Come rottamare un veicolo con fermo amministrativo

Come rottamare un veicolo con fermo amministrativo

Se avete intenzione di rottamare la vostra auto, ma questa è gravata da un fermo amministrativo…ALT! Dovete prima di tutto conoscere quanto disposto della Circolare A.C.I. 16/9/2009 prot. DSD/0011454/09 con oggetto: “Divieto di radiazione per i veicoli gravati dal fermo amministrativo. Prime precisazioni”.

Rottamare auto con fermo amministrativo

Rottamare auto con fermo amministrativo

Il fermo amministrativo auto è un provvedimento con cui le amministrazioni e gli enti pubblici recuperano tributi e debiti non pagati. Rappresenta quindi un modo per rivalersi su un contribuente moroso attraverso il blocco di un suo bene mobile registrato, il quale non sarà più autorizzato alla circolazione.

La regola generale è che se su un veicolo è iscritto un fermo amministrativo questo non può essere demolito se prima non si cancella al PRA il provvedimento. Affinché ciò avvenga sarà quindi necessario pagare le somme dovute al concessionario dei tributi, poi richiedere la “cessazione della circolazione per demolizione” e quindi procedere alla cancellazione del fermo amministrativo.

Tutto questo è stabilito dalla Circolare A.C.I. 16/9/2009 prot. DSD/0011454/09, la quale però individua anche un’unica eccezione.

Divieto di radiazione per i veicoli gravati dal fermo amministrativo

La Circolare A.C.I. ha stabilito infatti che a decorrere dal 16 settembre 2009 non è più possibile dare seguito alle richieste di cancellazione di un veicolo dal PRA nel caso su questo risulti ancora iscritto un fermo amministrativo.

Nella comunicazione vengono inoltre fornite alcune precisazioni di dettaglio. Viene puntualizzato infatti che al certificato di rottamazione emesso al momento della presa in carico del veicolo da parte del demolitore autorizzato e del concessionario automobilistico, possono essere ricondotti gli stessi effetti dell’atto di vendita “anteriore” già previsti dal D.M. 50311 998 (art. 5 comma 1).

Questo significa che la richiesta di radiazione di un veicolo con fermo iscritto in data successiva a quella del certificato di rottamazione verrà respinta in prima istanza. La formalità potrà essere definita positivamente solo dopo la cancellazione del gravame da parte dell’Agente della riscossione. A tal riguardo sarà necessario verificare la presenza o meno del fermo attraverso una visura PRA per targa. È consigliabile effettuare tale verifica prima di contattare un demolitore autorizzato, perché in forza a quanto appena esposto non potrà mai accettare di rottamare un’auto gravata da fermo amministrativo.

Quando è possibile rottamare auto con fermo amministrativo

Arriviamo adesso all’argomento protagonista di questo articolo: esistono delle eccezioni in cui è possibile rottamare auto con fermo amministrativo?  Vi riportiamo testualmente quanto specificato dalla Circolare:

Si precisa, inoltre, che per i veicoli soggetti a fermo amministrativo, che abbiano subito danni ingenti o siano addirittura andati distrutti (ad esempio, incendi, incidenti stradali, calamità naturali, ecc.), è possibile effettuare la radiazione, a condizione che alla richiesta di radiazione sia allegata una dichiarazione di un’Autorità competente, attestante la non utilizzabilità del veicolo. Parimenti possono essere accolte le richieste di radiazione di veicoli oggetto di gravame provenienti da una P.A. (Prefettura, Agenzia del Demanio, ecc,).

In linea di massima non è quindi possibile demolire un veicolo sottoposto a fermo amministrativo. Vi è tuttavia un’unica eccezione data dalla circostanza che il veicolo non sia in condizioni di poter circolare su strada. In presenza di tale situazione sarà poi necessaria una dichiarazione asseverata di un’Autorità competente (Polizia, Vigili del Fuoco, Protezione civile, Prefettura, Demanio, guardie regionali, Soccorsi stradali) che attesti l’inutilizzabilità del veicolo. Questa dovrà essere poi allegata a una richiesta formale da inoltrare all’ente titolare del fermo, specificando la motivazione della richiesta ad essere autorizzati a procedere alla demolizione.

Scarica la Circolare A.C.I. 16/9/2009 prot. DSD/0011454/09

Per una completa lettura di quanto disposto dall’A.C.I con la Circolare 16/9/2009 prot. DSD/0011454/09 potete scaricare subito il documento.

Fonte. ACI
 

Founder & CEO in VisureItalia®

Ho conseguito la laurea in Scienze Politiche e un Master in Gestione ed Amministrazione del patrimonio immobiliare degli enti ecclesiastici e religiosi. Dopo una lunga esperienza in ambito della gestione e messa a reddito di patrimoni immobiliari, nel 1999 ho intrapreso l’attività nel settore delle informazioni immobiliari, collaborando con i principali istituti di credito e gli enti di riscossione. Su SmartFocus aiuto i nostri lettori a capire quali problemi possono essere collegati con le attività di acquisto, vendita o locazione di un immobile.

© Riproduzione riservata

Se hai trovato utile questo articolo o hai bisogno di un chiarimento, lascia un commento nel form a fine pagina o scrivici a smartfocus@visureitalia.com. Inoltre, iscriviti alla newsletter per ricevere gratuitamente aggiornamenti su attualità economica, novità fiscali e tributarie, consigli pratici su normative, leggi e tributi!
Servizi VisureItalia

2 commenti per "Come rottamare un veicolo con fermo amministrativo"

  • Roberto ha detto:

    Salve ho letto le info relative al fermo amministrativo e vi chiedo se è possibile vendere la vettura come pezzi di ricambio poiché non funziona il motore

    • Redazione ha detto:

      Gentile Roberto,
      in caso di fermo amministrativo, la vendita della vettura, anche come pezzi di ricambio, non è ammessa.
      Cordiali saluti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *