Reddito dominicale e reddito agrario dei terreni: le differenza

Reddito dominicale e reddito agrario dei terreni: le differenza

Il reddito fondiario (artt. 25 – 43 del D.P.R. n. 917/1986 ) riguarda i terreni e i fabbricati situati nel territorio italiano e, quindi, censiti nel Catasto Terreni o nel Catasto Fabbricati. Questo si distingue, oltre che nel reddito dei fabbricati, anche nel reddito dominicale e nel reddito agrario.

Cosa sono il reddito dominicale e il reddito agrario?

Il reddito dominicale corrisponde alla “parte dominicale del reddito medio ordinario ritraibile dal terreno attraverso l’esercizio delle attività agricole” che spetta al suo proprietario.

Riguarda, dunque, solamente l’entrata che si ottiene per la sola proprietà dei beni e non include quella derivante dall’esercizio dell’attività agricola.

I terreni che costituiscono pertinenze di fabbricati urbani, quelli dati in affitto per usi non agricoli, nonché quelli produttivi di reddito di impresa (art. 55, c. 2, let. c, del D.P.R. n. 917/1986) non sono considerati produttivi di reddito dominicale.

Il reddito agrario rappresenta, invece, la “parte del reddito medio ordinario dei terreni imputabile al capitale d’esercizio e al lavoro di organizzazione impiegati, nei limiti della potenzialità del terreno, nell’esercizio di attività agricole su di esso“.

Leggi anche >> Rendita catastale per terreni agricoli: come si calcola?

Tra le attività agricole, come specificato dall’art. 32 del D.P.R. n. 917/1986, rientrano:

  • le attività finalizzate alla coltivazione del terreno e alla silvicoltura;
  • l’allevamento di animali con mangimi derivanti per almeno un quarto dal terreno, e le attività dirette alla produzione di vegetali tramite l’utilizzo di strutture fisse o mobili, anche provvisorie, a patto che la superficie adibita alla produzione non sia superiore al doppio di quella del terreno su cui avviene la produzione stessa;
  • le attività indicate nell’art. 2135, c. 3, del codice civile, anche non svolte sul terreno, e dirette alla manipolazione, conservazione, trasformazione, commercializzazione e valorizzazione di prodotti ottenuti prevalentemente dalla coltivazione del fondo o del bosco o dall’allevamento di animali.

Quali sono le differenze tra reddito dominicale e reddito agrario

Il reddito dominicale e agrario sono entrambi correlati alla qualità del terreno e alla sua produttività media ordinaria.

Tuttavia, la principale differenza tra il reddito dominicale e il reddito agrario riguarda il fatto che il primo è relativo alla sola proprietà del terreno, mentre il secondo riguarda l’utilizzo produttivo del terreno.

Come si determina il reddito dominicale e agrario di un terreno

La determinazione del reddito dominicale, come stabilito dall’art. 28 del D.P.R. n. 917/1986, avviene mediante l’applicazione di tariffe d’estimo, elaborate dai singoli comuni e stabilite, secondo le norme della legge catastale, per ciascuna qualità e classe di terreno.

Per quanto riguarda, invece, la determinazione del reddito agrario, sulla base di quanto indicato nell’art. 34 del D.P.R. n. 917/1986, questa avviene ugualmente attraverso l’applicazione di tariffe d’estimo definite per ciascuna qualità e classe.

Le tariffe d’estimo esprimono la capacità reddituale di un immobile a fini fiscali e sono sottoposte, sia nel caso del reddito dominicale sia nel caso del reddito agrario, a revisione quando se ne manifesti l’esigenza o, comunque, ogni dieci anni. Le modificazioni derivanti dalla revisione sono disposte con decreto del Ministro delle finanze e hanno effetto dall’anno successivo a quello di pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale del nuovo prospetto delle tariffe d’estimo.

Il reddito dominicale e il reddito agrario permettono di individuare la base imponibile per il calcolo delle tasse, tributi e imposte.

Dove si trovano i redditi dominicale e agrario

Per verificare il valore del reddito dominicale e agrario di un terreno è possibile richiedere:

Visura catastale immobileclose

Ti serviranno:

  • Ufficio Catasto
  • Catasto
  • Comune
  • Foglio
  • Particella o Mappale
  • Subalterno

Nel form presente sul sito di VisureItalia sarà necessario selezionare Terreno sotto la voce Catasto e indicare gli identificativi catastali del bene immobile, cioè la particella e il foglio.

Questo documento contiene, infatti, i seguenti dati censiti nel Catasto Terreni:

  • Qualità e Classe. La prima esprime il tipo di macrocoltura agraria attribuita a una particella del Catasto Terreni, o sua porzione. Se la particella è suddivisa in porzioni con colturali diverse viene riportata la dicitura “Modello 26”. La seconda, invece, identifica il grado di produttività delle particelle interessate da una qualità di coltura. Può essere indicata con numeri da “1 a n”, dove la classe 1 rappresenta la classe di maggior reddito, oppure con la lettera “U”, che sta per “unica”, quando la categoria non è ripartita in classi in quanto la redditività è omogenea all’interno del Comune o della zona censuaria.
  • Ha, Are, Ca, i quali esprimono superficie del terreno espressa in ettari, in are e in centiare.
  • Reddito dominicale e reddito agrazio, che come specificato in precedenza rappresentano, rispettivamente, l’entrata netta derivante dalla proprietà di un terreno, e la parte del reddito medio ordinario dei terreni imputabile al capitale di esercizio e al lavoro di organizzazione impiegati nell’esercizio delle attività agricole.

Legge di bilancio 2020: redditi terreni dei coltivatori diretti e degli imprenditori agricoli professionali

La nuova Legge di Bilancio ha previsto l’estensione anche per il 2020 dell’esenzione Irpef per i redditi dominicali e agrari dei terreni dichiarati da coltivatori diretti e imprenditori agricoli professionali iscritti nella previdenza agricola.

Per il 2021, tali redditi concorreranno invece alla formazione della base imponibile ai fini dell’imposta sul reddito delle persone fisiche nella misura del 50 per cento.

Variazione redditi dominicale e agrario

I titolari di redditi fondiari devono presentare la denuncia delle variazioni dei redditi dominicale e agrario dei terreni entro il 31 gennaio dell’anno successivo a quello in cui si è verificata la modifica.

L’art. 30 del D.P.R. n. 917/1986 prevede che le variazioni del reddito dominicale, in aumento o in diminuzione, devono essere denunciate dal contribuente all’Agenzia delle Entrate. Nella denuncia devono essere indicate la partita catastale e le particelle cui le variazioni si riferiscono e, se queste riguardano porzioni di particelle, deve essere allegata la dimostrazione grafica del frazionamento.

In base a quanto stabilito dall’art. 29 del D.P.R. n. 917/1986, commi 1 e 2:

  • le variazioni del reddito domenicale in aumento possono derivare dalla sostituzione della qualità di coltura, rispetto a quanto indicato in catasto, con altra di maggiore reddito;
  • le variazioni del reddito dominicale in diminuzione derivano, invece, dalla sostituzione della qualità di coltura allibrata in catasto con un’altra di minore reddito, oppure dalla riduzione della capacità produttiva del terreno per naturale esaurimento o per altra causa di forza maggiore, anche se non vi è stato cambiamento di coltura, ovvero per eventi fitopatologici o entomologici interessanti le piantagioni.

La denuncia delle variazioni dei redditi dominicale e agrario può essere effettuata tramite il software Docte 2.0 oppure presentando la dichiarazione variazioni delle colture (modello 26) al competente ufficio provinciale – Territorio dell’Agenzia delle entrate.

 

Legal Service Specialist in VisureItalia®

Legal Service Specialist – Ho acquisito una formazione tecnica in architettura di interni e nell’architettura del paesaggio. Da venti anni svolgo la professione di visurista per ispezioni ipotecarie e catastali presso la Conservatoria dei Registri Immobiliari ed il Catasto per conto di studi notarili, enti di riscossione e istituti di credito. In VisureItalia® ricopro il ruolo di Legal Services Specialist e coordino le attività del team di visuristi operativi in tutti gli Uffici di Pubblicità Immobiliare in Italia. Su SmartFocus condivido le mie conoscenze per facilitare l’accesso alle banche dati pubbliche e ai Pubblici Registri in particolare.

© Riproduzione riservata

Se hai trovato utile questo articolo o hai bisogno di un chiarimento, lascia un commento nel form a fine pagina o scrivici a smartfocus@visureitalia.com. Inoltre, iscriviti alla newsletter per ricevere gratuitamente aggiornamenti su attualità economica, novità fiscali e tributarie, consigli pratici su normative, leggi e tributi!
Servizi VisureItalia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *