Scadenzario fiscale 2019: a giugno non solo IMU e TASI

Scadenzario fiscale 2019: a giugno non solo IMU e TASI

Nello scadenzario fiscale 2019 di giugno non mancano gli abituali adempimenti periodici, ma anche il versamento della prima rata di IMU e TASI. Vediamo quali date privati, imprese e liberi professionisti dovranno segnare sul calendario.

Quali date ricordare dello scadenzario fiscale di giugno 2019

È stato sorprendente visionare lo scadenzario fiscale messo a disposizione dall’Agenzia delle Entrate e vedere “pochi” adempimenti, o meglio vederli concentrati in soli tre giorni. Le giornate da segnare nel calendario sono, infatti, il 17, 20 e 25 giugno.

Anche questo mese ci teniamo a ricordarvi che le scadenze possono subire proroghe, anticipazioni o modifiche, quindi, vi consigliamo di consultare sempre anche il calendario ufficiale e integrale dell’Agenzia delle Entrate.

17 giugno

  • Termine per il pagamento della prima rata IMU 2019
  • Scadenza dell’acconto TASI, pari al 50% di quanto dovuto

Leggi anche >> Calcolo IMU e TASI 2019: aggiornati coefficienti gruppo catastale D

  • Liquidazione e versamento dell’Iva relativa al mese precedente tramite l’utilizzo del modello F24 con Codici Tributo 6005 – Versamento Iva mensile maggio, da parte dei contribuenti iva mensili. Tra quest’ultimi rientrano:
    • Imprenditori artigiani e commercianti, agenti e rappresentanti di commercio, ecc.
    • Lavoratori autonomi, professionisti titolari di partita Iva iscritti o non iscritti in albi professionali
    • Società di persone, società semplici, Snc, Sas, Studi Associati
    • Società di capitali ed enti commerciali, Spa, Srl, Soc. Cooperative, Sapa, Enti pubblici e privati diversi dalle società
    • Istituti di credito, Sim, altri intermediari finanziari, società fiduciarie.
  • Versamento delle ritenute alla fonte operate nel corso del mese precedente da parte dei sostituti d’imposta.
    Il versamento dovrà avvenire mediante il modello F24 con modalità telematiche, direttamente oppure con intermediario abilitato. Le ritenute possono essere su:
    • indennità di cessazione del rapporto di agenzia o di collaborazione a progetto
    • interessi e redditi di capitale vari 
    • redditi derivanti da perdita di avviamento commerciale
    • contributi, indennità e premi vari corrisposti nel mese precedente
    • redditi derivanti da riscatti di polizze vita
    • premi e vincite
    • cessione titoli e valute 
    • redditi di capitale diversi
    • rendite AVS
  • Scadenza per il versamento dei contributi INPS dovuti sulle retribuzioni dei dipendenti e dei dirigenti di competenza del mese precedente.
  • Ravvedimento breve: ultimo giorno utile per i versamenti di imposte e ritenute non effettuati o effettuati in misura insufficiente entro il 16 maggio 2019, con maggiorazione degli interessi legali e della sanzione ridotta a un decimo del minimo.

20 giugno

  • Comunicazione all’Agenzia delle Entrate dei dati di dettaglio relativi al canone TV addebitato, accreditato, riscosso e riversato nel mese precedente;
  • Trasmissione da parte delle Reporting Italian Financial Institution (RIFI) all’Agenzia delle Entrate dei dati 2018 sul titolare statunitense del conto e sul conto stesso, compresi gli importi dei pagamenti corrisposti a istituzioni finanziarie non partecipanti (NPFI). Si tratta di una comunicazione annuale in attuazione dell’Accordo tra il Governo italiano e quello degli USA finalizzato a migliorare la compliance fiscale internazionale e ad applicare la normativa FATCA.
  • Scambio di informazioni finanziarie ai fini fiscali tra le Istituzioni finanziarie degli Stati UE (CRS-DAC2).

25 giugno

  • INTRASTAT mensili: gli operatori intracomunitari con obbligo mensile devono presentare degli elenchi riepilogativi delle cessioni di beni e delle prestazioni di servizi rese nel mese precedente nei confronti di soggetti UE.

FONTE: Agenzia delle Entrate

 

Social Media & Community Manager

Ho conseguito la laurea in Economia e Gestione Aziendale e da cinque anni mi occupo di digital marketing. Sono responsabile del blog SmartFocus e gestisco i canali social di VisureItalia® curando i rapporti con la community dei lettori. Ogni giorno mi informo su nuove normative in campo fiscale, tributario o economico e mi piace condividere le mie conoscenze con i nostri lettori.

© Riproduzione riservata

Se hai trovato utile questo articolo o hai bisogno di un chiarimento, lascia un commento nel form a fine pagina o scrivici a smartfocus@visureitalia.com. Inoltre, iscriviti alla newsletter per ricevere gratuitamente aggiornamenti su attualità economica, novità fiscali e tributarie, consigli pratici su normative, leggi e tributi!
Servizi VisureItalia

0 commenti per "Scadenzario fiscale 2019: a giugno non solo IMU e TASI"

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *