Certificato di nascita internazionale tradotto: come e dove richiederlo

Certificato di nascita internazionale tradotto: come e dove richiederlo

Il certificato di nascita internazionale ha un contenuto uguale a quello dell’estratto e viene rilasciato su un modello plurilingue. Vediamo come funziona e quando può essere richiesto.

Cosa contiene certificato di nascita

Il certificato di nascita rientra tra i certificati di stato civile. Si tratta di un documento che attesta l’evento della nascita e, nello specifico, certifica il cognome, nome, data e luogo di nascita.

La richiesta del certificato di nascita può avvenire anche online, senza recarsi personalmente presso l’Uffici di Stato Civile del Comune dove è avvenuto l’evento.

Certificato di nascita online

È possibile ottenere questo certificato anche in forma di estratto. Nell’estratto per riassunto dell’atto di nascita sono riportate, oltre al luogo e data di nascita, tutte le annotazioni contenute nell’atto, come ad esempio il riconoscimento, l’addizione, ecc..

Il rilascio del certificato di nascita internazionale

Il certificato di nascita internazionale presenta lo stesso contenuto dell’estratto ed è rilasciato su un apposito modello plurilingue. È una certificazione di nascita completa di eventuali annotazioni che può essere utilizzata all’estero, precisamente soltanto nei Paesi che hanno aderito a specifiche convenzioni internazionali

Viene utilizzato, quindi, per provare la data e il luogo di nascita di una persona. L’uso di questo documento nei paesi esteri convenzionati non rende necessaria la legalizzazione certificato di nascita italiano e la sua traduzione.

Il certificato di nascita internazionale ha, quindi, una validità immediata in quanto non necessita di ulteriore traduzione e legalizzazione in tutti i Paesi aderenti alle Convenzioni di Parigi del 27 settembre 1956 e di Vienna dell’8 giugno 1976.

In particolare, questo documento è valido e riconosciuto nei seguenti Stati: Argentina, Austria, Belgio, Bosnia-Erzegovina, Bulgaria, Capo Verde, Estonia, Francia, Germania, Croazia, Lituania, Lussemburgo, Macedonia, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Repubblica Moldava, Romania, Serbia e Montenegro, Slovenia, Spagna, Svizzera, Turchia (Legge 24/04/1967, n. 344 e Legge 21/12/1978, n. 870).

Il certificato può essere richiesto dall’interessato o da un suo delegato, muniti di un documento di riconoscimento valido. Gli estratti e i certificati plurilingue hanno validità sei mesi.

A partire dal 1° gennaio 2012 gli estratti plurilingue, come tutti i certificati anagrafici, sono validi solo nel rapporto tra privati (art 15, c. 1, Legge 12/11/ 2011, n 183). Nei rapporti con la Pubbliche Amministrazioni sono sostituiti da autocertificazione, e se presentati ugualmente sono nulli (salvo specifiche eccezioni).

 

Social Media & Community Manager

Ho conseguito la laurea in Economia e Gestione Aziendale e da cinque anni mi occupo di digital marketing. Sono responsabile del blog SmartFocus e gestisco i canali social di VisureItalia® curando i rapporti con la community dei lettori. Ogni giorno mi informo su nuove normative in campo fiscale, tributario o economico e mi piace condividere le mie conoscenze con i nostri lettori.

© Riproduzione riservata

Se hai trovato utile questo articolo o hai bisogno di un chiarimento, lascia un commento nel form a fine pagina o scrivici a smartfocus@visureitalia.com. Inoltre, iscriviti alla newsletter per ricevere gratuitamente aggiornamenti su attualità economica, novità fiscali e tributarie, consigli pratici su normative, leggi e tributi!
Servizi VisureItalia

2 commenti per "Certificato di nascita internazionale tradotto: come e dove richiederlo"

  • Karina Noemi Bernardo ha detto:

    Salve riguardo la validità dei certificati anagrafici da presentare al Consolato italiano in Argentina, anche in quel caso si deve fare un autocertificazione in qto dal 2012 essi sono nulli????

    • Redazione ha detto:

      Buongiorno Karina, la validità di un certificato anagrafico è di sei mesi. Decorso tale termine, il certificato anagrafico è nullo. Per la presentazione di un certificato anagrafico in Argentina, occorre richiedere anche la apposizione della apostilla e la traduzione legalizzata del documento. Trova tutte le informazioni e le modalità di richiesta in questo link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *