Fattura elettronica tra privati: il decreto al via!

Fattura elettronica tra privati: il decreto al via!

In vigore il decreto che prevede un servizio gratuito per la preparazione e l’invio dei documenti a partire dal 1° luglio 2016.

fatturazione digitale

Novità sulla fattura elettronica tra privati

Dopo la rivoluzione della Pubblica Amministrazione, da ieri è entrato in vigore il decreto legislativo sulla trasmissione telematica delle operazioni Iva grazie al quale sarà possibile utilizzare la fattura elettronica tra privati.

Anche se non vi sono per ora sensibili cambiamenti per i privati, il decreto ha ufficializzato i prossimi passi importanti per la diffusione della fattura digitale. In sintesi il decreto prevede che:

  • a decorrere dal 1° gennaio 2017, vi sarà la possibilità di inviare telematicamente all’Agenzia delle Entrate dei dati di tutte le fatture (emesse e ricevute) anche mediante il Sistema di Interscambio
  • dal 1° luglio 2016 sarà possibile utilizzare gratuitamente un servizio base dell’Agenzia delle Entrate per la predisposizione del file contenente i dati della fattura, il suo invio e la conservazione delle fatture elettroniche
  • per alcune categorie di soggetti passivi d’Iva, il servizio di generazione, trasmissione e conservazione delle fatture elettroniche sarà condiviso con quello utilizzato per gli scambi con la pubblica amministrazione.

Il decreto, inoltre, introduce nuove modalità per i controlli fiscali che potranno essere effettuati anche da remoto, riducendo gli adempimenti dei contribuenti.

Vantaggi della fatturazione elettronica

Ma quali benefici si hanno se si decide di aderire alla modalità di fatturazione elettronica? Per i privati che la adotteranno, ci sarà la possibilità di venire meno agli obblighi di comunicazione relativi allo spesometro e alla black list. Inoltre, chi aderisce beneficerà di rimborsi Iva più veloci.

“La fatturazione elettronica tra privati aggiunge un tassello fondamentale all’ambizioso progetto di digitalizzazione dello Stato, partito con la Fatturazione Elettronica verso la Pa a giugno 2014. Quest’ulteriore passaggio agevolerà di molto i rapporti tra Stato e privati garantendo trasparenza ed eliminando sempre più quei vincoli burocratici che le aziende private guardano sempre con sospetto”, ha precisato Luigi Caruso, coordinatore del progetto PMI Digital Edge Sezione IT Unindustria e Presidente del Gruppo CMT. Che continua sottolineando che i provider privati investono ingenti risorse per offrire alle aziende servizi sempre più semplici da utilizzare. Il motivo? Offrire un servizio integrato nel ciclo emissione fattura, conservazione, gestione del back office amministrativo del documento e integrazione con gestionali aziendali tutto a beneficio dell’efficienza competitiva dei processi.

Leggi anche -> Fatturazione elettronica verso la PA, bilancio dei primi 3 mesi

 

Social Media & Community Manager

Ho conseguito la laurea in Economia e Gestione Aziendale e da cinque anni mi occupo di digital marketing. Sono responsabile del blog SmartFocus e gestisco i canali social di VisureItalia® curando i rapporti con la community dei lettori. Ogni giorno mi informo su nuove normative in campo fiscale, tributario o economico e mi piace condividere le mie conoscenze con i nostri lettori.

© Riproduzione riservata

Se hai trovato utile questo articolo o hai bisogno di un chiarimento, lascia un commento nel form a fine pagina o scrivici a smartfocus@visureitalia.com. Inoltre, iscriviti alla newsletter per ricevere gratuitamente aggiornamenti su attualità economica, novità fiscali e tributarie, consigli pratici su normative, leggi e tributi!
Servizi VisureItalia

2 commenti per "Fattura elettronica tra privati: il decreto al via!"

  • Savino ha detto:

    Buona sera, ho ricevuto in eredità un piccolo appartamento con uso esclusivo di una parte del cortile, mia zia ha posseduto per 25 anni tale immobile prima di venire a mancare.
    Posso chiedere io l’uso capione?

    • Redazione ha detto:

      Buonasera Savino, sulla base di quanto da lei scritto ci sembra di capire che lei è attualmente proprietario dell’appartamento in forza di denuncia di successione. L’appartamento si affaccia su un cortile non di sua proprietà ma del quale lei gode l’uso in esclusiva. Sarebbe necessario prima verificare l’atto in forza del quale lei gode dell’uso sul terreno. In ogni caso, può presentare una richiesta di usucapione, sempre che siano trascorsi venti anni dalla data in cui lei è diventato proprietario dell’appartamento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *