Differenza tra Certificazione Unica e CUD

Differenza tra Certificazione Unica e CUD

Se siete lavoratori dipendenti o autonomi, oppure siete già pensionati avrete avuto a che fare con la dichiarazioni dei redditi. I soggetti obbligati a presentarla avranno bisogno di una certificazione che attesti i redditi corrisposti nell’anno d’imposta di riferimento. Quali sono le differenze tra Certificazione Unica e CUD? Vediamolo insieme.

Quali sono le differenze tra Certificazione Unica e CUD

Punto iniziale dal quale dobbiamo partire è che la Certificazione Unica dei redditi di lavoro Dipendente (CUD) attualmente non esiste più. Infatti, non è più in circolazione dal 2015, ovvero da quando è stato sostituita dalla Certificazione unica (CU).

In entrambi in casi si tratta di due modelli necessari per la presentazione della dichiarazione dei redditi. I cambiamenti introdotti da questa sostituzione non riguardano solo una lettera in meno.

Fino al 2014, solo i dipendenti e i pensionati ricevevano a partire dal mese di marzo il CUD, un documento che riepilogava tutti i redditi incassati nell’anno precedente dal loro datore di lavoro o dall’Inps. A partire da questi dati, ogni contribuente che non percepiva soltanto redditi da lavoro o da pensione, che era proprietario anche di immobili o che voleva farsi riconoscere qualche detrazione d’imposta doveva presentare la dichiarazione dei redditi.

Questa procedura è cambiata però nel 2015, quando il CUD è stato sostituito, con il decreto semplificazioni fiscali (D.lgs. 175/2014), dalla Certificazione unica. Il nuovo documento presenta maggiori informazioni rispetto al precedente, ad esempio voci come le detrazioni d’imposta spettanti al contribuente per i familiari a carico oppure le somme versate dal datore di lavoro nei fondi della previdenza integrativa.

La principale differenza tra la Certificazione Unica e CUD è che con la prima vengono certificati in un unico documento tutti i redditi corrisposti nell’anno di imposta di riferimento, relativamente a quelli di lavoro dipendente e assimilati e quelli di lavoro autonomo che prima erano certificati in forma libera.

A cosa serve la Certificazione Unica?

I sostituti d’imposta utilizzano, quindi, la Certificazione unica per attestare i redditi di lavoro dipendente e assimilati, i redditi di lavoro autonomo, provvigioni e redditi diversi nonché i corrispettivi derivanti dai contratti di locazioni brevi. Riceveranno la CU anche anche i liberi professionisti che offrono delle collaborazioni occasionali e continuative alle imprese.

La Certificazione unica è rilasciata, in formato cartaceo o tramite e-mail, al percettore delle somme utilizzando il modello “sintetico” ed è trasmessa telematicamente all’Agenzia delle Entrate con il modello “ordinario”. Il contribuente ha il diritto e compito di sollecitare il sostituto d’imposta per la consegna della CU. In caso di mancata consegna si dovrà denunciare la violazione al competente Ufficio territoriale dell’Agenzia delle Entrate.

Certificazione Unica e CUD per la dichiarazione dei redditi

Prima il CUD e poi la Certificazione Unica, in entrambi i casi si tratta di modelli necessari per la presentazione della dichiarazione dei redditi

I contribuenti lavoratori dipendenti o pensionati che per la presentazione della dichiarazione dei redditi decidono di procedere con la compilazione del 730 ordinario oppure che vogliono modificare o integrare la dichiarazione precompilata, devono infatti munirsi di una serie di documenti prima di recarsi al Caf, al commercialista o di consegnare il modello al sostituto di imposta. Questi sono necessari al fine di poter fruire delle detrazioni e deduzioni che abbattono le tasse dovute per l’anno di imposta.

Cosa portare al Caf per dichiarazione dei redditi?

Verranno sicuramente richiesti i documenti di identità e codice fiscale di tutti i familiari a carico, nonché la dichiarazione dei redditi dell’anno precedente. Se siete possessori di un’immobile a titolo
di proprietà, usufrutto o altro diritto reale dovrete inoltre presentare i suoi dati, ottenibili tramite:

Visura catastale persona fisicaclose

Ti serviranno:

  • Ufficio Catasto
  • Catasto
  • Cognome
  • Nome
  • Codice Fiscale

Questo perché nella dichiarazione dei redditi devono essere dichiarati tutti i redditi, anche quelli che non derivano dal lavoro.

Tra i documenti necessari, come anticipato, vi è anche la Certificazione unica (ex CUD) attestante i redditi di lavoro dipendente, di pensione ed assimilati (trattamento di integrazione salariale, indennità di mobilità, disoccupazione ordinaria e speciale, indennità di maternità, malattia, compensi per rapporti di collaborazioni coordinate e continuative) percepiti.

La Certificazione unica attestante i redditi di lavoro autonomo sarà invece necessaria per la presentazione del Modello REDDITI Persone Fisiche.

 

Content & Community Manager

Ho conseguito la laurea in Economia e Gestione Aziendale e da sei anni mi occupo di digital marketing. Sono responsabile del blog SmartFocus e gestisco i canali social di VisureItalia® curando i rapporti con la community dei lettori. Ogni giorno mi informo su nuove normative in campo fiscale, tributario o economico e mi piace condividere le mie conoscenze con i nostri lettori.

© Riproduzione riservata

Se hai trovato utile questo articolo o hai bisogno di un chiarimento, lascia un commento nel form a fine pagina o scrivici a smartfocus@visureitalia.com. Inoltre, iscriviti alla newsletter per ricevere gratuitamente aggiornamenti su attualità economica, novità fiscali e tributarie, consigli pratici su normative, leggi e tributi!
Servizi VisureItalia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.