Big Data analytics specialist, il professionista del futuro

Big Data analytics specialist, il professionista del futuro

Il 24 novembre si è tenuto il convegno “I Big Data e le Professioni del Futuro” presso l’Università degli Studi di Milano – Bicocca. Sono stati presentati i risultati dell’indagine condotta dal Gruppo Adecco su oltre 3000 imprese per analizzare la figura del professionista del futuro, il Big Data Analytics Specialist.

Big Data professionista

Big Data Analytics il professionista del futuro

Raccogliere, elaborare, gestire, interpretare i dati e le informazioni è fondamentale per le imprese. Le finalità e gli utilizzi sono molteplici. Dal commerciale al marketing, dalla comunicazione alla finanza fino allo sviluppo di nuovi prodotti e servizi. Ma le imprese italiane sono pronte per il grande passo? L’indagine presentata ieri a Milano evidenzia dati contrastanti. Da un lato, il 39,40% delle imprese non ha mai sentito parlare di Big Data e solo l’11,90% dichiara di avere una conoscenza approfondita. Dall’altro, ben il 97,44% ritiene che i Big Data possano rappresentare un’importante opportunità di sviluppo per la propria impresa.

Come sarà il professionista del futuro?

In ambito Big Data le professionalità sono diverse e gli imprenditori hanno individuato quelle più richieste. Il 63,64% ha indicato il Big Data Analytics Specialist come il professionista più ricercato. Il Data Content & Communication Specialist è stato scelto dal 38,64% mentre il 32,95% ha indicato il Big Data Architect. Le imprese hanno difficoltà e, spesso, non sanno come trovare profili adeguati per queste funzioni. Il 54,76% ritiene che siano presenti ma non hanno gli strumenti per selezionare ed individuare quelli corretti. La riprova è data dal fatto che il 60,98% degli imprenditori intervistati considera di poter fare ricorso a competenze interne alla propria azienda.

Il mondo dei liberi professionisti è in continua evoluzione e conteranno sempre di più competenze e specializzazioni, in linea con le direttive europee in materia di EPC e EQF. Quali, secondo le imprese, le competenze specifiche, indispensabili in questo settore?

  • interpretazione e comunicazione dei dati (79,17%)
  • analisi dei dati (77,08%)
  • raccolta dei dati (39,58%)
  • trasformazione dei dati (29,17%)

Secondo Manlio Ciralli, Chief Brand & Innovation del Gruppo Adecco in Italia “I Big Data guideranno l’economia nei prossimi anni e abbiamo il dovere di essere al passo con lo sviluppo di un settore che può avere la capacità di far crescere le imprese del Paese e incidere fortemente sulla competitività internazionale“.

 

Founder & CEO in VisureItalia®

Ho conseguito la laurea in Scienze Politiche e un Master in Gestione ed Amministrazione del patrimonio immobiliare degli enti ecclesiastici e religiosi. Dopo una lunga esperienza in ambito della gestione e messa a reddito di patrimoni immobiliari, nel 1999 ho intrapreso l’attività nel settore delle informazioni immobiliari, collaborando con i principali istituti di credito e gli enti di riscossione. Su SmartFocus aiuto i nostri lettori a capire quali problemi possono essere collegati con le attività di acquisto, vendita o locazione di un immobile.

© Riproduzione riservata

Se hai trovato utile questo articolo o hai bisogno di un chiarimento, lascia un commento nel form a fine pagina o scrivici a smartfocus@visureitalia.com. Inoltre, iscriviti alla newsletter per ricevere gratuitamente aggiornamenti su attualità economica, novità fiscali e tributarie, consigli pratici su normative, leggi e tributi!
Servizi VisureItalia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *