Certificati Pubblica Amministrazione


I certificati della Pubblica Amministrazione vengono rilasciati dagli enti pubblici a persone e imprese e sono dei documenti ufficiali aventi valore legale. Le finalità di richiesta sono limitate agli usi consentiti dalla legge. di legge e soggetti, in alcuni casi, alla apposizione di marche da bollo o diritti di segreteria. In base alla Direttiva del Ministero della Pubblica Amministrazione del 22 dicembre 2011, le amministrazione pubbliche e i gestori di servizi pubblici non possono né richiedere né accettare certificazioni rilasciate da altri enti della Pubblica Amministrazione. I certificati rilasciati dagli enti della Pubblica Amministrazione possono, quindi, essere utilizzati solo nei rapporti tra privati.

Gli enti che rilasciano i certificati sono:

  • Agenzia delle Entrate
  • Camera di Commercio
  • Catasto
  • Tribunale, Ufficio del Casellario Giudiziale
  • Ufficio Anagrafe e Stato Civile del Comune
  • Ufficio di Pubblicità Immobiliare, ex Conservatoria dei Registri Immobiliari
  • Certificati Anagrafe del Comune


    I certificati Anagrafe del Comune offrono al cittadino la possibilità di richiedere online in modo semplice e senza dover fare lunghe file agli sportelli diverse tipologie di documenti ufficiali rilasciati dall'Ufficio Anagrafe o dall'Ufficio di Stato Civile del Comune. È possibile richiedere il documento come certificato, estratto dell'atto o copia conforme dell'atto. Chiunque può presentare la richiesta di certificato in quanto si tratta di atti pubblici non soggetti alla normativa Privacy.

    L'Ufficio Anagrafe rilascia i certificati di:

    • nascita
    • residenza, attuale e storica
    • residenza AIRE
    • stato di famiglia, attuale e storico

    L'Ufficio Stato Civile rilascia i certificati di:

    • matrimonio
    • morte
    • stato libero

  • Certificati Casellario Giudiziale Tribunale


    Il Casellario Giudiziale presso il Tribunale contiene tutti i dati relativi a provvedimenti in corso (carichi pendenti) o alle sentenze in materia penale (art. 25 T.U.), civile e amministrative (art. 26 T.U.) riferiti a persone fisiche, ditte individuali e persone giuridiche. Con il D.lgs 122/2018 entrato in vigore in data 26 ottobre 2019, i certificati rilasciati dal Casellario Giudiziale sono unificati e riassumono gli ex certificati penale e civile.

    Nel certificato vengono riportate:

    • le sentenze di condanna in violazione del Codice Penale
    • le sanzioni interdittive allo svolgimento di una attività lavorativa a contatto con i minori
    • i provvedimenti di inabilitazione, interdizione giudiziale e legale, amministrazione di sostegno
    • i fallimenti
    • i provvedimenti di perdita o revoca della cittadinanza
    • le sentenze amministrative dipendenti da reati commessi da amministratori di ditte e persone giuridiche
    • le sentenze penali iscritte alla banca dati ECRIS del Casellario Giudiziale Europeo.
  • Certificati Catastali Online


    Il Catasto è la banca dati di tutti gli immobili, terreni e fabbricati, presenti nel territorio nazionale. Ogni unità immobiliare urbana e ogni terreno è censito attraverso i dati identificativi catastali (sezione urbana, foglio, particella, subalterno, classe, categoria catastale) e collegato ad una ditta catastale, costituita da una o più persone, fisiche o giuridiche, che risulta intestataria dei beni immobili. La  funzione del Catasto è principalmente fiscale e reddituale attraverso la attribuzione della rendita catastale per i fabbricati e del reddito dominicale e agrario per i terreni. Il Catasto in Italia non ha valore probatorio in quanto non consente di provare la titolarità dal punto di vista giuridico di un immobile in capo ad un soggetto. Infatti, solo attraverso la visura ipotecaria in Conservatoria è possibile certificare la titolarità di un diritto reale.

    La piattaforma Sister della Agenzia delle Entrate consente di svolgere le ricerche relative agli immobili censiti al Catasto Terreni e al Catasto Fabbricati. Il certificato catastale ventennale è un documento con valore legale rilasciato dagli Uffici Provinciali del Catasto che riporta le risultanze catastali di una unità immobiliare nei venti anni antecedenti unitamente alla elaborazione grafica dell’immobile, la planimetria catastale nel caso dei fabbricati o la mappa catastale nel caso dei terreni.

  • Certificati Ipotecari Conservatoria Registri Immobiliari


    Gli Uffici di Pubblicità Immobiliare, ex Conservatoria dei Registri Immobiliari, possono rilasciare dei certificati che attestano la continuità delle trascrizioni ed iscrizioni relative ad un immobile nei venti anni antecedenti. La Conservatoria, previa richiesta in forma scritta presentata presso gli Uffici con il modello 311, rilascia in particolare il certificato ipotecario che contiene la copia conforme di tutti gli atti notarili in formato elettronico e cartaceo, riferiti ad un dato soggetto in un periodo dato (dal .. al).

    Nei Pubblici Registri Immobiliari presso la Conservatoria RR.II. vengono depositati tutti gli atti pubblici di trasferimento di diritti reali di godimento o di garanzia quali ad esempio:

    • compravendita
    • donazione
    • divisione
    • cessione
    • usucapione
    • fondo patrimoniale
    • ipoteca (volontaria, legale, giudiziale, esattoriale)
    • decreto ingiuntivo
    • pignoramento


    È solo attraverso la consultazione dei Registri Immobiliari che è possible attribuire la titolarità di una unità immobiliare dal punto di vista giuridico ad una persona, fisica o giuridica. L'accesso alla banca dati della Conservatoria può essere effettuato online, tramite Sister, per tutti gli atti in formato meccanizzato fino al 1985. La consultazione o visura degli atti in formato non elettronico deve essere svolta ai Repertori Cartacei della Conservatoria.

    Il sistema di pubblicità immobiliare è previsto nel nostro ordinamento dal Codice Civile e dalla Legge n. 52 del 1985. L'aggiornamento costante viene garantito dalla trascrizione o iscrizione di tutti gli atti pubblici che garantiscono il principio della "opponibilità" in forza del quali gli atti notarili possono essere opposti ai terzi solo se hanno evidenza pubblica, quindi in forza della loro trascrizione o iscrizione.

  • Certificati Camera di Commercio


    I certificati di iscrizione alla Camera di Commercio sono dei documenti ufficiali, stampati su carta filigranata e nei quali vengono apposti le contromarche olografiche di diverso colore a seconda della tipologia di certificato. I certificati attestano, per tutti gli usi di legge, tutti i dati riferiti ad una impresa iscritta al Registro Imprese della Camera di Commercio. Solo la stampa su carta filigranata e la apposizione delle contromarche conferiscono il valore legale del documento.

    I dati contenuti nel certificato sono: numero di iscrizione al registro imprese o al R.E.A.; denominazione; codice fiscale; sede legale e unità locali; data di costituzione; capitale sociale e composizione delle quote societarie; oggetto sociale; descrizione dell’attività; titolari di cariche e qualifiche.


    È possibile estrarre cinque tipologie di certificato:

    1. certificato di iscrizione
    2. certificato storico
    3. certificato artigiano
    4. certificato di vigenza attuale
    5. certificato di vigenza storico

    La durata di validità dei certificati Camera di Commercio è di 6 mesi dalla data del rilascio (art. 41, comma 1, DPR 28 dicembre 2000, n. 445).

  • Certificati Agenzia delle Entrate


    La Agenzia delle Entrate rilascia diversi tipologie di certificati validi ad uso legale per finalità fiscali e che attestano lo stato giuridico e la posizione fiscale o la regolarità contributiva di un soggetto, persona fisica o giuridica. I certificati rilasciati dalla Agenzia delle Entrate consentono, inoltre, di accertare i debiti verso il Fisco pendenti a carico di una persona o di una azienda in relativi alle imposte IRPEF per le persone fisiche, IRES per le imprese, IVA per liberi professionisti e imprese, imposte di registro, imposte ipotecarie e catastali e altri tributi dovuti per legge, non corrisposto o saldati in ritardo e, quindi, soggetti a sanzioni e interessi di mora. 

    I certificati che attestano lo stato giuridico e la posizione fiscale sono:

    • certificato di attribuzione della partita IVA
    • certificato partita IVA uso legale
    • certificato di cessazione della partita IVA
    • certificato di attribuzione del codice fiscale
    • certificato di residenza fiscale
    • certificato contro le doppie imposizioni

    I certificati che attestano la regolarità contributiva sono:

    • certificato dei carichi pendenti
    • certificato di regolarità fiscale
I 4 SERVIZI PIU' RICHIESTI