Dichiarazioni di Successione

A seguito del decesso di un parente o congiunto, gli eredi sono tenuti a presentare la dichiarazione di successione all’Agenzia delle Entrate entro un anno dalla data di apertura della successione che solitamente coincide con la data di decesso del parente. L’ufficio dell’Agenzia delle Entrate competente è riferito al comune di residenza del defunto.

Prodotti  

  • La dichiarazione di successione online viene svolta con accertamento delle proprietà immobiliari in capo al de cuius presso una singola Conservatoria. Il servizio è disponibile in tutta Italia.

    € 200,00
  • Il servizio dichiarazione di successione immobili e conto corrente è operativo in tutta Italia e prevede la redazione e presentazione della dichiarazione di successione presso l’ufficio della Agenzia delle Entrate con indicazione dei beni immobili di proprietà del de cuius e di un conto corrente bancario o postale.

    € 300,00
  • La dichiarazione di successione completa prevede la redazione e presentazione della dichiarazione di successione presso l’ufficio della Agenzia delle Entrate con indicazione dei beni immobili di proprietà del de cuius, dei conti corrente bancari o postali, dei veicoli (auto e moto) e delle quote societarie in imprese italiane.

    € 400,00
Mostrando 1 - 3 di 3 articoli

Chi è tenuto a presentare le dichiarazioni di successione?

  • gli eredi (per legge o per testamento)
  • i legatari (i soggetti che subentrano nei diritti solo su un singolo bene immobile e non partecipano all’eredità complessiva), ovvero i loro rappresentanti legali
  • gli immessi nel possesso dei beni, in caso di assenza del defunto o di dichiarazione di morte presunta
  • gli amministratori dell’eredità
  • i curatori delle eredità giacenti
  • gli esecutori testamentari
  • i trust

Come si calcolano le imposte per le dichiarazioni di successione ?
Dal 1° gennaio 2007 (Decreto Legge n. 262 del 3 ottobre 2006, convertito con modifiche in Legge n. 286 del 24 novembre 2007 e successivamente modificato in sede di Finanziaria 2007 Legge n. 296 del 27 dicembre 2006) è stata istituita l'imposta sulle successioni e donazioni, sui trasferimenti di beni e diritti per causa di morte, per donazione o a titolo gratuito e sulla costituzione di vincoli di destinazione, secondo le disposizioni del testo unico delle disposizioni concernenti l'imposta sulle successioni e donazioni, approvato con decreto legislativo 31 ottobre 1990 n. 346, nel testo vigente al 24 ottobre 2001, fatte salve alcune modifiche.

Quali sono i documenti necessari per le dichiarazioni di successione ?

  • certificato di morte in carta semplice
  • copia fotostatica dei codici fiscali sia del de cuius sia di tutti gli eredi
  • copia fotostatica di un documento di identità in corso di validità sia del de cuius sia di tutti gli eredi
  • dichiarazione sostitutiva di atto notorio in carta semplice da cui risultino le generalità del de cuius nonché la parentela e le generalità di tutti i suoi eredi e legatari nonché un'autocertificazione per le agevolazioni prima casa.
Beni immobili

Per ogni bene immobile di proprietà del de cuius da inserire nelle dichiarazioni di successione occorre fornire:

  • una copia della titolo di provenienza o visura nota trascrizione digitale
  • visura catastale per nominativo
  • licenza edilizia, concessioni e condoni nonché eventuali accertamenti di valore
  • qualora i beni immobili fossero privi di rendita catastale, si consiglia di richiedere la preventiva attribuzione della rendita catastale, allo scopo di evitare futuri accertamenti da parte della Agenzia delle Entrate con relativa richiesta di conguaglio e sanzione
  • nel caso di terreni agricoli o edificabili, occorre allegare il certificato di destinazione urbanistica.
Veicoli

Gli autoveicoli intestati al defunto non devono essere inseriti nelle dichiarazioni di successione, ma bisogna fare l'intestazione al P.R.A. a nome degli eredi.

Conti correnti bancari e postali, libretti, titoli

I conti correnti, i libretti di risparmio, i titoli (ad eccezione di BOT e CCT ed altri titoli di Stato), per le successioni aperte dal 3 ottobre 2006 devono essere inseriti nelle dichiarazioni di successione.

Quote societarie

Se il defunto ha lasciato quote di società, portare i seguenti documenti:

  • visura camerale ordinaria del registro imprese
  • statuto impresa aggiornato
  • copia autentica dell'ultimo bilancio integrale, con relativa nota integrativa
  • situazione patrimoniale redatta con riferimento alla data di apertura della successione
  • se necessario, il dettaglio delle singole voci del bilancio o della situazione patrimoniale emergente dal libro inventari
  • la valutazione complessiva del patrimonio sociale, e quindi il valore della quota da indicare in atto
  • se la società è proprietaria di immobili, occorre anche un certificato catastale per uso successione degli immobili sociali

Una volta presentata la dichiarazione di successione, occorre presentare all'ufficio delle imprese un apposito modello per comunicare il trasferimento delle quote dal defunto agli eredi.
Chi vuole che sia compiuta anche questa formalità, deve produrre:

  • un certificato di morte
  • una dichiarazione sostitutiva atto notorio attestante quali sono gli eredi lasciati dal defunto
Veicoli e imbarcazioni

Se il defunto ha lasciato navi, imbarcazioni, aeromobili, esibire:

  • libretto di navigazione per le imbarcazioni
  • certificato dei pubblici registri recante l'indicazione degli elementi di individuazione di navi e aeromobili
I 4 SERVIZI PIU' RICHIESTI