Modello RLI: cosa è e quando si deve compilare?

Modello RLI: cosa è e quando si deve compilare?

Ti stai occupando della registrazione di un contratto di affitto? Oppure devi comunicare la risoluzione di un contratto di locazione all’Agenzia delle Entrate? Ti sarai certamente imbattuto nel modello RLI e se stai cercando maggiori informazioni su questo documento, sei capitato nell’articolo giusto. Vediamo subito che cosa è il modello rli, chi deve compilarlo e quando, e dove scaricare il modello.

  1. Che cosa è il modello RLI?
  2. Quando si deve compilare il modello?
  3. Modello RLI per la registrazione di un nuovo contratto
  4. Dove scaricare il modello RLI?
  5. Modello RLI per adempimenti successivi alla registrazione dei contratti di locazione
  6. Come comunicare all’Agenzia Entrate la risoluzione del contratto di locazione?
  7. Istruzioni per la compilazione del modello RLI

Che cosa è il modello RLI?

Il modello RLI, dove rli sta per Registrazione Locazioni Immobili, è un documento che deve essere compilato per la registrazione dei contratti di locazione e dei contratti di locazione e affitto di immobili, ma anche per adempimenti successivi.

Quando si deve compilare il modello?

Questo modello deve essere compilato, quindi, per adempimenti inerenti i contratti di locazione e affitto di immobili. Analizziamoli nello specifico.

Modello RLI per la registrazione di un nuovo contratto

Partiamo da una premessa importante: tutti i contratti di locazione e affitto di beni immobili sono soggetti a registrazione presso l’Agenzia delle Entrate.

Sono esclusi da questo obbligo, invece, i contratti di durata inferiore ai 30 giorni complessivi nell’anno.

La registrazione del contratto di locazione e affitto è un adempimento obbligatorio a carico dell’affittuario (conduttore) o del proprietario (locatore), indipendentemente dall’ammontare del canone pattuito. Questi devono provvedervi entro 30 giorni dalla data di stipula o dalla sua decorrenza, se anteriore, allegando la copia dell’attestazione della prestazione energetica dell’edificio (APE).

Per la registrazione telematica e in ufficio di un nuovo contratto viene utilizzato il modello RLI. In particolare, per la registrazione telematica si utilizzano i servizi telematici dell’Agenzia delle Entrate, cioè software RLI o RLI-web. Invece, per la registrazione presso l’ufficio dell’Agenzia delle Entrate è necessario presentare il modello RLI cartaceo compilato.

Inoltre, il modello RLI può essere utilizzato anche per l’opzione e la revoca della cedolare secca, sempre attraverso i servizi telematici dell’Agenzia oppure richiedendo la registrazione in ufficio.

Dove scaricare il modello RLI?

Puoi scaricare gratuitamente il modello RLI in formato PDF compilando il form qui sotto.

Modello RLI per adempimenti successivi alla registrazione dei contratti di locazione

Oltre alla registrazione, vi sono anche altri adempimenti collegati ai contratti di locazione, sublocazione e affitto. Si tratta di adempimenti successivi alla registrazione e tra questi rientrano:

  • i versamenti per l’annualità successiva;
  • la proroga, ossia il prolungamento della durata del contratto;
  • la cessione, che consiste nella sostituzione nel contratto del locatore o del conduttore con un nuovo soggetto;
  • la rinegoziazione, nel caso in cui le parti si accordino per modificare il canone di locazione o di affitto;
  • la risoluzione, quando il contratto di locazione viene interrotto prima della sua naturale scadenza.

Vediamo nello specifico il modello rli per risoluzione del contratto.

Come comunicare all’Agenzia Entrate la risoluzione del contratto di locazione?

Se il locatore e il conduttore decidono di interrompere anticipatamente il contratto di locazione, si è in presenza di una risoluzione del contratto che dovrà essere comunicata all’Agenzia delle Entrate.

La comunicazione della risoluzione del contratto deve avvenire entro 30 giorni dall’evento, tramite:

  • i servizi telematici dell’Agenzia, cioè il software RLI o il RLI-web;
  • presentazione del modello RLI cartaceo compilato presso l’ufficio dell’Agenzia Entrate in cui è stato registrato il contratto.

Istruzioni per la compilazione del modello RLI

Di seguito ti forniremo le istruzioni principali per compilare il modello RLI. Puoi scaricare le istruzioni complete con la legenda di tutti i campi cliccando qui.

In primo luogo occorre inserire il codice fiscale del soggetto richiedente che compila il modulo e che presenta all’Agenzia delle Entrate il modello RLI. Se il richiedente è un soggetto diverso da una persona fisica, inserisci il codice fiscale della persona giuridica.

Quadro A – Dati Generali

A prescindere dall’adempimento per il quale si compila il modulo, è necessario indicare il codice corrispondente alla tipologia di contratto per cui si sta effettuando la comunicazione. Ad esempio: L1 per immobile affittato ad uso abitativo, L2 per locazione agevolata ad uso abitativo, S1 per locazione di immobile ad uso diverso da quello abitativo, T1 per affitto di fondo rustico, ecc…

Dovrai compilare poi le seguenti voci:

  • durata, corrispondente alla data di inizio e di fine locazione (da completare anche in caso di contratto a tempo indeterminato). Se stai compilando il modello rli per la proroga del contratto, dovrai indicare il periodo di durata precedente. Invece, in caso di rinegoziazione del canone, dovrai indicare la durata prevista in prima registrazione o nell’ultima proroga effettuata.
  • importo del canone annuo o per l’intera durata del contratto.

Le caselle “pagamento intera durata”, “eventi eccezionali”, “casi particolari”, “esenzioni”, “contratti a tempo interminato”, “clausola penale volontaria”, “tipo di garanzia e/o PAC” e “garanzia soggetto a IVA” devono essere barrate qualora ricorrano determinate condizioni, le quali sono riportate nelle istruzioni complete dell’Agenzia Entrate.

Sezione I – Registrazione

Questa sezione deve essere compilata per la richiesta di registrazione del contratto o per la comunicazione della rinegoziazione del canone. Nello specifico, si dovranno inserire:

  • ufficio territoriale di presentazione della richiesta di registrazione del contratto di locazione o di affitto di fondi rustici;
  • numero di pagine che compongono in contratto;
  • numero di copie del contratto sottoscritte dalle parti;
  • data stipula del contratto.

Le caselle “scritture private e inventari”, “Ricevute e quietanze”, “Mappe, planimetrie e disegni” devono essere compilate indicando il numero di fogli o esemplari che compongo il documento allegato al contratto e per il quale è dovuta l’imposta di bollo. Inoltre, le caselle “contratto soggetto a Iva” e “condizione sospensiva” devono essere barrate in caso di contratto soggetto all’imposta sul valore aggiunto e in presenza di atto sospeso.

Sezione II – Adempimenti successivi

La Sezione II deve essere compilata, invece, nei seguenti casi:

  • adempimenti successivi che riguardano il contratto già registrato;
  • esercitare o revocare l’opzione per il regime della cedolare secca;
  • comunicare i dati catastali dell’immobile se non sono stati già oggetto di precedente comunicazione.

Ipotizziamo che stai compilando il modello RLI per la risoluzione del contratto.

Nella casella “adempimenti successivi” devi inserire il codice 4 che corrisponde alla risoluzione del contratto, oppure il codice 7 per la risoluzione con pagamento contestuale del corrispettivo. Deve essere compilata anche la data relativa all’adempimento e gli estremi del contratto. Inoltre, in presenza di un corrispettivo, deve essere compilato l’apposito campo.

Nella casella “tipologia di regime” devi inserire il codice del regime applicato al contratto di cui si intende richiedere la risoluzione:

  • 1, se tutti i locatori avevano optato per la cedolare secca;
  • 2, nel caso in cui almeno un locatore non aveva optato per la cedolare secca;
  • 3, se nessun locatore opta per la cedolare.

Sezione III – Richiedente

In questa sezione occorre specificare i dati soggetto che richiede la registrazione del nuovo contratto o comunica l’adempimento successivo, e il numero di moduli compilati.

Soffermandoci sempre sul caso della risoluzione del contratto. Dovrai compilare la casella “tipo soggetto” con il codice 3 se non hai comunicato in precedenza l’avvenuto subentro rispetto a una delle parti del contratto. Deve essere apposta, inoltre, la firma del richiedente.

La parte inerente al rappresentate legale deve essere compilata se colui che richiede la registrazione agisce in nome e per conto di un altro soggetto (società, ente, minore, interdetto, inabilitato, ecc.).

È possibile delegare un soggetto terzo alla presentazione del modello rli e in questo caso si deve compilare parte “delega” con il codice fiscale del soggetto delegato e la firma del delegante.

Quadro B – Soggetti

In questo quadro devono essere riportati i dati relativi al locatore (numero di locatori, codice fiscale, comune di nascita) e al conduttore (numero di conduttori, codice fiscale, comune di nascita, tipologia conduttore.

Invece, nel campo tipologia conduttore devono essere indicati alternativamente i seguenti codici:

  • 1, se conduttore è una cooperativa o ente senza scopo di lucro che subloca a studenti universitari con rinuncia all’aggiornamento del canone;
  • 2, se il conduttore ha un codice fiscale provvisorio o un ente senza scopo di lucro;
  • 3 in assenza di situazioni particolari.

Quadro C, D e E

Le informazioni contenute nel quadro C riguardano i dati degli immobili. È possibile trovare queste informazioni nelle documentazioni castali, come la visura catastale.

Tra i dati da inserire ci sono, ad esempio, il codice del Comune, il Catasto in cui è censito l’immobile, la sezione, il foglio, particella, subalterno, categoria catastali, il comune e la provincia dove è ubicato l’immobile, la rendita catastale o il reddito dominicale se trattasi di terreni.

Il quadro D deve essere compilato solo nel caso in cui il locatore, in sede di registrazione, dimostrò la propria volontà a voler aderire al regime della cedolare secca. Compilando questo quadro si comunica infatti l’eventuale revoca dell’adesione.

Il quadro E va compilato invece se, sempre in sede di registrazione, era stato previsto il pagamento di un canone differente per una o più annualità.

Fonte: Agenzia delle Entrate

 

Content & Community Manager

Ho conseguito la laurea in Economia e Gestione Aziendale e da sei anni mi occupo di digital marketing. Sono responsabile del blog SmartFocus e gestisco i canali social di VisureItalia® curando i rapporti con la community dei lettori. Ogni giorno mi informo su nuove normative in campo fiscale, tributario o economico e mi piace condividere le mie conoscenze con i nostri lettori.

© Riproduzione riservata

Se hai trovato utile questo articolo o hai bisogno di un chiarimento, lascia un commento nel form a fine pagina o scrivici a smartfocus@visureitalia.com. Inoltre, iscriviti alla newsletter per ricevere gratuitamente aggiornamenti su attualità economica, novità fiscali e tributarie, consigli pratici su normative, leggi e tributi!
Servizi VisureItalia

26 commenti per "Modello RLI: cosa è e quando si deve compilare?"

  • Stefano ha detto:

    Mia madre in data 27/8/2014 concesse a mio figlio Luca l’uso di un appartamento di sua proprietà in comodato d’uso gratuito senza scadenza, registrato presso l’Agenzia delle Entrate in data 2/9/2014(esatte euro 200,00). In data 3/5/2022 io e mia moglie abbiamo acquistato l’appartamento che ora non interessa più a nostro figlio in quanto risiede e lavora negli Stati Uniti. Dobbiamo comunicare all’Agenzia delle Entrate che il contratto di comodato gratuito non esiste più? Con quale modulo?

    • Redazione ha detto:

      Gentile Stefano, il documento di riferimento per i contratti di comodato non è il modello RLI, bensì il modello 69. Il medesimo modello viene utilizzato anche per la comunicazione degli adempimenti successivi. Le suggeriamo di rivolgersi presso l’Agenzia Entrate per ricevere informazioni dettagliate sulla procedura. Cordiali saluti.

  • Simona Imarisio ha detto:

    Buonasera, io sto cercando di compilare il modulo per la risoluzione anticipata di un contratto di locazione L2 in cedolare ma non capisco perché al quadro D mi dice di non indicare nessuna riga di cedolare. Ma non devo indicare i locatori che optano per la cedolare e il loro relativo possesso dell’immobile?

    • Redazione ha detto:

      Buongiorno Simona, la informiamo che il quadro D va compilato in caso di registrazione di contratti di locazione a uso abitativo e per gli immobili di categoria catastale “C1” nonché in sede di adempimento successivo qualora sia stata compilata la casella “Tipologia di regime”. Le suggeriamo di consultare la Guida dell’Agenzia delle Entrate alla compilazione del modello RLI. Cordiali saluti.

  • TOMMASO ha detto:

    BUONGIORNO HO UN CONTRATTO DI LOCAZIONE A CANONE CONCORDATO GLI INQUILINI MI HANNO DATO RACCOMANDATA CHE LASCIANO APPARTAMENTO IL 31.03.2022 NON TROVO IL FILE DEL MODULO RLI E NON SO NEMMENO COSA DEVO FARE SE GENTILMENTE QUALCUNO MI PUOI AIUTARE, E IN PIU’ PER UN APPUNTAMENTO PRESSO AGENZIA DELLE ENTRATE DOVE HO DEPOSITATO IL CONTRATTO SE METTO OPZIONE REGISTRAZIONE CANONI DI LOCAZIONE NON MI DA L’UFFICIO SE INVECE METTO ATTI PRIVATI MI DA L’UFFICIO, SE GENTILMENTE MI POTETE AIUTARE GRAZIE.

    • Redazione ha detto:

      Buongiorno Tommaso, se si riferisce all’APP dell’Agenzia delle Entrate, per richiedere una copia del contratto di locazione non deve selezionare l’opzione “Registrazione canoni di locazione”, bensì “Atti privati”. In questo modo potrà prenotare un appuntamento direttamente in ufficio e ottenere il documento di cui ha bisogno. Cordiali saluti.

  • Sergio Maggi ha detto:

    Buongiorno, il giorno 31/01/2021 sono scaduti i primi 4 anni di un contratto 4+4 di locazione con cedolare secca. Nello stesso giorno (31/01/2021) 3 dei quattro conduttori hanno rescisso il contratto (precedente avviso di 6 mesi con raccomandata) e il giorno successivo (01/02/2022) è entrato un nuovo conduttore come diverso inquilino. Nel modulo RLI, Sezione B dati del conduttore debbo indicare prima i 3 conduttori uscenti barrando la casella ‘cedente’ e poi il conduttore residuo (il 4, casella ‘cessionario’ )? E il diverso inquilino in un nuovo modulo RLI? Oppure, dopo i 3 uscenti debbo inserire il conduttore nuovo (diverso inquilino) e il 4 non viene riportato nel modulo RLI?. Grazie per la risposta.

    • Redazione ha detto:

      Gentile Sergio, trattandosi di una casistica particolare le suggeriamo di chiedere maggiori informazioni presso l’Agenzia delle Entrate. Cordiali saluti.

  • Marcella ha detto:

    Buongiorno, devo compilare telematicamente RLI per risoluzione anticipata di contratto di locazione, nelle istruzioni leggo:
    “in caso di risoluzione (codice 4 nella casella “Adempimenti successivi”), indicare la data relativa all’adempimento selezionato e gli estremi del contratto. In presenza di un corrispettivo, deve essere compilato l’apposito campo (nel caso in cui è prevista la risoluzione con pagamento contestuale del corrispettivo va indicato il codice 7).”
    Nel compilare questa sezione oltre alla data di cessazione del contratto devo inserire il “Corrispettivo” ma non capisco se si riferisce all’importo annuale del canone di locazione o all’importo parziale annuo percepito per l’ultima frazione di annualità di contratto? Cerco di spiegare meglio: durata contratto 1/9/2020 – 31-8-2025, cessazione in data 31-1-2022, canone annuo € 6000. Nella sezione II – Risoluzione compilo data risoluzione 31/01/2022 e Corrispettivo cosa devo mettere?

  • COSIMO ha detto:

    Buonasera,ho una casa in affitto con cedolare secca,il 28 febbraio 2022 scade il contratto di affitto.L’inquilina mi ha fatto sapere in via confidenziale che lei avrebbe intenzione di comprare casa piu’grande perche’ vorrebbe sposarsi.Come mi devo comportare visto che a febbraio il contratto scade ,sono gia’ otto anni’.Cosa mi consigliate.GRAZIE

    • Redazione ha detto:

      Gentile Cosimo, le suggeriamo di chiarire con l’inquilina se ha intenzione di lasciare l’appartamento allo scadere del contratto, oppure quanto tempo ha intenzione di starvi in modo tale da potervi organizzare con il nuovo contratto. Cordiali saluti.

  • Daniela ha detto:

    Articolo molto utile. Chiedo un piccolo aiuto: l attuale inquilina ha mandato raccomandata con recesso anticipato al 30/09 ed io ho trovato nuova inquilina . Due domande:il modello rli di disdetta lo posso fare adesso o devo aspettare il 30/09. E poi: il nuovo contratto con la nuova inquilina lo posso fare ora con data di decorrenza 1/10 e poi fare modello rli per nuovo contratto anche se nel frattempo non ho fatto rli disdetta ? Grazie per l’ aiuto .

    • Redazione ha detto:

      Buongiorno Daniela, nel modello RLI dovrà inserire la data in cui la risoluzione si è verificata, quindi potrà effettuare questi adempimenti anche anticipatamente. Le suggeriamo di chiedere conferma all’Agenzia delle entrate e in tale occasione chiedere delucidazioni anche in merito alla registrazione del nuovo contratto. Cordiali saluti.

  • Giovanna ha detto:

    in caso di RISOLUZIONE di un contratto ovviamente già registrato, i quadri A-B-C-D-E risultatano a video già compilati in sede di registrazione, quindi non vanno ricompilati: è corretto?
    Cliccando poi a sinistra su RISOLUZIONE si deve compilare solo tipologia di contratto e , in sez II la data di risoluzione.
    Mi chiedo: come si compila OPZIONE/REVOCA della cedolare che era già in atto durante il contratto. In caso di RISOLUZIONE mi parrebbe evidente che debba essere automaticamente sospesa. Cosa cliccare quindi: nella tipologia di regime: 1-2-o3?
    Grazie

    • Redazione ha detto:

      Buongiorno Giovanna, in base da quanto da lei esposto ci sembra di comprendere che stia comunicando la risoluzione del contratto tramite i servizi telematici dell’Agenzia Entrate e non attraverso la presentazione del modello RLI cartaceo. Riguardo ai quadri A-B-C-D-E se questi risultano già compilati e le informazioni contenute sono corrette, non c’è motivo di modificarli. In merito invece alla tipologia di regime, nelle istruzioni per la compilazione del modello, è specificato che tale casella deve essere compilata anche in caso di risoluzione del contratto per indicare il regime di tassazione ad esso applicato.
      I codici da inserire sono:
      • codice 1 se tutti i locatori hanno scelto la cedolare secca oppure in caso di risoluzione se tutti i locatori avevano optato per la cedolare secca;
      • codice 2 nel caso in cui almeno un locatore non opta per la cedolare secca o nel caso di risoluzione se almeno un locatore non aveva optato per la cedolare secca;
      • codice 3 quando nessun locatore ha scelto la cedolare o sempre nel caso di risoluzione se nessun locatore aveva optato per la cedolare.
      Cordiali saluti.

  • ANGELA PASSIU ha detto:

    SIETE BRAVI ,IO HO UN PROBLEMA MI AIUTATE PER CORTESIA ,HO DATO IN AFFITTO UN APPARTAMENTO 1 PIANO CON AFFITTO DA FEBBRAIO 2020 CEDOLARE SECCA PER 4 ANNI HA TROVATO CASA E SE NE ANDATO LASCIANDOMI TUTTO DA PAGARE ,IERI MI SONO RICORDATA CHE BISOGNA FARE LA RISOLUZIONE ANCHE SE IN RITARDO ,MI AIUTATE?

    • Redazione ha detto:

      Gentile Angela, ci dispiace ma non ci occupiamo di questo tipo di pratiche. In questi casi è necessario rivolgersi direttamente all’Agenzia delle entrate. Cordiali saluti.

  • Gianni ha detto:

    Salve, se vendo l’appartamento all’inquilino devo comunque inviare il modello RLI per risoluzione del contratto di locazione? Grazie

    • Redazione ha detto:

      Buonasera Gianni, le confermiamo che, contestualmente alla vendita dell’appartamento, è necessario che invii il modulo RLI per la risoluzione del contratto di locazione. Cordiali saluti.

  • Bruno ha detto:

    Poichè non sono riuscito a capire da dove scaricare l’utile dispensa e quindi non ho potuto concludere la compilazione del modello mi permetto di tornare sull’argomento con la seguente domanda.
    Modello RLI risoluzione contratto.
    Nel quadro A – Dati generali oltre ad indicare la tipologia di contratto (nel mio caso “L1”) devo compilare i campi “Durata” e “Importo del canone” ? In caso affemativo devo indicare la durata iniziale o dell’ultima proroga (e i relativi canoni) nel caso di contratto prorogato più volte? Oppure sono campi da compilare solo in caso di altri adempimenti? Scusate la mia incompetenza e molte grazie.

    • Redazione ha detto:

      Gentile Bruno, ci dispiace che non riuscito a scaricare il modulo. Abbiamo verificato e stiamo provvedendo alla risoluzione di questo in conveniente. Per quanto riguarda il Suo quesito, in corrispondenza della voce “Durata”, deve essere indicata la data di inizio e quella di fine locazione. In caso di proroga è necessaria l’indicazione il periodo di durata precedente. Durata “dal” “al” va comunque compilato anche in caso di contratto a tempo indeterminato, mentre in caso di rinegoziazione del canone dovrà essere indicata la durata prevista in prima registrazione o nell’ultima proroga effettuata. Alla voce “Importo del canone”, invece, deve essere riportato l’importo del canone di locazione annuo o, in caso di contratti di durata inferiore a un anno, l’importo relativo all’intera durata. In caso di comproprietà, indicare il canone per intero, indipendentemente dalla quota di possesso. Trova maggiori informazioni riguardo alla compilazione del Modello RLI sul sito dell’Agenzia delle Entrate.

  • Giuseppe ha detto:

    Se L’articolo è stato scritto per un professionista, non serve.
    Se è stato scritto per un neofita …neanche in quanto impreciso, vago e non esauriente. l’articolo inizia con :”Di seguito ti forniremo le istruzioni per compilare il modello RLI per la risoluzione del contratto. I dati da inserire saranno i seguenti:” L’articolista ha provato a leggere l’articolo, e seguire le indicazioni con davanti una copia del modello RLI?
    Io ho provato e già alla prima riga della sezione A mi sono perso in quanto il codice fiscale del richiedente è alla sezione III, oppure si riferisce al codice fiscale da inserire in testa al foglio che nulla ha a che vedere con la sezione A?
    Poi prosegue con la sezione II e quindi con la III.
    Sono del parere che le informazioni ò si danno in modo puntuale senza pensare che talune cose siano sottintese o è meglio non darle.
    saluti Giuseppe

    • Redazione ha detto:

      Buongiorno Giuseppe, la redazione di SmartFocus è composta da esperti in materia fiscale, tributaria, legale ed immobiliare. Gli articolo vengono scritti in moda da rendere comprensibile a tutti i dati, documenti e modelli della Pubblica Amministrazione. L’autore dell’articolo non solo conosce molto bene la normativa ma, soprattutto, la utilizza quotidianamente offrendo servizio di consulenza ai nostri clienti e lettori. Le informazioni riportate, come potrà verificare con una lettura più attenta, riportano esattamente i dati che devono essere inseriti nella modulistica allegata. Qualora abbia necessità di assistenza nella compilazione del modulo per la registrazione di un contratto di locazione non esiti a contattarci. Cordialità.

      • Lorenzo ha detto:

        Concordo con il Sig Giuseppe, anch’io mi sn perso nella prima riga della sezione A , l’articolo è da rivedere, al momento serve a poco…

        • Redazione ha detto:

          Buongiorno Lorenzo, abbiamo provveduto a rivedere le istruzioni contenute nell’articolo in modo da renderle più semplici e comprensibili. L’articolo è finalizzato a illustrare l’utilizzo del modello RLI nel caso di risoluzione del contratto. Abbiamo inserito una utile dispensa, scaricabile sempre gratuitamente, con le istruzioni complete per la compilazione del modello RLI.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.