Modello RLI per risoluzione contratto

Modello RLI per risoluzione contratto

Un contratto di locazione può essere consensualmente interrotto dalle parti prima della sua scadenza. Si tratta della cosiddetta risoluzione. In questo caso occorre comunicare lo scioglimento del contratto all’Ufficio dell’Agenzia delle Entrate dove il contratto era stato registrato presentando il modello RLI. Vediamo nello specifico come procedere.

Modello RLI per la risoluzione del contratto

Modello RLI per la risoluzione del contratto

Quando va presentato il modello RLI

Il modello RLI può essere usato in diverse situazioni per:

  • richiedere la registrazione dei contratti di locazione e affitto di immobili;
  • comunicare gli adempimenti successivi collegati a questo tipo di contratti come le proroghe, le cessioni, i subentri e le risoluzioni.

Scarica il modello

Il modello è scaricabile gratuitamente. Compila il form per riceverlo subito.

Come compilare modello RLI per risoluzione contratto

Di seguito ti forniremo le istruzioni principali per compilare il modello RLI per la risoluzione del contratto. Puoi scaricare le istruzioni complete con la legenda di tutti i campi cliccando qui.

In primo luogo occorre inserire il codice fiscale del soggetto richiedente che compila il modulo e che presenta in Agenzia delle Entrate il modello RLI. Se il richiedente è un soggetto diverso da una persona fisica, inserire il codice fiscale della persona giuridica.

Quadro A – Dati Generali

  • tipologia di contratto per il quale si sta comunicando la risoluzione. Ad esempio: L1 per immobile affittato ad uso abitativo, L2 per locazione agevolata ad uso abitativo, S1 per locazione di immobile ad uso diverso da quello abitativo, T1 per affitto di fondo rustico, ecc…;

Sezione I – Registrazione

  • ufficio territoriale di competenza rispetto al Comune in cui è ubicato l’immobile
  • durata del contratto, dal … al
  • importo del canone annuo o, nel caso di contratti di durata inferiore ad un anno, l’importo totale del canone

Sezione II – Adempimenti successivi

  • la Sezione II dovrà contenere gli estremi della registrazione oppure il codice identificativo del contratto: il codice 4 (corrispondente alla risoluzione), la data di comunicazione e gli estremi del contratto; oppure, se insieme alla risoluzione le parti si accordano per il pagamento contestuale di un corrispettivo, dovrà invece essere utilizzato il codice 7 insieme all’indicazione dell’importo, della data di adempimento e degli estremi del contratto; inoltre, si dovrà indicare la data in cui la risoluzione si è verificata;

Sezione III – Richiedente

  • nella Sezione III occorrerà specificare i dati di chi sta comunicando la risoluzione e il numero di moduli compilati. Si dovrà compilare il campo relativo al tipo soggetto e andrà poi apposta la firma del richiedente.

Quadro B – Soggetti

Dovrà contenere i dati relativi al locatore (numero di locatori, codice fiscale, comune di nascita) e al conduttore (numero di conduttori, codice fiscale, comune di nascita, tipologia conduttore. Nel campo tipologia conduttore dovranno essere indicati alternativamente i seguenti codici:

  • 1, se conduttore è una cooperativa o ente senza scopo di lucro che subloca a studenti universitari con rinuncia all’aggiornamento del canone;
  • 2, se il conduttore ha un codice fiscale provvisorio o un ente senza scopo di lucro;
  • 3 in assenza di situazioni particolari.

Quadro C, D e E

Le informazioni contenute nel Quadro C riguardano i dati degli immobili: gli estremi identificativi dell’immobile oggetto del contratto di locazione, il codice del comune, indicazione di immobile censito nel catasto terreni (indicando T) o nel catasto edilizio urbano (indicando U), sezione, foglio, particella, subalterno, categoria catastali, il comune e la provincia dove è ubicato l’immobile, la rendita catastale o il reddito dominicale se trattasi di terreni.

Il quadro D andrà compilato solo nel caso in cui il locatore, in sede di registrazione, dimostrò la propria volontà a voler aderire al regime della cedolare secca. Compilando questo quadro si comunica infatti l’eventuale revoca dell’adesione.

Il quadro E va compilato invece se, sempre in sede di registrazione, era stato previsto il pagamento di un canone differente per una o più annualità.

 

Founder & CEO in VisureItalia®

Ho conseguito la laurea in Scienze Politiche e un Master in Gestione ed Amministrazione del patrimonio immobiliare degli enti ecclesiastici e religiosi. Dopo una lunga esperienza in ambito della gestione e messa a reddito di patrimoni immobiliari, nel 1999 ho intrapreso l’attività nel settore delle informazioni immobiliari, collaborando con i principali istituti di credito e gli enti di riscossione. Su SmartFocus aiuto i nostri lettori a capire quali problemi possono essere collegati con le attività di acquisto, vendita o locazione di un immobile.

© Riproduzione riservata

Se hai trovato utile questo articolo o hai bisogno di un chiarimento, lascia un commento nel form a fine pagina o scrivici a smartfocus@visureitalia.com. Inoltre, iscriviti alla newsletter per ricevere gratuitamente aggiornamenti su attualità economica, novità fiscali e tributarie, consigli pratici su normative, leggi e tributi!
Servizi VisureItalia

16 commenti per "Modello RLI per risoluzione contratto"

  • COSIMO ha detto:

    Buonasera,ho una casa in affitto con cedolare secca,il 28 febbraio 2022 scade il contratto di affitto.L’inquilina mi ha fatto sapere in via confidenziale che lei avrebbe intenzione di comprare casa piu’grande perche’ vorrebbe sposarsi.Come mi devo comportare visto che a febbraio il contratto scade ,sono gia’ otto anni’.Cosa mi consigliate.GRAZIE

    • Redazione ha detto:

      Gentile Cosimo, le suggeriamo di chiarire con l’inquilina se ha intenzione di lasciare l’appartamento allo scadere del contratto, oppure quanto tempo ha intenzione di starvi in modo tale da potervi organizzare con il nuovo contratto. Cordiali saluti.

  • Daniela ha detto:

    Articolo molto utile. Chiedo un piccolo aiuto: l attuale inquilina ha mandato raccomandata con recesso anticipato al 30/09 ed io ho trovato nuova inquilina . Due domande:il modello rli di disdetta lo posso fare adesso o devo aspettare il 30/09. E poi: il nuovo contratto con la nuova inquilina lo posso fare ora con data di decorrenza 1/10 e poi fare modello rli per nuovo contratto anche se nel frattempo non ho fatto rli disdetta ? Grazie per l’ aiuto .

    • Redazione ha detto:

      Buongiorno Daniela, nel modello RLI dovrà inserire la data in cui la risoluzione si è verificata, quindi potrà effettuare questi adempimenti anche anticipatamente. Le suggeriamo di chiedere conferma all’Agenzia delle entrate e in tale occasione chiedere delucidazioni anche in merito alla registrazione del nuovo contratto. Cordiali saluti.

  • Giovanna ha detto:

    in caso di RISOLUZIONE di un contratto ovviamente già registrato, i quadri A-B-C-D-E risultatano a video già compilati in sede di registrazione, quindi non vanno ricompilati: è corretto?
    Cliccando poi a sinistra su RISOLUZIONE si deve compilare solo tipologia di contratto e , in sez II la data di risoluzione.
    Mi chiedo: come si compila OPZIONE/REVOCA della cedolare che era già in atto durante il contratto. In caso di RISOLUZIONE mi parrebbe evidente che debba essere automaticamente sospesa. Cosa cliccare quindi: nella tipologia di regime: 1-2-o3?
    Grazie

    • Redazione ha detto:

      Buongiorno Giovanna, in base da quanto da lei esposto ci sembra di comprendere che stia comunicando la risoluzione del contratto tramite i servizi telematici dell’Agenzia Entrate e non attraverso la presentazione del modello RLI cartaceo. Riguardo ai quadri A-B-C-D-E se questi risultano già compilati e le informazioni contenute sono corrette, non c’è motivo di modificarli. In merito invece alla tipologia di regime, nelle istruzioni per la compilazione del modello, è specificato che tale casella deve essere compilata anche in caso di risoluzione del contratto per indicare il regime di tassazione ad esso applicato.
      I codici da inserire sono:
      • codice 1 se tutti i locatori hanno scelto la cedolare secca oppure in caso di risoluzione se tutti i locatori avevano optato per la cedolare secca;
      • codice 2 nel caso in cui almeno un locatore non opta per la cedolare secca o nel caso di risoluzione se almeno un locatore non aveva optato per la cedolare secca;
      • codice 3 quando nessun locatore ha scelto la cedolare o sempre nel caso di risoluzione se nessun locatore aveva optato per la cedolare.
      Cordiali saluti.

  • ANGELA PASSIU ha detto:

    SIETE BRAVI ,IO HO UN PROBLEMA MI AIUTATE PER CORTESIA ,HO DATO IN AFFITTO UN APPARTAMENTO 1 PIANO CON AFFITTO DA FEBBRAIO 2020 CEDOLARE SECCA PER 4 ANNI HA TROVATO CASA E SE NE ANDATO LASCIANDOMI TUTTO DA PAGARE ,IERI MI SONO RICORDATA CHE BISOGNA FARE LA RISOLUZIONE ANCHE SE IN RITARDO ,MI AIUTATE?

    • Redazione ha detto:

      Gentile Angela, ci dispiace ma non ci occupiamo di questo tipo di pratiche. In questi casi è necessario rivolgersi direttamente all’Agenzia delle entrate. Cordiali saluti.

  • Gianni ha detto:

    Salve, se vendo l’appartamento all’inquilino devo comunque inviare il modello RLI per risoluzione del contratto di locazione? Grazie

    • Redazione ha detto:

      Buonasera Gianni, le confermiamo che, contestualmente alla vendita dell’appartamento, è necessario che invii il modulo RLI per la risoluzione del contratto di locazione. Cordiali saluti.

  • Bruno ha detto:

    Poichè non sono riuscito a capire da dove scaricare l’utile dispensa e quindi non ho potuto concludere la compilazione del modello mi permetto di tornare sull’argomento con la seguente domanda.
    Modello RLI risoluzione contratto.
    Nel quadro A – Dati generali oltre ad indicare la tipologia di contratto (nel mio caso “L1”) devo compilare i campi “Durata” e “Importo del canone” ? In caso affemativo devo indicare la durata iniziale o dell’ultima proroga (e i relativi canoni) nel caso di contratto prorogato più volte? Oppure sono campi da compilare solo in caso di altri adempimenti? Scusate la mia incompetenza e molte grazie.

    • Redazione ha detto:

      Gentile Bruno, ci dispiace che non riuscito a scaricare il modulo. Abbiamo verificato e stiamo provvedendo alla risoluzione di questo in conveniente. Per quanto riguarda il Suo quesito, in corrispondenza della voce “Durata”, deve essere indicata la data di inizio e quella di fine locazione. In caso di proroga è necessaria l’indicazione il periodo di durata precedente. Durata “dal” “al” va comunque compilato anche in caso di contratto a tempo indeterminato, mentre in caso di rinegoziazione del canone dovrà essere indicata la durata prevista in prima registrazione o nell’ultima proroga effettuata. Alla voce “Importo del canone”, invece, deve essere riportato l’importo del canone di locazione annuo o, in caso di contratti di durata inferiore a un anno, l’importo relativo all’intera durata. In caso di comproprietà, indicare il canone per intero, indipendentemente dalla quota di possesso. Trova maggiori informazioni riguardo alla compilazione del Modello RLI sul sito dell’Agenzia delle Entrate.

  • Giuseppe ha detto:

    Se L’articolo è stato scritto per un professionista, non serve.
    Se è stato scritto per un neofita …neanche in quanto impreciso, vago e non esauriente. l’articolo inizia con :”Di seguito ti forniremo le istruzioni per compilare il modello RLI per la risoluzione del contratto. I dati da inserire saranno i seguenti:” L’articolista ha provato a leggere l’articolo, e seguire le indicazioni con davanti una copia del modello RLI?
    Io ho provato e già alla prima riga della sezione A mi sono perso in quanto il codice fiscale del richiedente è alla sezione III, oppure si riferisce al codice fiscale da inserire in testa al foglio che nulla ha a che vedere con la sezione A?
    Poi prosegue con la sezione II e quindi con la III.
    Sono del parere che le informazioni ò si danno in modo puntuale senza pensare che talune cose siano sottintese o è meglio non darle.
    saluti Giuseppe

    • Redazione ha detto:

      Buongiorno Giuseppe, la redazione di SmartFocus è composta da esperti in materia fiscale, tributaria, legale ed immobiliare. Gli articolo vengono scritti in moda da rendere comprensibile a tutti i dati, documenti e modelli della Pubblica Amministrazione. L’autore dell’articolo non solo conosce molto bene la normativa ma, soprattutto, la utilizza quotidianamente offrendo servizio di consulenza ai nostri clienti e lettori. Le informazioni riportate, come potrà verificare con una lettura più attenta, riportano esattamente i dati che devono essere inseriti nella modulistica allegata. Qualora abbia necessità di assistenza nella compilazione del modulo per la registrazione di un contratto di locazione non esiti a contattarci. Cordialità.

      • Lorenzo ha detto:

        Concordo con il Sig Giuseppe, anch’io mi sn perso nella prima riga della sezione A , l’articolo è da rivedere, al momento serve a poco…

        • Redazione ha detto:

          Buongiorno Lorenzo, abbiamo provveduto a rivedere le istruzioni contenute nell’articolo in modo da renderle più semplici e comprensibili. L’articolo è finalizzato a illustrare l’utilizzo del modello RLI nel caso di risoluzione del contratto. Abbiamo inserito una utile dispensa, scaricabile sempre gratuitamente, con le istruzioni complete per la compilazione del modello RLI.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *