gli opifici e i fabbricati in cui si svolge un’attività industriale resa per mezzo di meccanismi fissati. Si tratta quindi di stabilimenti o fabbriche che occupano interi fabbricati o porzioni di fabbricati nei quali si svolge un’attività che produce un bene economico e trasforma la materia prima in prodotti finiti e vendibili. Rientra nella categoria D1 anche la fabbrica che genera prodotti e servizi per venderli ad altri o ricavarne un utile come:

  • autosilos con impianti di sollevamento delle vetture,
  • falegnamerie che non hanno carattere artigianale,
  • cabine elettriche, centrali idroelettriche,
  • forni, caseifici e molini rilevanti dal punto di vista economico.

Come scoprire la categoria catastale di un immobile?

Per sapere qual è la categoria catastale di un fabbricato bisogna richiedere la visura catastale, sia se l’ispezione è svolta sull’intestatario sia se è eseguita con i dati catastali:

Visura catastale immobileclose

Ti serviranno:

  • Ufficio Catasto
  • Catasto
  • Comune
  • Foglio
  • Particella o Mappale
  • Subalterno

Visura catastale persona fisicaclose

Ti serviranno:

  • Ufficio Catasto
  • Catasto
  • Cognome
  • Nome
  • Codice Fiscale

Visura catastale persona giuridicaclose

Ti serviranno:

  • Ufficio Catasto
  • Catasto
  • Denominazione
  • Codice Fiscale

Nel dettaglio, la visura catastale per immobile viene eseguita attraverso i dati catastali dell’unità immobiliare. Oltre alla categoria catastale, questa visura evidenzia anche:

  • superficie catastale,
  • classe e rendita catastale,
  • dati anagrafici degli intestatari dell’immobile,
  • natura e quote dei diritti reali,
  • variazioni catastali,
  • note sugli atti di provenienza.

Oppure, se la ricerca è svolta su un soggetto, si può richiedere una visura catastale per persona fisica e giuridica. In questo modo si può consultare quanto risulta al Catasto sugli immobili intestati ad un soggetto. In questo caso, i dati del documento saranno quelli che seguono:

  • categoria catastale,
  • dati catastali degli immobili,
  • superfici catastali,
  • rendita catastale,
  • intestatari degli immobili e relative quote.

Come avviene il pagamento delle tasse per la categoria catastale D1?

Per capire quale sia l’ammontare delle tasse relative agli edifici che rientrano nella categoria D1, bisogna considerare la rendita catastale. Sulla base all’appartenenza di un immobile ad una specifica categoria, infatti, si stabiliscono dei coefficienti più elevati e di conseguenza le tasse che bisogna pagare possono essere più o meno care.

Leggi anche >> Legenda delle categorie catastali

 

Legal Service Specialist in VisureItalia®

Legal Service Specialist – Ho acquisito una formazione tecnica in architettura di interni e nell’architettura del paesaggio. Da venti anni svolgo la professione di visurista per ispezioni ipotecarie e catastali presso la Conservatoria dei Registri Immobiliari ed il Catasto per conto di studi notarili, enti di riscossione e istituti di credito. In VisureItalia® ricopro il ruolo di Legal Services Specialist e coordino le attività del team di visuristi operativi in tutti gli Uffici di Pubblicità Immobiliare in Italia. Su SmartFocus condivido le mie conoscenze per facilitare l’accesso alle banche dati pubbliche e ai Pubblici Registri in particolare.

© Riproduzione riservata

Se hai trovato utile questo articolo o hai bisogno di un chiarimento, lascia un commento nel form a fine pagina o scrivici a smartfocus@visureitalia.com. Inoltre, iscriviti alla newsletter per ricevere gratuitamente aggiornamenti su attualità economica, novità fiscali e tributarie, consigli pratici su normative, leggi e tributi!
Servizi VisureItalia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *